HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » championsleague » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

TMW - Ulivieri: "Juve da Champions, d'accordo con Ancelotti"

08.01.2019 16:36 di Marco Frattino    articolo letto 6224 volte
Fonte: Dall'inviato, Alessandro Rimi
TMW - Ulivieri: "Juve da Champions, d'accordo con Ancelotti"
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, ha parlato al microfono di Tuttomercatoweb e RMC Sport a margine della presentazione dell'album Panini. "I nostri allenatori - ha detto - sono importanti, lo dicono i fatti. In Italia ma anche quando vanno all'estero. La Serie A è difficilissima sul piano tattico ma anche in B, C e nel calcio dilettantistico c'è una evoluzione tattica importantissima. I nostri mister fanno bene all'estero, fanno scuola e vincono anche i campionati".
Allegri ha mostrato di essere un grandissimo allenatore. Può essere quello giusto per la Champions? "Lo spero. Al di là del tifo, una vittoria della Juve in Champions vorrebbe dire essere un fiore all'occhiello per tutto il nostro mondo. Max sta facendo bene da anni, ha vinto campionati ma sta crescendo anche in Europa. Oggi sembra che la squadra sia matura. Ci sono dei momenti e gli episodi che possono determinare il cammino continentale, ma la Juve può lottare insieme a 4-5 formazioni europee".

Sorpreso dall'impatto di Cristiano Ronaldo? "Ha delle particolarità, la sua risorsa è nel liberare il tiro. Platini impiegò sei mesi per adattarsi, come lui tanti altri per capire il nostro calcio. CR7 è nella parte finale della carriera, non sembra avere questi problemi".
Ancelotti ha detto che è pronto a fermarsi in caso di cori razzisti. "In linea di massima sono d'accordo con lui, però quando si ferma una partita è una sconfitta per tutti. Non possiamo decidere noi, perché altrimenti la gara è da considerare persa. Le regole sono queste. Sono altri a dover decidere di sospendere la gara, l'arbitro ha altro a cui pensare e non ha la percezione di quanto accade fuori e la percezione dell'ordine pubblico. Altri, invece, hanno strumenti per decidere quanto la situazione sia diventata difficile e particolarmente grave, in quel caso si deve anche interrompere. Ripeto, l'interruzione è sempre una sconfitta per tutti".
E' replicabile il modello Thatcher in Italia? "Ci vorrà tempo a cambiare, sono regole che ci siamo dati e non siamo stati capaci di rispettare. Bisogna riappropriarsi delle nostre capacità di cittadini, altrimenti sarà difficile. Il passaggio può essere anche a quello inglese, ma ci credo poco. Bisogna convincersi che allo stadio si va per vedere la gara, fuori lo stadio un agguato rappresenta un crimine e si risponde sul piano penale. Alle leghe e alla Federazione spetta far funzionare meglio le cose all'interno degli stadi, su questo possiamo riuscirci".

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Articoli correlati



Altre notizie Championsleague

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510