HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Altre Notizie

Vigliotti: "Napoli, rivoluzione Ancelottiana. Per i top serve sacrificio"

25.03.2019 22:22 di Marco Frattino  Twitter:    articolo letto 4326 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Gianluca Vigliotti, giornalista di 7 Gold e Il Mattino, ha parlato ai microfoni di Montecarlo Sport commentando le ultime vicende legate al Napoli di Carlo Ancelotti.

De Laurentiis ha parlato di calciatori bocciati, in vista della prossima estate. "Trattasi di rivoluzione 'Ancelottiana'. Il suo arrivo è equiparabile al primo anno di Sarri, una stagione di assoluto assestamento. Lui - ha detto Vigliotti durante la trasmissione A Tutto Napoli - ha provato a sfruttare il gioco a memoria dato da Sarri, poi è ovvio che aveva la necessità di dare la sua impronta. Il Napoli lentamente è cambiato, è comunque ai quarti di Europa League ed è secondo in classifica in Serie A. Era normale questo anno di assestamento, col cambio da Sarri ad Ancelotti. Credo che De Laurentiis ha fatto riferimento ai calciatori che il tecnico ha usato nella prima parte di stagione. Facciamo i nomi: Diawara, Ounas, Rog (ora al Siviglia). Tutti calciatori che hanno avuto un certo spazio, ma probabilmente non hanno convinto appieno. Per questo, forse, il Napoli provvederà a un ricambio importante".

I top club sono sulle tracce dei vari Koulibaly, Insigne e Allan. Bisogna aspettarsi qualche offerta per i big del Napoli? Quei soldi andrebbero poi ad aggiungersi al 'tesoretto' in possesso di De Laurentiis? "Il Napoli ha una gestione oculata e ha una riserva delle migliori (oltre 100 mln di euro), senza debiti con le banche. De Laurentiis non toccherà mai quel tesoretto, sarà utile semmai dovesse vivere una stagione negativa. Il Napoli si auto-finanzia, per puntare a calciatori importanti c'è bisogno di un calciatore sacrificato. Questa è la politica del Napoli, lo dimostrano le clausole rescissorie del passato per i vari Lavezzi, Cavani e Higuain".

Ci si aspettava qualcosa in più da Diawara. "Lo stesso Ancelotti ha puntato tanto sui di lui. Nel ritiro di Dimaro, ha organizzato sedute personalizzate per l'ex Bologna nella prima settimana di lavoro. Il mister contava tantissimo su di lui, sul campo Diawara non ha mai risposto secondo le aspettative. Sarà probabilmente uno dei ragazzi che andrà via, ha una valutazione elevata anche se dovrebbe già aver chiuso la stagione a causa di un infortunio".

Meret sta incantando tutti. "Credo sia uno degli investimenti più importanti. E' un predestinato, non si discute. Il Napoli ha fatto una grandissima scelta, puntando sull'ex SPAL. Zielinski è un'altra colonna di questa squadra, come lo diventerà Fabian. Il club azzurro, se volesse, potrebbe portare a casa una grande cifra e una grande plusvalenza da una eventuale cessione dell'ex Betis. Non è tuttavia nei piani del presidente, giustamente direi. Questi sono tre calciatori fondamentali per il presente e per il futuro".


A Tutto Napoli, con Raimondo De Magistris e Marco Frattino. In collegamento telefonico Gianluca Vigliotti, Antonio Gaito, Giuseppe Cannella, Davide Palliggiano e Arturo Minervini.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

I 100 milioni, il no allo scambio: cosa vuole fare il Napoli di Insigne? Nemo propheta in patria è modo di dire quantomai calzante al Napoli di De Laurentiis. I grandi idoli di questo ciclo sono del resto tutti giocatori che non hanno legame con una terra che resta sempre molto prolifica dal punto di vista dei talenti prodotti: da Lavezzi a Cavani, passando...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510