HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » cagliari » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Croazia cambia, l'Italia no. Dalic a confronto con Ventura

11.07.2018 23:45 di Andrea Losapio    articolo letto 47239 volte
La Croazia cambia, l'Italia no. Dalic a confronto con Ventura
© foto di Imago/Image Sport
C'è una data che spiega meglio di tutte la vittoria di stasera della Croazia. Gli scaccorossi vengono fermati dalla Finlandia, a una partita dal termine del girone di qualificazione per Russia 2018, allo stadio Maksimir di Zagabria. Uno smacco perché gli scandinavi non hanno più niente da chiedere e pare evidente il divario tra le due squadre. Mario Mandzukic suona la carica per l'1-0 al minuto 57, Pyry Soiri (chi?) pareggia al novantesimo su assist dell'ex sampdoriano Moisander. Lo stadio è una bolgia, i vertici croati si riuniscono in fretta e furia, l'Islanda è virtualmente al Mondiale e se la Croazia non vince l'ultima, contro l'Ucraina, salta Russia 2018. L'Italia invece è impegnata allo stadio Grande Torino, contro la Macedonia. Vantaggio di Giorgio Chiellini, sugli sviluppi di una punizione, pareggio di Trajkovski a tredici minuti dal termine, con i macedoni che rischiano più volte di fare il secondo gol. Al termine della partita Ventura, non propriamente il ritratto della felicità, dice "obiettivo raggiunto, siamo ai playoff". E invece non è vero perché serve aspettare l'ufficialità contro l'Albania. La Nazionale si stringe intorno a Gianluigi Buffon, i senatori fanno spogliatoio, il colpo di stato è praticamente in atto. Il giorno dopo la Croazia saluta Cacic e dà la panchina a Dalic, in collaborazione con Ivica Olic (più tardi). Il due a zero all'Ucraina è la risposta per l'orgoglio ferito, lo spareggio contro la Grecia assomiglia a una formalità. Va detto che la Svezia era più forte degli ellenici, come dimostrato anche al Mondiale, ma sappiamo tutti com'è andata nella doppia sfida Stoccolma-Milano. Dalic ha rivoltato come un calzino una nazionale che ha dimostrato di soffrire tremendamente quando favorita: con l'Islanda nel girone, con Danimarca e Russia. Meno con l'Inghilterra, prendendo il cuore fra le mani e vincendo la semifinale prima dei rigori. La differenza non è evidentemente tutta qua, è evidente. C'è sempre il rimpianto di un'Italia che non è arrivata nemmeno alle fasi finali. Ma il 6 di ottobre eravamo sulla stessa barca, noi e i croati. Loro hanno solo scelto di non affondare.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Cagliari

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510