HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Altre Notizie

Claudio Nassi: Ma Sacchi?

15.02.2018 07:37 di Redazione TMW  Twitter:    articolo letto 10349 volte
Fonte: Claudio Nassi.com

A me hanno insegnato tutto. Sono sempre stato curioso, ho ascoltato e cercato di imparare ovunque. Nel '78 alla Pistoiese ho cominciato a lavorare con lo psicologo, ma sapevo che la nazionale brasiliana l'aveva al seguito nel '58 in Svezia, quando vinse il primo Mondiale. Nello stesso anno cominciai a fare lo scout nel calcio, ma per il basket, che molto mi ha insegnato, era la prassi. Nell''82 fui il primo a fare il procuratore in Italia, ma cercavo di ripetere quello che Mc Cormack e Donald Dell facevano negli USA con i campioni del tennis e del golf. Nell''84 a Perugia si andava in campo col computer e l'allenatore, alla fine del primo tempo, aveva i dati relativi ai suoi e agli avversari, ma per il basket era normale. Poi, non so come, mi è capitato di acquistare o far acquistare il meglio che c'era in circolazione dal '78 al '90, da Salsano, non ancora 14enne, a Dossena, Pellegrini, Renica, Vierchowod, Mancini, Galia, Pari, Mannini, Vialli, Berti, Baggio e Van Basten, di cui conservo incorniciato il preliminare di contratto. Mi piace ricordare che il più vecchio aveva 23 anni e, con i giovani, mi hanno insegnato, non si rimette mai. Ah, stavo per dimenticare il 21enne Redondo. Alla sera a casa del Presidente, con Cosentino e Menotti, era tutto concluso e al mattino non più. Per Mancini e Vialli era lento. Gli preferirono Mikhailichenko. Ma sono riuscito a tanto grazie al fatto di avere Presidenti Melani, Mantovani, Ghini e Pontello, che mi avevano dato carta bianca. Ho avuto il piacere di stare a contatto con uomini che conoscevano il calcio, con i quali confrontarsi e accrescere il proprio bagaglio. Ricordo Ellena, Santos, Bearzot, Lucchi, Boniperti, Valcareggi, Liedholm, Sandro Vitali, Riccardo Sogliano, Biagiotti, Favini, Clagluna, Fascetti e altri, che mi hanno fatto credere di capire qualcosa.

Ma questo viene a cadere quando sento parlare o leggo Sacchi. Eppure di lui so quasi tutto. Una volta andai anche a trovarlo in ritiro col Milan a Forte dei Marmi. Evitai la visita a Milanello. Dai comportamenti della squadra ebbi spiegazione di tutto. Non ce l'ho con l'Arrigo allenatore, ma con coloro che l'hanno seguito, pensando che a vincere fossero gli schemi. La penso diversamente. A 40 anni ebbi un'illuminazione da un mio calciatore. Mi spiegò che a decidere erano quelli che scendevano in campo. Conosco anche una frase di Alfredo Di Stefano, "Conta il talento, non l'allenatore", e il suo Real Madrid dava spettacolo. E non dimentico quella di Van Basten: "Di dieci allenatori che ho avuto, uno mi ha insegnato qualcosa (e questo è Cruyff), tre non hanno lasciato il segno e sei hanno rischiato di rovinarmi". Qualcuno aggiunge che in passato si leggevano i tabellini con i nomi dei calciatori, ma non c'era quello dell'allenatore. Un caso? Ecco perché quando sento dire da Arrigo che si pensa solo a vincere e non a un calcio di coraggio, bellezza ed emozione, oppure che dedicava poco tempo alla tecnica individuale e la allenava mentre educava il gioco di squadra, vado in paranoia, perché, nonostante i tanti maestri e la veneranda età, non ho ancora capito nulla. Non rimane allora che invitarlo a Lady Radio per spiegare agli ascoltatori come si può continuare a vincere senza giocar bene, perché chi vince così - aggiunge - non lascerà idee da ricordare, ma solo vittorie. Dopo aver detto che non credo ancora a ciò che ho letto, domando come sia possibile che negli USA, dove hanno inventato lo sport professionistico, esista un dogma: "Non conta vincere, ma solo vincere". Arrigo, mi raccomando, vieni a spiegarcelo!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

TOP NEWS Ore 17 - Napoli, c'è Insigne. Roma e Juve, assenze pesanti Le voci dei protagonisti, le esclusive di mercato e tanto altro su TMW: di seguito le notizie più importanti del pomeriggio. Napoli: Insigne c'è, ecco i convocati per Parigi. Verdi, l'esito degli esami - Leggi la news, CLICCA QUI! Inter, gli esami: distorsione alla caviglia...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy