HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Altre Notizie

5 dicembre 1987: moriva Pier Cesare Baretti

05.12.2008 08:39 di Redazione TMW.   articolo letto 8929 volte
5 dicembre 1987: moriva Pier Cesare Baretti

Il 5 dicembre 1987 muore Pier Cesare Baretti, al tempo rampante presidente viola, precipitando a bordo del suo aereo privato. Ottimo giornalista e brillante manager, subentrò nel 1986 a Ranieri Pontello alla guida della Fiorentina. Era, quello, un periodo di forte ridimensionamento per i viola, ma nonostante questo, "Pierce", con la sua personalità ed il suo zelo, aveva in breve tempo conquistato la fiducia e la stima della tifoseria viola.

Il ricordo di Ranieri Pontello da Tuttosport del 5-12-2007:
"PIER CESARE Baretti ricopriva il ruolo di direttore generale della Lega, io ero il vice presidente, oltre ad essere presidente della Fiorentina. Un impe­gno che volevo lasciare e per il quale avevo ritenuto Pierce il profilo più adatto. Così durante una riunione di Lega, nel corso delle quali sedevamo l'uno a fianco dell'altro, mi avvicino al suo orecchio e quasi sussurrando gli propongo di succedermi. Pochi giorni dopo potei valutare una delle peculia­rità del professionista: la capacità di inquadrare la situazione e decidere ve­locemente. Ne parla infatti con Matar­rese che lo aveva voluto in Lega e pochi giorni dopo lo accogliamo a Firenze. Come famiglia Pontello eravamo co­scienti di aver compiuto la scelta mi­gliore, il merito di Pierce fu la capacità di entrare in sintonia con la città. Fi­renze e una realtà complessa e a mag­gior ragione può esserlo per un carat­tere tipicamente piemontese come il suo. La correttezza nel giudicare la realtà e nel presentare la verità, som­mate al fatto che Pierce fosse un gran­de lavoratore, indussero i fiorentini a fidarsi di lui e del suo modo di opera­re. Scrivendo di Baretti a Firenze è do­veroso esaltarne i meriti avuti nel re­cupero di Roberto Baggio. Fu lui a cre­dere senza esitazioni alle potenzialità del calciatore, come fu lui a credere nel­la possibilità che Baggio potesse recu­perare pienamente dall'infortunio al ginocchio. Chiamò a Firenze Carlo Vit­tori, già preparatore atletico di Pietro Mennea, e vinse la scommessa. Termi­no chiarendo che fu Pierce, a metà an­ni '80, il primo presidente di una so­cietà a disporre con estremo rigore il tetto agli ingaggi. Un rigore, ammor­bito dal sorriso, che ne ha contraddi­stinto l'operato. "


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

TMW - Parma, contatti per Hernanes dell'Hebei China Fortune Parma a lavoro sul mercato. Nel mirino il centrocampista ex Lazio, Inter e Juventus, Hernanes. Il brasiliano attualmente all’Hebei China Fortune è un’idea dei gialloblù. Una possibilità che può diventare concreta nelle prossime settimane. Il Parma pensa ad Hernanes...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->