HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Calcio femminile

Fusetti: "Al Milan non si può dire no. Un onore vestire la 6 di Baresi"

13.11.2018 20:08 di Tommaso Maschio   articolo letto 7318 volte

Laura Fusetti, difensore del Milan e della Nazionale, intervenuta nel corso della trasmissione Il Diavolo Veste Rosa su Radiorossonera ha parlato a 360 gradi dal suo arrivo in rossonero, al primo posto in classifica fino alla sfida contro la Florentia nel prossimo turno: "All'inizio ero un po' combattuta: mi è dispiaciuto molto per il Brescia ma il Milan è una squadra che ha fatto la storia del calcio e l'ingresso di una società così blasonata è molto importante per tutto il calcio femminile. È stato un onore immenso essere stata contattata dal Milan".

Cosa l'ha spinta a dire di sì al Milan?
"Credo che nessuno possa dire di no al Milan solo per il nome ed il blasone che ha. La cosa che mi ha colpito di più è che il Milan si è interessato a noi giocatrici anche dal punto di vista umano, ad esempio offrendoci corsi formativi di lingua inglese; davvero un'ottima cosa per noi che potremmo far fatica a trovare lavoro una volta appese le scarpe al chiodo".

Coach Morace ha detto che ciò che le piace di più della squadra è l'umiltà e lo spirito di sacrificio dimostrato in campo: è d'accordo con la sua visione? Qual è secondo lei il punto di forza del Milan Femminile?
"Sicuramente sono d'accordo con la sua visione. Il nostro punto di forza è: una per tutte, tutte per una perché dove non arriva il singolo arriva la squadra, in campo ci aiutiamo molto. Abbiamo tanta voglia di dimostrare qualcosa e coach Morace riesce a trasmetterci grinta e determinazione. Il video delle oche? Ci ha aperto gli occhi, tante volte nel calcio si pensa all'individualità ma è con il lavoro di squadra che si riesce a dare quel qualcosa in più".

Il suo stile di gioco è bello da vedere, oltre che efficace e preciso: si sente in forma in questo momento? A chi si ispira tra giocatori donne o uomini?
"Mi sento molto bene, sto rendendo al meglio grazie al lavoro dei preparatori atletici e di tutto lo staff. Io cerco sempre di dare il massimo quando scendo in campo cercando di aiutare le mie compagne. Da piccola non ho avuta la fortuna di avere come modello una calciatrice ma negli ultimi anni mi sono ispirata Roberta D'Adda. Ora come ora invece per le bambine che giocano a calcio c'è la possibilità di prendere come riferimento delle calciatrici e questa è una cosa davvero importante. Come riferimento a livello maschile invece ho sempre preso Puyol: uno dei difensori centrali più forti che ci siano mai stati, ogni tanto riguardo i suoi interventi in scivolata. L'importanza del mio numero di maglia? Per me è un privilegio poter indossare la numero 6 di Franco Baresi; purtroppo ero piccola quando giocava lui ma so benissimo quanto è stato forte ed importante per la storia del Milan".

Come avete preparato la partita contro la Juventus, dal punto di vista mentale? Dato che in partita avete saputo fare "le cose giuste al momento giusto" senza piegarsi ad una squadra potenzialmente più forte.
"A livello mentale coach Morace ci ha caricato fin dal primo allenamento dicendoci che contro la Juventus avremmo dovuto concretizzare quelle poche occasioni di rete create; loro sono i campioni d'Italia in carica e restano la squadra da battere. Già prima del fischio d'inizio della partita eravamo molto cariche, quelle sono le partite che tutti vorrebbero giocare. Cosa ci ha detto coach Morace all'intervallo? Di togliere il freno con cui stavamo giocando nella prima frazione di gara, ha funzionato: nel secondo tempo abbiamo cambiato totalmente modo di giocare".

Siete in testa al campionato, ma il difficile arriva ora. Come preparate/affronterete il Florentia?
"È vero, il difficile arriva adesso perché non possiamo sbagliare. Dobbiamo restare sempre sul pezzo e curare nei minimi dettagli ogni partita così come vuole la nostra coach. È una partita che sulla carta può sembrare più facile rispetto ad altre ma in realtà è difficile proprio per questo. Dovremo esser brave ad imporre il nostro gioco fin dall'inizio della partita. Noi portiamo una maglia che ha una storia importantissima e ogni volta che scendiamo in campo facciamo di tutto per onorare questi colori".

Infine, un pensiero sul Derby di Coppa Italia contro l'Inter del prossimo 8 dicembre
"Sarà il primo Derby di Milano in assoluto nella storia del calcio femminile e faremo di tutto, come sempre, per portare a casa il risultato. Noi giocatrici abbiamo bisogno del sostegno dei tifosi: se volessero provare a vedere le nostre partite saremmo davvero felicissime perché potremmo dimostrare che vale veramente la pena guardarci giocare".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Rassegna stampa

Primo piano

...con Lupo “La Juventus, quest’anno in particolare, affronta tutte le partite col giusto piglio e senza considerarle facile o difficili”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex direttore sportivo del Palermo, Fabio Lupo. Lo Young Boys è avversario abbordabile. “Rappresenta un campionato più piccolo,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->