VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Colpi d'Ala

Juventus portabandiera e la leggenda del calcio spettacolo: Allegri ha creato un gruppo super, per un gioco semplice

Nato a Roma, ha vestito le maglie di Parma, Fiorentina, Lecce, Perugia, Reggiana, Roma e Nazionale italiana. Ha vinto una Coppa Italia con la Roma e una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa UEFA e una Coppa Italia, tutte col Parma.
21.04.2017 09.48 di Alberto Di Chiara   articolo letto 11499 volte
© foto di Federico De Luca

È' innegabile che se dobbiamo parlare di una squadra italiana che rappresenti al meglio in Europa la nostra bandiera in questo momento non possiamo che parlare di Juventus. La squadra di Allegri non perde un colpo. In ogni competizione dal campionato alla coppa Italia fino alla Champions non ha dato segni di cedimento, dimostrandosi oltre che competitiva, solida e matura. Allegri da quando ha preso in mano le redini, sfidando lo scetticismo anche dei suoi stessi tifosi e portandosi sulle spalle la pesante eredità di Conte, sta riuscendo a fare addirittura meglio del suo predecessore in special modo nella competizione europea più prestigiosa. Due scudetti e due Coppe Italia consecutive, una Supercoppa italiana, una finale Champions persa contro il Barcellona, una eliminazione col Bayern all'ultimo minuto sempre in Champions. Attualmente primissima in campionato, ancora una volta in finale di Coppa Italia e poi l'impresa contro il Barcellona che ha portato anche quest'anno la Juventus tra le prime quattro d'Europa.

Eppure leggo qualcuno che ancora storce il naso sul modo di giocare di Massimiliano Allegri mettendolo addirittura in discussione. Ma finiamola con questa leggenda del calcio spettacolo. Lo fanno soprattuto le giocate individuali dei singoli giocatori che vengono messi all'interno di un meccanismo organizzativo che deve esaltare le qualità tecniche e fisiche dei singoli giocatori, non deve succedere il contrario. Detto questo Allegri ha creato una struttura organizzativa compatta partendo dallo spogliatoio. Ha formato un gruppo in campo e fuori. Giocatori di esperienza e personalità ed in più italiani, hanno guidato in questi anni anche i loro compagni, aiutandoli ad inserirsi al meglio in un gruppo già ben oleato. Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Marchisio e prima anche Pirlo sono questi gli uomini su cui Allegri si è intelligentemente appoggiato per formare il gruppo che ha! Poi ha semplicemente detto ai difensori di difendere con attenzione al centrocampo di schermare la difesa e di proporsi nelle ripartenze e agli attaccanti rapidità ed incisività di essere i primi difensori al momento in si perde il possesso di palla. Questi molti lo chiamano gioco all'italiana o catenaccio! Mah! Rimango perplesso! Dice bene Allegri nel rispondere che se uno vuole vedere un certo tipo di spettacolo può andare al circo! Si vuole cercare di complicare uno sport che in fondo è molto semplice. Qualcuno diceva che il calcio è un gioco semplice fatto per persone intelligenti. Johan Cruiff diceva che il calcio è un gioco semplice ma giocare semplice è molto difficile. Basta con tutte queste complicazioni tattiche o moduli empirici. Un allenatore che si rispetti deve solo sfruttare al massimo le caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione. Deve motivarli, parlare con loro continuamente guardandoli negli occhi. Solo così si crea rapporto e alchimia. Diffido di quegli allenatori che scrivono in panchina e che non vivono la partita fisicamente. Anche perché dalla panchina non c'è prospettiva di campo che possa permetterti di potere valutare bene schemi o quant'altro.

Dopo che ti sei preparato tutta la settimana, i giocatori devono sentire il fiato del proprio allenatore che li sostiene in campo quasi a livello fisico. Bello vedere Simone Inzaghi accompagnare fisicamente lungo la linea interna laterale Immobile mentre segna sul filo del fuorigioco o Conte urlare ed esaltarsi aggrappandosi alla panchina, per non dimenticare poi i vari Mazzone, Fascetti e perché no, anche mio fratello Stefano che in quanto a fisicità in panchina non è secondo a nessuno. Certo tutto deve rimanere nei limiti. Ma un allenatore deve essere un motivatore, uno psicologo prima che uno stratega. Poi se tutto questo è supportato da un'ottima preparazione fisica e soprattutto da una società seria che oltre a far quadrare i conti faccia da schermo ad ogni intrusione negativa,allora si può sognare di arrivare ovunque. Certo la cosa principale è la qualità dei giocatori che hai. Ma in base al livello tecnico che hai a disposizione puoi solo alzare l'asticella degli obiettivi, il resto rimane basilare per ogni rosa che hai a disposizione di qualsiasi livello tecnico sia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Colpi d'Ala
Altre notizie
Telegram
CANALI TMW
CANALI TMW SQUADRE
ALTRI CANALI TMW
22 maggio 2010, l'Inter vince la Champions e riesce a centrare il Triplete Il 22 maggio 2010 al Santiago Bernabeu di Madrid l'Inter torna a vincere la Champions League a distanza di 45 anni. All'atto finale...
TMW RADIO - I Collovoti: "Murillo non è da Inter, bianconeri spenti" TOP Iemmello: ha fatto tre gol nelle ultime due partite, quando in panchina c'erano sia Defrel che Matri, evidentemente...
TMW RADIO -Scanner: le seconde squadre i pro e i contro della riforma Nella puntata della settimana di Scanner a cura di Giulio Dini il tema è stato gli eventuali pro e contro dell'introduzione...
Il Toro torna a casa! Un inno per il Filadelfia Il grande momento, finalmente, sta per arrivare. Con l’inaugurazione del nuovo Stadio Filadelfia, il Toro “torna a casa”, quella dove...
L'altra metà di ... Gennaro Sardo Daniela Doriano, moglie del difensore del Chievo Verona, Gennaro Sardo, è intervenuta ai microfoni di TMWRadio nella rubrica curata...
Fantacalcio, PLAY-OFF SERIE B: I GIOCATORI PIÙ' INTERESSANTI PER L'ASTA DI AGOSTO Questa sera inizieranno i Play-off della Serie B per decretare la terza promossa nel massimo campionato nostrano. La vincitrice di Cittadella-Carpi andrà...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 22 May 2017

Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi Monday 22 May 2017.

   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.