HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » chievo » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Juve immobile sul mercato: è la decisione corretta?
  Si, questa squadra non ha bisogno di rinforzi adesso
  No, alla Juventus sarebbe servito un altro terzino
  No, bisognava portare subito Kulusevski a Torino
  No, il club forzi la mano per lo scambio Rakitic-Bernardeschi

Roma, la grande occasione di non far rimpiangere Conte

06.12.2019 09:15 di Dario Marchetti    articolo letto 2624 volte
Roma, la grande occasione di non far rimpiangere Conte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Spesso nell’arco di una stagione sentiamo parlare di “prova di maturità” da parte di una squadra. Molti definisco così la partita di questa sera della Roma contro l’Inter a San Siro. Non è del tutto sbagliato considerando il buon momento di forma che i giallorossi stanno vivendo e che in caso di vittoria porterebbero a quattro la striscia di successi consecutivi, fino a oggi sempre ferma a tre. Non c’è solo questo, però, nella sfida del Meazza. C’è una voglia di rivalsa sociale e sportiva, la voglia di dimostrare che le scelte fatte in estate e i “no” incassati in fin dei conti possano esser stati un bene. Il primo a volersi togliere qualche sassolino dalla scarpa sarà Fonseca, arrivato a Roma da terza scelta. Prima di lui erano stati designati Gasperini e soprattutto Conte.
FLIRT - Lo stesso tecnico nerazzurro ieri lo ha ammesso in conferenza: “Con Totti c'è un'amicizia di lunga data. Mi ha illustrato la situazione e mi ha parlato della possibilità di venire nella Capitale. Io ho fatto delle valutazioni in maniera molto serena e ho pensato che non fosse il momento giusto”. Quello con l’allenatore salentino resta dunque uno di quei flirt di inizio estate: passionale, intenso, ma che alla fine si conclude con una delle due parti deluse. Conte ha preferito l’Inter, mentre i tifosi della Roma iniziano ad apprezzare e conoscere Fonseca. Per questo il portoghese vuole definitivamente conquistarli con una vittoria e fargli dimenticare quello che sarebbe potuto essere e invece non è stato con il mister leccese. Non meno importante è la voglia della società di Pallotta di acuire ancor più i rimpianti del club nerazzurro per Dzeko dopo un’estate in pressing per portarlo a Milano. Anche per questo il bosniaco, seppur non al meglio, sarà titolare. Molte volte, infatti, la testa incide più del fisico. Fonseca si augura che possa esser così anche oggi perché se Zaniolo e i suoi compagni possono influire direttamente sul corso di una partita, l’allenatore è sempre soggetto ai piedi e alla psiche dei suoi calciatori. L’ex Shakhtar giura che la gara di San Siro non sia speciale, ma in cuor suo sa di dire una piccola bugia. Una di quelle buone per evitare di sovraccaricare di significato una partita che potrebbe riaccorciare la distanza dalla vetta e tenere in asse la barca nella regata Champions.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Chievo

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510