HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

2017 da incubo. Un'annata maledetta per molti: i 5 flop dell'anno

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.12.2017 18:10 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 31968 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Manca ancora qualche giorno ma ci portiamo avanti. La fine dell'anno si avvicina ed è tempo di bilanci. Il bilancio del week end premia la Juventus, incorona Hamsik, fa registrare il crollo inspiegabile dell'Inter e ammazza il Milan. Sono tante le società che hanno raccolto meno del previsto. Basti pensare anche alla Fiorentina che deve cancellare quanto prima un deludente 2017.
Passiamo alla lista della spesa. 5 flop in un anno maledetto per molti.

5) Maurizio Zamparini
Il primo posto attuale, in serie B, non cancella le malefatte del Presidente del Palermo. Tra retrocessione e problemi economici di bilancio del club, per Emmezeta, è stata una bella annata da cancellare. Al più presto. Oggi è primo ma è anche vero che il Palermo costa un occhio della testa per la categoria. Il progetto Palermo è finito da tempo ma Zamparini non può e non vuole fermare la giostra. Le solite pagliacciate dei nuovi acquirenti, la retrocessione e la Guardia di Finanza sullo zerbino di casa. Non ha ordinato il medico, a Zamparini, di fare calcio. Prima lascerà Palermo e meglio sarà per tutti. Il futuro può essere rischioso... soprattutto per lui.

4) Vincenzo Vivarini
Allenatore sopravvalutato ma con ottimi sponsor. A Latina ha fatto un disastro ma aveva l'attenuante dei problemi societari. Ad Empoli ha raccolto molto poco ma soprattutto ha fatto giocare in maniera pessima la sua squadra. Chi ha visto quest'anno l'Empoli può rendersi conto, da solo, dei motivi dell'esonero. Mediocre allenatore di serie B che ha sprecato la chance più importante della sua carriera. Corsi, con colpevole ritardo, ha preso una decisione scontata.

3) Stefano Pioli
Da allenatore in rampa di lancio a Mister incompiuto. Pioli è un signore e nessuno lo mette in dubbio ma all'Inter non ha sfruttato la chance attesa una vita e a Firenze sta facendo troppa fatica, nonostante la squadra non sia neanche lontanamente paragonabile alla Fiorentina dei tempi d'oro. Sta di fatto che Pioli ha deluso molto in questo anno solare e, forse, ha dimostrato definitivamente di essere un allenatore capace ma non da grandi progetti.

2) Il nuovo Milan
Purtroppo il sogno di mezza estate è diventato un incubo autunnale, confermato un inferno invernale. Sembrava tutto bello, fin troppo per essere vero. Il campo ha dato il suo verdetto: il nuovo Milan ha sbagliato troppo. Si è incartato e con una stagione finita a dicembre diventa anche complicato pensare al prosieguo della stagione. Due obiettivi, da qui alla fine: andare avanti il più possibile in Europa League e vincere la Coppa Italia. Ci sarebbe anche un terzo obiettivo: salvare la faccia in campionato. Il problema del nuovo Milan è che sulla carta aveva fatto una campagna acquisti faraonica ma il campo l'ha stracciata come carta usata. Il cinese scomparso che non parla e non si vede non è un bel segnale, la bocciatura della Uefa e un futuro pieno di incertezze. Il 2017 rossonero sarebbe dovuto essere l'anno del rilancio. Andava bene anche un anno zero ma non un anno di mortificazioni. Se adesso c'è chi rimpiange l'ultimo Berlusconi, allora, vuol dire davvero che è andato tutto storto.

1) Giampiero Ventura
Il 2017 resterà nella storia. Ne parleranno i nostri figli e i nostri nipoti. Questa estate mandate i macellai al mare e mandate Ventura in macelleria. Niente grigliate davanti al Mondiale. Niente birra gelata ma solo la visione neutrale, di tanto in tanto, di una partita di Russia 2018. Ci sarà l'italiano che tiferà Argentina per Messi, oppure l'italiano che tiferà Spagna perché sempre controcorrente. La maggior parte, invece, si troverà una squadra da tifare di cui non conosce un calciatore neanche a cercarlo su wikipedia. Tutto questo perché abbiamo affidato la nostra amata Italia a Giampiero Ventura. Un discreto allenatore di serie A, un buon allenatore di serie B. Un presuntuoso che se ne è andato con il bottino e un allenatore che ha portato gli azzurri allo sfascio. Sicuramente non siamo la Nazionale più bella degli ultimi 30 anni ma non siamo neanche da stare a casa. La vera colpa è di Ventura che ha accettato di ricoprire un ruolo che, lui stesso sa, non gli poteva appartenere. Un gioco più grande delle sue qualità. Ci ha rimesso una Nazione intera. E' stato e sarà il fallimento più grande della storia del calcio italiano. E' come vedere un Mondiale di basket senza Stati Uniti. Ma è come se gli Usa avessero affidato la Nazionale di basket americana ad Attilio Caja. Nulla contro Caja, grande coach, ma lui stesso se legge queste righe è consapevole di non essere la primissima scelta della Nazionale statunitense. La mia proposta, comunque, resta sempre valida: togliamo la cittadinanza italiana a Ventura. E se non è possibile, almeno, toglieteci la soddisfazione di fargli rifare il corso di allenatore a Coverciano. Vi prego. In ginocchio sui ceci.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->