HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Calcio femminile

Aulas: "L'Italia non è una sorpresa. Vorrei un'azzurra nel mio OL"

28.06.2019 14:48 di Tommaso Maschio   articolo letto 18966 volte
© foto di Marco Spadavecchia

Jean Michel Aulas, presidente del Lione, ha parlato a La Stampa del Mondiale femminile e del suo impegno nel mondo del calcio in rosa iniziato 15 anni fa e che ha portato il club francese a essere la squadra dominatrice in Europa e una delle più forti al mondo: “In questi 15 anni ho visto sguardi diversi. Pensa, scetticismo, diffidenza, curiosità. Ora siamo all’interesse. La svolta è arrivata quattro anni fa in Canada dove si sono viste potenzialità evidenti nonostante l’organizzazione non perfetta. Ma quell’estate FIFA e UEFA si sono accorte del cambio di percezione. Ai miei colleghi invece dico di investire, il calcio femminile sarà indispensabile per lo sviluppo generale del movimento che è un settore per molti versi a un passo dalla saturazione. - continua poi Aulas parlando anche dell’Italia – Per me le azzurre non sono una sorpresa, il paese ci ha messo un po' a capire, ma poi è andato veloce. Vorrei un’azzurra nel mio OL nella prossima stagione e ho già un paio di nomi in testa. Non do consigli alla Serie A perché c’è Agnelli che in questi due anni ha dimostrato di come si può fare sul seri. Mi spiace che il mio amico De Laurentiis non si faccia avanti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Calcio femminile

Primo piano

TMW - Milan, Maldini sotto osservazione: Elliott non felice dell'operato Non c'è un bel clima, al Milan. Perché gli strascichi delle ultime settimane, con l'apice dell'esonero di Marco Giampaolo - all'indomani della vittoria contro il Genoa - e la querelle Spalletti-Pioli, non hanno soddisfatto i vertici di Elliott, tanto da far finire la lente d'ingrandimento...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510