Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

Coppola (AIC): "In B falliscono più club che in C: non strumentalizziamo la cosa"

ESCLUSIVA TMW - Coppola (AIC): "In B falliscono più club che in C: non strumentalizziamo la cosa"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 28 maggio 2020 17:34Altre Notizie
di Claudia Marrone

E' attesa, in Italia, per l'incontro tra il Governo e la FIGC che sancirà, con grande certezza, la ripartenza del calcio. Che ha pesantemente risentito della crisi legata al Covid-19, ma è ora pronto a riniziare, seppur con delle diversità, anche circa le esigenze, delle varie categorie.
Un punto della situazione, ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com, è stato fatto dal consigliere dell'AIC Danilo Coppola.

A breve il via all'incontro tra il Governo e la FIGC: cosa ci dobbiamo aspettare?
"L'attenzione è focalizzata sulla ripartenza della Serie A, che fa da traino al sistema, l'economia del sistema parte da li soprattutto con i diritti tv. Fermarla definitivamente mette a rischio anche le altre categorie, quelle inferiori, quindi intanto diamo il nuovo via alla massima serie, poi a cascata tutto il resto, anche per la regolarità dei campionati. Abbiamo visto che, a esempio in C, lo stop definitivo con la cristallizzazione delle classifica ha dato problemi, solo il campo non dà contenziosi, ma chiaramente, se si dovesse proprio capire che la ripresa è impossibile, si troverà una soluzione che di certo non farà felici tutti, si dovrà valutare la meno dolorosa, ma aspettiamo a dirlo".

C'è poi il nodo stipendi legato alla ripartenza.
"La stagione durerà due mesi in più, che compenseranno l'inattività attuale, quindi ci saranno meno tensioni tra le parti, anche conterà molto quello che decideranno le società. Spero però che per i pagamenti non occorra attendere i controlli federali, le scadenze vanno comunque rispettate ma senza per forza il pugno duro. Mi auguro ci sia buonsenso".

A proposito di controlli, sembra che la C sia la categoria con il futuro maggiormente a rischio, è così?
"Chi doveva retrocedere sta facendo carte false per rimanere in C, chi è in D e non è arrivato primo vuole comunque avere la possibilità di ripescaggio: mi manca quindi qualche tassello: è davvero in crisi la C? O si cerca una strumentalizzazione del problema? Alla fine è la Serie A la categoria più indebitata, e in B fino a poco fa si parlava del 15% dei fallimenti contro il 10% della C: il problema non è questo, quanto semmai il fatto che retribuzioni diverse aiuterebbero, ma per riforme intendo regole importanti e controlli che vadano a delineare davvero il professionismo, oltre poi a una defiscalizzazione diversa che non mi sembra però tra le imminenti riforme del Governo. Però per cambiare non ci si deve basare sui numeri, sarebbe una follia, servono migliorie di diverso genere: qualcosa era stato fatto, ma è chiaro che con questa situazione qualche passo indietro era preventivabile".

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000