Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / alessandria / Serie C
Pres. Lega Pro: "Impossibile che in 1ª classe si stappi champagne e in 3ª si fatichi a mangiare"TUTTO mercato WEB
giovedì 30 novembre 2023, 10:49Serie C
di Claudia Marrone

Pres. Lega Pro: "Impossibile che in 1ª classe si stappi champagne e in 3ª si fatichi a mangiare"

"Noi lavoriamo di squadra. Non farò mai l’uomo solo al comando": in una lunga intervista rilasciata al quotidiano il Corriere dello Sport, esordisce così il presidente della Lega Pro Matteo Marani, a capo della terza lega calcistica da ormai dieci mesi. Succeduto a Francesco Ghirelli, Marani, da giornalista Sky e presidente del Museo del Calcio di Coverciano, è stato catapultato ai vertici di una delle più complesse leghe calcistiche, alla quale sta provando a far fare dei passi avanti .
"Siamo arrivati a trasmettere su Sky, che ringrazierò sempre - prosegue Marani -, abbiamo per la prima volta un title sponsor, Now, abbiamo distribuito ai club il doppio dei ricavi delle tv superando il tetto dei 6 milioni. E oggi con 18 regioni rappresentate, 4 milioni di tifosi e un’attenzione ai costi nata con il mio predecessore Ghirelli siamo più sostenibili. La soddisfazione più grande è vedere nei presidenti un nuovo orgoglio nel far parte della categoria: prima volevano tutti scappare via.

Però non è possibile che in prima classe si stappi lo champagne e in terza si fatichi a mangiare. Spesso qui in sede guardo il Pallone d’Oro che i club regalarono a Franchi quando fu eletto presidente Uefa: quello era un sistema che faceva squadra e che infatti vinceva".

E conclude: " La categoria che ha lanciato Baggio, Riva, Zola e tanti altri ha il 2% della mutualità del sistema. La Bundes alle serie inferiori riversa il 20%, la Ligue1 il 19%, la Premier vende i diritti tv insieme alle categorie minori, in Spagna quelli commerciali sono in parte divisi. La riforma è questione di sostenibilità. Gravina ha convocato un’assemblea a marzo per togliere il diritto d’intesa se le componenti non si mettessero d’accordo. Siamo al punto di non ritorno".