Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

Godeas da record a 45 anni: "In gol in tutti i campionati, dalla A alla Terza Categoria"

ESCLUSIVA TMW - Godeas da record a 45 anni: "In gol in tutti i campionati, dalla A alla Terza Categoria"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di MB/TuttoMantova.it
mercoledì 14 ottobre 2020 06:00Che fine ha fatto?
di Gaetano Mocciaro

Che fine ha fatto Denis Godeas? Oltre vent'anni da calciatore professionista, ha scalato la piramide del calcio, arrivando anche a decidere un sedicesimo di finale di Coppa UEFA. Era arrivato al Palermo a gennaio 2006 e un mese dopo segnava il gol che regalava ai rosanero il successo contro lo Slavia Praga, lasciapassare per gli ottavi di finale: il punto più alto della storia del club siciliano. Ma Godeas è anche Mantova e i 28 gol che nel 2007-08 gli sono valsi il titolo di capocannoniere di Serie B. Una carriera nata a Trieste e che si sta chiudendo nel capoluogo giuliano. Sì perché a 45 anni è ancora a calcare il rettangolo verde, togliendosi recentemente la soddisfazione di essere riuscito a segnare almeno un gol in tutti i campionati, dalla Serie A alla Terza Categoria. Ma c'è di più oltre a questa impresa, è Godeas a raccontarci il progetto che lo vede figura centrale. In esclusiva per Tuttomercatoweb

Denis Godeas, a 45 anni ancora calciatore
"Gioco in Prima Categoria, con la Triestina Victory, squadra del settore giovanile della Triestina. Si chiama Victory perché il presidente è anche proprietario del Melbourne Victory. L'idea è di approdare in Eccellenza, mettendo a disposizione una squadra bella quale possano confluire i giovani della Triestina".

Cosa ti ha portato a sposare questo progetto?
"È stato Mauro Milanese a propormelo e inizialmente avevo detto di no. Avevo finito l'ultimo anno da professionista in C, avevo fatto quello che dovevo fare. Non avevo voglia di giocare. Ho degli amici che sono appassionati di statistiche e mi hanno fatto notare che avrei avuto la possibilità di arrivare a segnare in tutte le competizioni, considerato che mi mancavano solo le ultime tre della piramide. Quando ho accettato mancavano 8-9 giorni all'inizio del campionato e c'era realmente da costruire da zero. Non c'era niente, nemmeno i giocatori".

Addirittura?
"Non esagero se dico che eravamo degli 'scappati di casa'. Per quanto la Terza Categoria sia oscena, il livello non era adeguato perché eravamo in stra-ritardo e i giocatori erano praticamente già tesserati per altre società. Ci siamo adoperati in tutti i modi possibili per reclutare i giocatori, anche via Facebook. io ho rischiato in prima persona: all'inizio lo scopo era non fare brutte figure. Il primo anno fino a dicembre era dura, eravamo in 14 e facevamo giocare gli Allievi della Triestina per arrivare almeno a 18. Alla fine spiegando il progetto e il contesto siamo riusciti a convincere qualcuno e col passare del tempo sempre più persone. Piano piano ci siamo sistemati, tanto che abbiamo vinto due campionati consecutivi e siamo in Prima. Tutto ora è strutturato, le cose le facciamo per tempo, scegliamo i giocatori secondo il nostro contesto. Il progetto è serio, vestiamo come la prima squadra. Ci siamo creati una specie di bolla attorno alla Triestina".

Avete creato una vera e propria squadra B
"Ora facciamo le amichevoli con la prima squadra, cerchiamo di incastrare tutto per poi andare a vedere la Triestina. Tutto è fatto dare ai ragazzi un'opportunità diversa. Con dimensioni diverse ma siamo più o meno nell'ottica di fare come la Juve. Io mi sono preso l'impegno di far partire questo progetto, poi lascerò. Mi piacerebbe fare l'allenatore, lavorare con i giovani. ho già il patentino, non l'ho sfruttato molto se non in Eccellenza qualche anno fa, per un breve periodo".

Anche perché con i difensori di queste categorie, le caviglie sono sempre a rischio
"Con la stazza che ho è difficile anche per i difensori di Terza Categoria, ma ammetto che qualche scarpata l'ho presa, soprattutto i primi anni".

Che sensazioni dà l'aver segnato in tutte le categorie?
"Ma no, dai. Mi ci hanno tirato in mezzo, fondamentalmente. Diciamo che se non avessi accettato la proposta me ne sarei pentito. Mi sono tolto una piccola soddisfazione".

© Riproduzione riservata
Primo piano
TMW Radio Sport
TMW News TMW News: Juve, la grande sfida col Barça. Giacomelli, che errori
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000