HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Altre Notizie

Macellari: "Alleno i giovanissimi del Bobbio"

23.02.2011 10:35 di Redazione TMW.   articolo letto 8258 volte
Fonte: Sky Sport

Alla ricerca dell vecchie glorie, la redazione di Sky Sport ha intervistato Fabio Macellari, che è stato protagonista della prima squalifica con prova tv della storia della serie A. Quella testata di Ibrahim Ba ricevuta durante un Perugia-Cagliari resterà nella storia, il rancore no. Fabio Macellari vive a Bobbio dove è tornato con la sua famiglia dopo aver girovagato in lungo e in largo per l'Italia. "Lavoro con mio cugino, taglio la legna oppure vado in giro con il camioncino dell'immondizia - dice - Poi alleno i giovanissimi del Bobbio e alla sera ho gli allenamenti della prima squadra, siamo in prima categoria".

Il calcio è rimasto una passione da coltivare ancora su un campo, ma fuori dal terreno di gioco Macellari è un vocalist per nulla male: "Mi è sempre piaciuto cantare - spiega - Un gruppo di ragazzi a cui serviva una voce mi ha tirato in mezzo e allora faccio anche questa cosa. Il repertorio? Led Zeppelin, Deep Purple ma anche Biagio Antonacci che a me piace molto".

La parte importante della carriera di Macellari, terzino di spinta potente e veloce, è cominciata a Cagliari. Tre anni indimenticabili prima della chiamata dell'Inter: "Una maglia talmente bella - dice - Oltre alla mia, ovviamente, ne conservo solo una, qella di Ronaldo. Io lo prendevo in giro per i suoi denti, lui per il mio naso".

A volere fortemente Macellari in nerazzurro fu Lippi che però a campionato inoltrato se ne andò: "Giocai sempre di meno e non mi andava di vivacchiare a Milano per questo ho chiesto di essere ceduto al Bologna".

L'avventura in rossoblù, cominciata con buonissime premesse, però, si complicò con un crac, quello al ginocchio: "Da lì per debolezza o sconforto ho cominciato a fare ciò che un calciatore non dovrebbe - racconta - stare sveglio fino a tardi, usare cose che non si devono usare, la droga, la discesa fu velocissima perché non sei più lucido quando fai certe cose".

Poi la nuova avventra in Sardegna e nuovi problemi per essere rientrato in ritiro alle 10 del mattino dopo un litigio con la fidanzata: "Avevo allenamento e francamente ero impresentabile". Nessun rimpianto per l'ultima parte della carriera: "Ma se non ci fossero stati gli episodi di Bologna non sarei tornato in Sardegna, non avrei conosciuto Claudia e non avrei avuto mio figlio che, onestamente, entrambi sono molto più di quando ero in serie A"


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Il giorno di Piatek: il Milan abbraccia un nuovo 9 Il giorno di Krzysztof Piatek è finalmente arrivato. Il polacco è a un passo dall'essere il nuovo centravanti del Milan, un bell'obiettivo per chi - fino a pochi mesi fa - era solamente uno sconosciuto. Dai quattro gol contro il Lecce, in Coppa Italia, lo scorso 12 agosto, fino ad...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->