Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Verona, Jorginho è italiano: "Se mi chiama la Nazionale..."

Verona, Jorginho è italiano: "Se mi chiama la Nazionale..."TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
martedì 02 ottobre 2012 17:36Altre Notizie
di Antonio Vitiello
fonte gianlucadimarzio.com

Frello Filho Jorge Luiz, conosciuto come Jorginho, è un cittadino italiano. Ve ne avevamo parlato ieri, il giovane talento 21enne del Verona, diventa italiano e può essere convocabile dall'Under 21. Oggi, a Palazzo Barbieri è stato ricevuto dal sindaco Flavio Tosi per la firma di rito. Originario di Lusiana (provincia di Vicenza), Jorginho ha acquisito la nazionalità italiana per "nascita". Ecco le sue dichiarazioni dopo la cerimonia: "Però non chiamatemi Giorgio, preferisco restare Jorginho (ride,ndr). Sono onorato e orgoglioso per essere riuscito a raggiungere questa cosa, sono molto felice. Sono diventato italiano e posso pensare anche alla mia famiglia, a mia sorella, che possono diventare italiani anche loro. Vorrei andare a Lusiana, a vedere la città del mio trisnonno, fino a poco tempo fa non sapevo dove fosse. Ora mi piacerebbe scoprire le mie origini. Sono arrivato a Verona e per me è stata una fortuna, perché ho avuto tante difficoltà. E' una bella città, accogliente, il sindaco e il Comune ci hanno aiutato tanto. Da piccolino sono cresciuto dormendo con il pallone, il calcio è sempre stata la mia vita e ora posso continuare a vivere questo sogno. La Nazionale italiana? Sarebbe un onore, un orgoglio per me e per la mia famiglia. E soprattutto perché ho avuto tante difficoltà: le persone pensano che sia facile diventare un calciatore, però non è così semplice. Io ho lasciato la mia famiglia a 13 anni per andare lontano da casa e poi a 15 anni l'ho lasciata di nuovo per andare dall'altra parte del mondo. Arrivare qui mi rende orgoglioso di quello che ho fatto e di ciò che potrò fare. Ma sulla Nazionale azzurra vediamo, non voglio crearmi delle aspettative".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000