HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Altre Notizie

Pippo Inzaghi: "Così sfumò il mio sogno napoletano"

Il bomber del Milan ricorda la trattativa del 1995. "Giocavo con il Parma e c'era perfino il contratto"
08.01.2008 15:53 di Appi .   articolo letto 14000 volte
Fonte: IL MATTINO

Filippo Inzaghi e il Napoli, una storia che si intreccia nuovamente. L'attaccante che più di ogni altro ha segnato nelle coppe europee (63 reti, una in più di Gerd Muller) ha ricordato come nel 1995 fosse a stato a un passo dalla maglia azzurra. Un bivio della sua vita calcistica che non ha mai cancellato, probabilmente anche per come si è sviluppato. "Ero già tutto fatto, dovevo solo firmare. Poi segnai in coppa e il presidente del Parma, Pedraneschi, strappò il contratto con il Napoli. In quel periodo c'erano grandi attaccanti nel Parma e io giocai anche con due dita rotte per sbaragliare la concorrenza", ha ricordato Inzaghi. L'ex patron del Napoli, Ferlaino, aveva trovato l'accordo con la famiglia Tanzi e con il giocatore. Mancava soltanto di mettere nero su bianco con il Parma. Poi però le dichiarazioni dell'allenatore Boskov ("Preferisco Imbriani a Inzaghi") e soprattutto la prestazione dall'attaccante in Coppa delle Coppe contro l'Halmstad convinsero la dirigenza emiliana a bloccare il trasferimento. La prestazione in Europa aveva promosso Inzaghi nel nuovo idolo della piazza gialloblù e Tanzi decise di tenersi il promettente attaccante. Sono trascorsi più di dodici anni, però molti tifosi del Napoli non hanno ancora dimenticato quel mancato acquisto che avrebbe potuto cambiare la storia degli azzurri e, soprattutto, il diretto interessato non ha per nulla cancellato quel momento (decisivo) della sua carriera. "Sì, potevo essere azzurro". Ora il Milan e Inzaghi ritrovano il Napoli. L'ultima volta è stata il 25 novembre 2000 con un successo di misura dei rossoneri (1-0, gol di Ambrosini), ma in quell'occasione l'attaccante vestiva ancora la maglia della Juventus. Stavolta sarà la prima volta che sfiderà il Napoli con la casacca del Milan campione del mondo e d'Europa. E ha rischiato di dover star fuori, di vedere la partita dalla tribuna. Infatti, nei giorni scorsi, è stato ricoverato all'American Hospital di Dubai per una colica renale. Niente di grave, tanto che è già stato dimesso e ieri si è addirittura allenato con la squadra. Lo stesso Ancelotti ha pubblicamente dichiarato che sarà a disposizione domenica per la ripresa del campionato, anche se c'è potrebbe partire dalla panchina. Infatti, domenica sarà il giorno di Pato Alexandre, paragonato da Ancelotti a un ex grande campione del Napoli, a pochi giorni dalla sfida con gli azzurri: "Questo ragazzo può giocare con tutti, in certi momenti mi ricorda Careca".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

TMW - Foggia, altra giornata di casting per l’allenatore: gli scenari Un’altra giornata importante in casa Foggia per decidere a chi affidare la panchina. Delio Rossi sale posizioni, al momento appare difficile che Delneri possa accettare anche se lo scenario potrebbe cambiare nelle prossime ore. Il Foggia non ha ancora deciso, probabilmente lo farà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->