VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Colpi d'Ala

Cinque italiane in Europa, a temere per il proprio futuro. Serie A, serve un reset tecnico e programmatico, ripartendo dai vivai. E se dobbiamo guardare a Belgrado...

Nato a Roma, ha vestito le maglie di Parma, Fiorentina, Lecce, Perugia, Reggiana, Roma e Nazionale italiana. Ha vinto una Coppa Italia con la Roma e una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa UEFA e una Coppa Italia, tutte col Parma.
18.12.2015 16:59 di Alberto Di Chiara   articolo letto 78744 volte

Nonostante la crisi tecnica evidente che sta vivendo il nostro calcio, in Europa sono ancora cinque le squadre che ci rappresentano. È questa direi che è una nota molto positiva. La differenza sostanziale rispetto ai tempi passati sta però nella sostanza: prima le nostre erano squadre di prima fascia assolutamente da evitare e da temere, oggi dobbiamo essere noi a sperare di non incontrare le squadre più forti. Questo vale ugualmente per la Nazionale di Conte naturalmente. Non tantissimo tempo fa un girone con Belgio, Svezia e Irlanda veniva accettato con più soddisfazione, ora con malcelato timore.

Noi siamo rimasti al palo rispetto ad altre nazioni europee, che invece con umiltà e raziocinio hanno investito in uomini e strutture per rinverdire e ridisegnare le proprie federazioni e riassettare quei settori giovanili da noi quasi abbandonati. E' stata insomma fatta ripartire con i giusti criteri la macchina Calcio, da noi inceppata da un po' di anni. Il nostro sistema è da ridisegnare, da rinverdire, da cambiare in quasi tutto. La federazione è ostaggio della Lega e delle società, che a loro volta sono ostaggio delle tv, degli sponsor e di alcuni procuratori. Bisogna resettare tutto e ripartire, come hanno fatto a suo tempo in Germania e ultimamente in Belgio dove la ristrutturazione e l'investimento sui settori giovanili ha costruito una squadra tra le più temibili a livello europeo.

Unaa classifica stilata dal CIES sentenzia che il nostro calcio è uno dei peggiori in Europa nonché tra i più vecchi con una età media di 27,3 anni. Non sforniamo più giovani talenti ormai da troppo tempo. Ci siamo fermati al Mondiale del 2006. I Totti, i Pirlo, i Del Piero non ci sono più a parte qualche rara eccezione. Ajax, Partizan Belgrado e Barcellona sono tra le migliori società a livello europeo in termini di settore giovanile. Tra le prime 100, sempre secondo il CIES, l'Inter è la prima tra le italiane al 77° posto e l'Atalanta all'89°.

Il Barcellona spende coca 20 milioni di euro l'anno per la propria cantera, contro i circa 50 complessivi di tutte le società di serie A italiane. Molte società in Italia piuttosto che investire somme di questo genere, trovano più semplice e conveniente acquistare a prezzi stracciati giovani provenienti da campionati esteri minori, che poi spesso si rivelano non adatti per lo più al nostro calcio. L'unica via è diventata quella di rilanciare qualche talento un po' arrugginito dallo scarso utilizzo nel club di appartenenza. Siamo diventati un ripiego. Calcolando il fatto che le squadre che hanno il numero di giocatori italiani sopra la media, sono il Sassuolo col 92%, il Frosinone e il Chievo. Squadre di alta classifica come Inter, Napoli, Fiorentina, sono sotto il 20%. Nell'Inter i pochi italiani sono l'allenatore e forse il magazziniere, nella Fiorentina neanche l'allenatore. I vivai devono ritornare ad essere linfa vitale per le società sia economicamente parlando che tecnicamente e di conseguenza rilanciare una Nazionale priva ormai di identità.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Colpi d'Ala
Altre notizie

Primo piano

Mercato no stop  - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 23 gennaio ROMA, GIOVEDÌ DZEKO FIRMA COL CHELSEA. INTER: EDER E JOAO MARIO VERSO L'ADDIO, IN ENTRATA OCCHI SU STURRIDGE. PELLEGRI VICINO ALLA JUVE. NAPOLI: MAKSIMOVIC IN PRESTITO ALLO SPARTAK MOSCA, GRIMALDO PRENOTATO PER GIUGNO. UFFICIALI LEMOS AL SASSUOLO E VUKOVIC AL VERONA BENEVENTO -...
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
TMW RADIO - Ceccarini: "Emre Can, Juve avanti. Due in uscita a giugno" Ai microfoni di TMW Radio è intervenuto l’esperto di mercato Niccolò Ceccarini per commentare le ultime notizie relative d’attualità:...
23 gennaio 2010, Roma vince in casa della Juve. La vendetta di Ranieri Il 23 gennaio 2010 la Roma espugna l'Olimpico di Torino battendo la Juventus. Non succedeva da 9 anni con Claudio Ranieri che si prende...
TMW RADIO - I Collovoti: "Milinkovic 8, meglio di Pogba! Donnarumma 5" Arrivano consueti e puntuali, nel pomeriggio di Tribuna Stampa su TMW Radio, i Collovoti di Fulvio Collovati, che ha analizzato il...
Goal Car - Pasqual e gli anni di Firenze Dodicesima puntata di GoalCar. In questa nuova puntata l'ex capitano della Fiorentina e attuale capitano dell'Empoli Manuel Pasqual...
Carlo Nesti: "Non so in che ordine, ma le prime 3 saranno Juventus, Lazio e Napoli (mi sbilancio? 1) Napoli, 2) Juventus, 3) Lazio). Questo è il diario dei miei "pensieri", in formato "NES-tweet", a partire dall'inizio della stagione, e quindi dal luglio 2017 al giugno...
TMW RADIO - Scanner: Il calciomercato sempre più materia da contabili" Oltre il calcio giocato, oltre il calcio parlato, oltre la semplice apparenza... con l'avvocato Giulio Dini e Lorenzo Marucci, ospite...
L'altra metà di ...Gennaro Troianello Gennaro Troianello, ex calciatore dell'Hellas Verona, che ha conquistato con la maglia veronese la Serie A ha dichiarato in più di...
Fantacalcio, oggi ti presento... MEDEIROS Nome: Iuri Medeiros Nato a: 10 Luglio 1994 a Horta (Portogallo) Ruolo: Attaccante Squadra: Genoa Medeiros é  un...
Gli agenti e le regole che verranno, tutti gli aspetti da chiarire Una legge dello Stato, la Legge di Bilancio 2018, entrata in vigore lo scorso primo gennaio, pone fine al periodo di cosiddetta deregulation...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 gennaio 2018

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi mercoledì 24 gennaio 2018.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.