HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Altre Notizie

ESCLUSIVA TMW - Stefano Carobbi: "Io, il Milan e gli scherzi di Ancelotti"

26.12.2012 12:15 di Chiara Biondini   articolo letto 13685 volte
Fonte: di Lorenzo Marucci
© foto di Federico De Luca

In esclusiva ai microfoni di Tuttomercatoweb.com, ha parlato della sua carriera Stefano Carobbi, ex giocatore che militò nella Fiorentina e nel Milan.

Con i rossoneri hai vinto tutto, anche due Coppe Intercontinentali?
"E' stata una bellissima esperienza, anche se lasciare Firenze è stata una sconfitta, andando là ho imparato a vedere come ci si comporta per vincere questo me lo porterò sempre dietro".

Rifaresti la scelta di lasciare Firenze in cui avevi un posto fisso, per andare al Milan dove comunque hai giocato poco?
"Ho giocato poco perchè mi sono infortunato, non è che la dovevo fare io la scelta, ma della società, mi sono ritrovato al Milan, non dico che mi ci sono trovato male, ci sono stato bene, ma il mio sogno era rimanere a Firenze".

Curiosità della Coppa Intercontinentale.
"Era un grande gruppo, io mi ricordo che prima di entrare in campo Ancelotti parlava dicendo che quei 90 minuti erano tutto e che dovevamo vincere a tutti i costi e vedevo negli occhi di chi scendeva in campo, un furore agonistico incredibile".

Aneddoto.
"Un anno venne Berlusconi a Milanello, e mise in lotteria un orologio di grosso valore, si cominciò a fare questa lotteria con i bigliettini con tutti i nomi dei giocatori, l'ultimo vinceva l'orologio. Eravamo rimasti gli ultimi due io e Agostini, e lo prese lui. Però è stata carina la cosa, sapeva come fare a creare entusiasmo anche in queste cose il presidente".

Rapporto con Berlusconi
"Con lui ci ho parlato sia quando stavo lì che ero infortunato e mi venne a trovare, ma la cosa più bella, dopo che sono tornato a Firenze, perchè gli chiesi di tornare a Firenze, dopo Milan-Fiorentina, mi chiamò a casa, pensavo che fosse uno scherzo, dicendomi che mi aveva apprezzato di più come persona come uomo, e mi ha fatto molto piacere. Questo è da ricondurre quando in Coppa dei Campioni, durante la partita Milan- Bruges, Tassotti fece un fallo da ammonizione, sapendo che lui sarebbe stato squalificato la gara successiva, andai verso l'arbitro per prendermi l'ammonizione, pur sapendo che se non c'era lui io giocavo, ma se avesse giocato lui avevamo più chance di passare il turno, misi davanti la squadra all'aspetto egoistico di poter giocare. Quello lui lo apprezzò e scese negli spogliatoi del fatto che questo era lo spirito giusto per vincere qualcosa".

Galliani
"Fu lui a Torino che mi chiese cosa volevo fare. Non avevano intenzione di mandarmi via, volevano rinnovarmi il contratto. Io ho 27, gli dissi, mi ritrovo in sala a guardarmi la foto con io capitano della Fiorentina e mi metto a piangere, la vedo dura rimanere qua. Allora mi disse che c'era il Parma e la Samp e io risposi che doveva fare di tutto per rimandarmi a Firenze".

Sacchi
"Bellissimo rapporto, anche a livello familiare, un grande personaggio e una grande persona".

"Ho ricevuto tanti scherzi nella mia carriera, ma non ne ho fatti tanti. Ancelotti era quello più propenso a fare degli scherzi, poi c'era Galli".

"Tanti auguri di Buon Anno spero che il prossimo anno porti sempre qualcosa in più di questo, e tutte le soddisfazioni possibili ed inimmaginabili e che i vostri progetti si realizzino".

Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.
Esclusiva TMW: Stefano Carobbi parla della sua esperienza al Milan © video di Lorenzo Marucci


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Europa

Primo piano

Serie B, Benevento avanti al 45° sull'Hellas. In gol Coda Il Benevento chiude in vantaggio il primo tempo del Bentegodi contro l'Hellas Verona. La prima occasione arriva al 13° con Armenteros e Ricci che non trovano la via del gol, parato il tiro dell'attaccante, fuori di poco quello del centrocampista. È poi ancora Ricci poco dopo la mezz'ora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510