HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Altre Notizie

Coppa d'Africa, Sow l'uomo della provvidenza. Ghana piegato all'esordio

19.01.2015 19:40 di Michele Pavese  Twitter:    articolo letto 18423 volte
Coppa d'Africa, Sow l'uomo della provvidenza. Ghana piegato all'esordio

Cammino in salita per il Ghana. Le Black Stars, affidate alle cure di Avram Grant dopo il fallimento Mondiale, cedono all'ultimo respiro contro un ottimo Senegal e mettono a rischio la qualificazione ai quarti di finale. La squadra di Giresse si impone per 2-1 con pieno merito, ribaltando lo svantaggio iniziale grazie alle reti di Diouf e di Sow (al 94'), e si candida come rivelazione del torneo continentale africano. Non è stata una partita entusiasmante né sotto il profilo tecnico, né dal punto di vista dei ritmi di gioco. Entrambe le formazioni hanno palesato grandi limiti in fase di impostazione. La condizione fisica del Senegal e i cambi operati da Giresse hanno fatto la differenza nella ripresa: in particolare, è stato decisivo l'ingresso in campo di Lamine Gassama, terzino destro del Lorient, che ha limitato le incursioni di Atsu (il più insidioso dei ghanesi nel corso della prima frazione) e si è reso più volte pericoloso in fase offensiva. Con Gassama, il Senegal è passato dal 3-4-3 di partenza ad un più funzionale 4-3-3, aprendo molto il gioco sulle corsie esterne e mettendo in costante apprensione la retroguardia ghanese. Ma l'uomo della provvidenza si chiama Moussa Sow: entrato a dieci minuti dalla fine, con la sua zampata allo scadere ha consegnato i tre punti ai senegalesi. I protagonisti più attesi del match disputato all'Estade de Mongomo erano senza dubbio i fratelli Ayew. André, nonostante il penalty realizzato, non ha impressionato: troppi appoggi sbagliati e raramente incisivo, non è mai riuscito a cambiare passo. Jordan, invece, ha interpretato bene il primo tempo, ma nei secondi 45' è rimasto molto isolato in avanti, scomparendo con il passare dei minuti. Il Ghana si è fatto schiacciare dal Senegal per larghi tratti, subendo la fisicità dei centrocampisti avversari (Kouyaté su tutti), e l'imprevedibilità di Pape Kouly Diop (esterno tuttofare in forza al Levante) e Mame Biram Diouf (punta dello Stoke City), i migliori in campo in assoluto. Badu e Rabiu non hanno garantito sempre un filtro adeguato a centrocampo, dove si avverte la mancanza di un uomo che faccia da raccordo con l'attacco e di muscoli. In questo senso pesano molto le assenze dei vari Muntari, Asamoah, Essien e Boateng, non convocati dall'ex tecnico del Chelsea per motivi differenti. La sfida di venerdì contro la super favorita Algeria è già un'ultima spiaggia per il Ghana, mentre il Senegal si prepara ad affrontare il Sudafrica per chiudere i conti e assicurarsi il passaggio del turno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Probabili formazioni

Primo piano

...con Lupo “La Juventus, quest’anno in particolare, affronta tutte le partite col giusto piglio e senza considerarle facile o difficili”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore sportivo del Palermo, Fabio Lupo. Lo Young Boys è avversario abbordabile. “Rappresenta un campionato più piccolo,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->