HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Calcio2000

Sporting Lisbona, Piccini: "Credo che l’Italia non sia nel mio futuro"

IL NUMERO 231 DI CALCIO2000 è in EDICOLA!
13.11.2017 15:31 di Chiara Biondini  Twitter:    articolo letto 3276 volte
Fonte: IL NUMERO 231 DI CALCIO2000 è in EDICOLA!
© foto di Marco Conterio

Calcio2000 per il nuovo numero appena uscito, è andato a Lisbona per raccontare lo Sporting Club de Portugal e la straordinaria avventura di Cristiano Piccini

"Ho lasciato l’Italia per il Betis, una squadra con grande blasone. Era importante per la mia crescita professionale. Sarei potuto restare in Italia ma ho preferito la Spagna ed è stata una grande decisione che, alla fine, mi ha portato allo Sporting…”.

Al Betis ti sei imposto nel tempo…
“Mi sono ambientato subito bene, anche perché parlavo già abbastanza bene lo spagnolo. L’inizio non è stato facile. Troppi infortuni nella prima stagione. Nel secondo anno, dopo 18 partite di fila, mi sono rotto il crociato. Per fortuna, l’anno passato, è andato tutto alla grande e, alla fine, è arrivata la chiamata dello Sporting”.

“Lo Sporting è una bomba… Mi avevano adocchiato già a Pasqua. Sono venuto a vedermi contro il Depor, match in cui ho anche segnato (ride, ndr)... Non ho avuto dubbi, soprattutto perché avrei lavorato con l’allenatore Jesus, uno che sa far crescere i giovani”.

Che tipo è Jorge Jesus?
“Un allenatore importante, un vincente, un perfezionista. Non gli va mai bene niente (ride, ndr). Anche se fai una super partita, ha sempre qualcosa da dirti ma va bene così. È il modo giusto per migliorare. Nella mia scelta di accettare l’offerta dello Sporting ha influito molto il fatto che fosse stato lui a richiedermi”.

E a Lisbona come ti trovi?
“Alla grandissima. Ho avuto la fortuna di vivere, nell’ordine, a Firenze, Siviglia e ora Lisbona. C’è tantissimo da fare e vedere. Qui trovi tutto. Si mangia anche bene anche se, bisogna ammetterlo, la cucina italiana è un’altra cosa (ride, ndr)”.
Insomma, difficile rivederti, almeno a breve giro, in Italia…
“Tornare in Italia? No, per ora. Sto facendo un percorso importante e credo che l’Italia non sia nel mio futuro, almeno nell’immediato. Chiaro, a volte il mio Paese mi manca ma sto portando avanti un mio percorso personale”.

Magari un giorno ti vedremo in Nazionale…
“Chi non ci pensa alla Nazionale? È un obiettivo di qualsiasi giocatore con un pizzico di ambizione. Se capiterà bene, se no me ne farò una ragione”.

Calcio2000 n. 231 intervista a Cristiano Piccini © foto di Calcio2000 n. 231


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Altre Notizie

Primo piano

Addio Mourinho: cosa cambia per gli scontenti United Un addio già scritto? Forse. Di certo il divorzio tra il Manchester United e Mourinho apre il dibattito sul destino dei tanti giocatori che con lo Special One non avevano più alcun genere di rapporto e parevano destinati ad un addio imminente. Se da un lato il futuro di Martial, vista...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->