Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Rizzitelli (Assist): "Assurdo pensare che le società femminili possano applicare il protocollo"

Rizzitelli (Assist): "Assurdo pensare che le società femminili possano applicare il protocollo"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 21 maggio 2020 23:49Calcio femminile
di Tommaso Maschio

Luisa Rizzitelli, presidentessa dell'Assist (Associazione Nazionale Atlete), ha parlato all'Adnkronos della situazione del calcio femminile ancora in bilico fra ripartenza e stop definitivo e delle difficoltà che la maggior parte delle calciatrici sta vivendo in questo periodo: “Anche solo pensare che le società sportive di calcio femminile siano in grado di ottemperare a tutti i pesantissimi e giusti obblighi che potrebbero essere necessari con un protocollo per la riapertura in sicurezza, è semplicemente assurdo. La gran parte delle società ha una situazione economica e organizzativa ben diversa dalle poche, quattro o cinque fortunate, figlie dei grandi club maschili italiani. Se vogliamo davvero parlare di parità iniziamo a farlo dai diritti e dalla doverosa necessità di configurare come lavoro a tutti gli effetti l’attività delle atlete che vivono di calcio e che, come in altre discipline, si sono ritrovate senza lavoro, senza diritto alla malattia o alla cassa integrazione. - continua Rizzitelli – Ci fa davvero rimanere senza parole il fatto che quando faccia comodo a qualcuno le atlete siano professioniste e quando invece bisogna parlare di doveri dei club e del sistema, queste ridiventino puntualmente delle dilettanti. Confidiamo che il ministro Spadafora sappia bene cosa fare per tutelare non solo le atlete dei grandi club, ma tutte. Auspichiamo inoltre di riprendere subito la discussione sulla costruzione del lavoro sportivo e di regole di pari opportunità nello sport, attese da 50 anni".

Articoli correlati
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000