HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

2017 da incubo. Un'annata maledetta per molti: i 5 flop dell'anno

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.12.2017 18:10 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 31774 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Manca ancora qualche giorno ma ci portiamo avanti. La fine dell'anno si avvicina ed è tempo di bilanci. Il bilancio del week end premia la Juventus, incorona Hamsik, fa registrare il crollo inspiegabile dell'Inter e ammazza il Milan. Sono tante le società che hanno raccolto meno del previsto. Basti pensare anche alla Fiorentina che deve cancellare quanto prima un deludente 2017.
Passiamo alla lista della spesa. 5 flop in un anno maledetto per molti.

5) Maurizio Zamparini
Il primo posto attuale, in serie B, non cancella le malefatte del Presidente del Palermo. Tra retrocessione e problemi economici di bilancio del club, per Emmezeta, è stata una bella annata da cancellare. Al più presto. Oggi è primo ma è anche vero che il Palermo costa un occhio della testa per la categoria. Il progetto Palermo è finito da tempo ma Zamparini non può e non vuole fermare la giostra. Le solite pagliacciate dei nuovi acquirenti, la retrocessione e la Guardia di Finanza sullo zerbino di casa. Non ha ordinato il medico, a Zamparini, di fare calcio. Prima lascerà Palermo e meglio sarà per tutti. Il futuro può essere rischioso... soprattutto per lui.

4) Vincenzo Vivarini
Allenatore sopravvalutato ma con ottimi sponsor. A Latina ha fatto un disastro ma aveva l'attenuante dei problemi societari. Ad Empoli ha raccolto molto poco ma soprattutto ha fatto giocare in maniera pessima la sua squadra. Chi ha visto quest'anno l'Empoli può rendersi conto, da solo, dei motivi dell'esonero. Mediocre allenatore di serie B che ha sprecato la chance più importante della sua carriera. Corsi, con colpevole ritardo, ha preso una decisione scontata.

3) Stefano Pioli
Da allenatore in rampa di lancio a Mister incompiuto. Pioli è un signore e nessuno lo mette in dubbio ma all'Inter non ha sfruttato la chance attesa una vita e a Firenze sta facendo troppa fatica, nonostante la squadra non sia neanche lontanamente paragonabile alla Fiorentina dei tempi d'oro. Sta di fatto che Pioli ha deluso molto in questo anno solare e, forse, ha dimostrato definitivamente di essere un allenatore capace ma non da grandi progetti.

2) Il nuovo Milan
Purtroppo il sogno di mezza estate è diventato un incubo autunnale, confermato un inferno invernale. Sembrava tutto bello, fin troppo per essere vero. Il campo ha dato il suo verdetto: il nuovo Milan ha sbagliato troppo. Si è incartato e con una stagione finita a dicembre diventa anche complicato pensare al prosieguo della stagione. Due obiettivi, da qui alla fine: andare avanti il più possibile in Europa League e vincere la Coppa Italia. Ci sarebbe anche un terzo obiettivo: salvare la faccia in campionato. Il problema del nuovo Milan è che sulla carta aveva fatto una campagna acquisti faraonica ma il campo l'ha stracciata come carta usata. Il cinese scomparso che non parla e non si vede non è un bel segnale, la bocciatura della Uefa e un futuro pieno di incertezze. Il 2017 rossonero sarebbe dovuto essere l'anno del rilancio. Andava bene anche un anno zero ma non un anno di mortificazioni. Se adesso c'è chi rimpiange l'ultimo Berlusconi, allora, vuol dire davvero che è andato tutto storto.

1) Giampiero Ventura
Il 2017 resterà nella storia. Ne parleranno i nostri figli e i nostri nipoti. Questa estate mandate i macellai al mare e mandate Ventura in macelleria. Niente grigliate davanti al Mondiale. Niente birra gelata ma solo la visione neutrale, di tanto in tanto, di una partita di Russia 2018. Ci sarà l'italiano che tiferà Argentina per Messi, oppure l'italiano che tiferà Spagna perché sempre controcorrente. La maggior parte, invece, si troverà una squadra da tifare di cui non conosce un calciatore neanche a cercarlo su wikipedia. Tutto questo perché abbiamo affidato la nostra amata Italia a Giampiero Ventura. Un discreto allenatore di serie A, un buon allenatore di serie B. Un presuntuoso che se ne è andato con il bottino e un allenatore che ha portato gli azzurri allo sfascio. Sicuramente non siamo la Nazionale più bella degli ultimi 30 anni ma non siamo neanche da stare a casa. La vera colpa è di Ventura che ha accettato di ricoprire un ruolo che, lui stesso sa, non gli poteva appartenere. Un gioco più grande delle sue qualità. Ci ha rimesso una Nazione intera. E' stato e sarà il fallimento più grande della storia del calcio italiano. E' come vedere un Mondiale di basket senza Stati Uniti. Ma è come se gli Usa avessero affidato la Nazionale di basket americana ad Attilio Caja. Nulla contro Caja, grande coach, ma lui stesso se legge queste righe è consapevole di non essere la primissima scelta della Nazionale statunitense. La mia proposta, comunque, resta sempre valida: togliamo la cittadinanza italiana a Ventura. E se non è possibile, almeno, toglieteci la soddisfazione di fargli rifare il corso di allenatore a Coverciano. Vi prego. In ginocchio sui ceci.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il  Portogallo dopo CR7 tornerà mediocre, l'Argentina dopo Messi tornerà a vincere. Equivoco Roma: Pastore coi soldi di Nainggolan, ma il sostituto del Ninja era già stato acquistato. Hamsik e la Cina: aspettando Godot 24.06 - Tra Messi e Cristiano Ronaldo ho sempre preferito il portoghese. Evidentemente, non è stato dotato da Madre Natura dello stesso talento puro dell'argentino, eppure il portoghese ha avuto la forza di cambiare il naturale corso della storia. Fino a 5 anni fa il confronto nemmeno esisteva,...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Cancelo alla Juve, lunedì è il giorno. Rugani-Chelsea si può fare. Napoli tra Areola e Meret. Inter: Malcom può arrivare 23.06 - Ancora qualche giorno e Cancelo sarà un giocatore della Juventus. Con il Valencia è già stato raggiunto in linea di massima un accordo sulla base di 38 milioni di euro. Per l’esterno portoghese è pronto un contratto di 5 anni a 3 milioni di euro a stagione. Acquisto a titolo definitivo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico 22.06 - Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti. Cerchiamo di ricapitolare. Entro le diciassette...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Inter fa sul serio, la Juve saluta Emre Can, Roma e Napoli non solo portieri. Il Milan in attesa: è un mercato mondiale 21.06 - Sono i giorni dell’Inter. Fra le cessioni per rientrare nei paletti del FFP e gli acquisti per dare a Spalletti una rosa di primo livello non si può non partire dai nerazzurri. Di Nainngolan sappiamo ormai quasi tutto. Non diciamo che bisogna solo scrivere ma quasi. La Roma ha individuato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy