HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Calcio femminile

Piangere adesso per sorridere poi: il futuro dell'Italia è roseo

29.06.2019 18:04 di Tommaso Maschio   articolo letto 14034 volte
© foto di www.imagephotoagency.it

“Bisogna piangere all’inizio per poter poi sorridere alla fine”, così la fuoriclasse del Brasile Marta aveva detto a caldo dopo l’eliminazione per mano della Francia. Ed è una frase che vedendo le lacrime delle varie Giacinti, Girelli, Guagni, Gama – ma anche Salvai negli studi di Sky Sport - si adatta perfettamente anche alle azzurre che oggi salutano il Mondiale dopo aver giocato alla pari per un tempo all’Olanda campione d’Europa nonostante il gap fisico che ci separa dalle Oranje.

Una sconfitta amara, difficile da digerire nell’immediato, ma che ci dà grandi speranze per il futuro sopratutto alla luce del cammino complessivo. Questa Italia infatti alla vigilia era vista se non come una squadra materasso come un avversario comunque debole e poco competitivo. Invece le ragazze di Bertolini hanno dimostrato che il movimento italiano è cresciuto, è in crescita, e ora deve essere accompagnato per fare quell’ulteriore salto di qualità che può metterci alla pari con le nazioni più avanzate in Europa e nel Mondo. Il futuro, è proprio il caso di dirlo, è roseo e questa squadra – una volta smaltita la delusione - è consapevole di poter fare ancora meglio e di poter raggiungere nuovi traguardi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Calcio femminile

Primo piano

TMW - Inter, conferme per Matic: casting attaccante, ma non priorità L'Inter sta muovendo alcune pedine per rinforzare il proprio centrocampo. Come raccontato nei giorni scorsi Nemanja Matic è il primissimo nome per rinforzare la mediana, sia perché Conte lo ha già allenato - con ottimo profitto - durante la sua permanenza al Chelsea, sia perché arriverebbe...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510