VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

2017 da incubo. Un'annata maledetta per molti: i 5 flop dell'anno

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.12.2017 18:10 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 31279 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Manca ancora qualche giorno ma ci portiamo avanti. La fine dell'anno si avvicina ed è tempo di bilanci. Il bilancio del week end premia la Juventus, incorona Hamsik, fa registrare il crollo inspiegabile dell'Inter e ammazza il Milan. Sono tante le società che hanno raccolto meno del previsto. Basti pensare anche alla Fiorentina che deve cancellare quanto prima un deludente 2017.
Passiamo alla lista della spesa. 5 flop in un anno maledetto per molti.

5) Maurizio Zamparini
Il primo posto attuale, in serie B, non cancella le malefatte del Presidente del Palermo. Tra retrocessione e problemi economici di bilancio del club, per Emmezeta, è stata una bella annata da cancellare. Al più presto. Oggi è primo ma è anche vero che il Palermo costa un occhio della testa per la categoria. Il progetto Palermo è finito da tempo ma Zamparini non può e non vuole fermare la giostra. Le solite pagliacciate dei nuovi acquirenti, la retrocessione e la Guardia di Finanza sullo zerbino di casa. Non ha ordinato il medico, a Zamparini, di fare calcio. Prima lascerà Palermo e meglio sarà per tutti. Il futuro può essere rischioso... soprattutto per lui.

4) Vincenzo Vivarini
Allenatore sopravvalutato ma con ottimi sponsor. A Latina ha fatto un disastro ma aveva l'attenuante dei problemi societari. Ad Empoli ha raccolto molto poco ma soprattutto ha fatto giocare in maniera pessima la sua squadra. Chi ha visto quest'anno l'Empoli può rendersi conto, da solo, dei motivi dell'esonero. Mediocre allenatore di serie B che ha sprecato la chance più importante della sua carriera. Corsi, con colpevole ritardo, ha preso una decisione scontata.

3) Stefano Pioli
Da allenatore in rampa di lancio a Mister incompiuto. Pioli è un signore e nessuno lo mette in dubbio ma all'Inter non ha sfruttato la chance attesa una vita e a Firenze sta facendo troppa fatica, nonostante la squadra non sia neanche lontanamente paragonabile alla Fiorentina dei tempi d'oro. Sta di fatto che Pioli ha deluso molto in questo anno solare e, forse, ha dimostrato definitivamente di essere un allenatore capace ma non da grandi progetti.

2) Il nuovo Milan
Purtroppo il sogno di mezza estate è diventato un incubo autunnale, confermato un inferno invernale. Sembrava tutto bello, fin troppo per essere vero. Il campo ha dato il suo verdetto: il nuovo Milan ha sbagliato troppo. Si è incartato e con una stagione finita a dicembre diventa anche complicato pensare al prosieguo della stagione. Due obiettivi, da qui alla fine: andare avanti il più possibile in Europa League e vincere la Coppa Italia. Ci sarebbe anche un terzo obiettivo: salvare la faccia in campionato. Il problema del nuovo Milan è che sulla carta aveva fatto una campagna acquisti faraonica ma il campo l'ha stracciata come carta usata. Il cinese scomparso che non parla e non si vede non è un bel segnale, la bocciatura della Uefa e un futuro pieno di incertezze. Il 2017 rossonero sarebbe dovuto essere l'anno del rilancio. Andava bene anche un anno zero ma non un anno di mortificazioni. Se adesso c'è chi rimpiange l'ultimo Berlusconi, allora, vuol dire davvero che è andato tutto storto.

1) Giampiero Ventura
Il 2017 resterà nella storia. Ne parleranno i nostri figli e i nostri nipoti. Questa estate mandate i macellai al mare e mandate Ventura in macelleria. Niente grigliate davanti al Mondiale. Niente birra gelata ma solo la visione neutrale, di tanto in tanto, di una partita di Russia 2018. Ci sarà l'italiano che tiferà Argentina per Messi, oppure l'italiano che tiferà Spagna perché sempre controcorrente. La maggior parte, invece, si troverà una squadra da tifare di cui non conosce un calciatore neanche a cercarlo su wikipedia. Tutto questo perché abbiamo affidato la nostra amata Italia a Giampiero Ventura. Un discreto allenatore di serie A, un buon allenatore di serie B. Un presuntuoso che se ne è andato con il bottino e un allenatore che ha portato gli azzurri allo sfascio. Sicuramente non siamo la Nazionale più bella degli ultimi 30 anni ma non siamo neanche da stare a casa. La vera colpa è di Ventura che ha accettato di ricoprire un ruolo che, lui stesso sa, non gli poteva appartenere. Un gioco più grande delle sue qualità. Ci ha rimesso una Nazione intera. E' stato e sarà il fallimento più grande della storia del calcio italiano. E' come vedere un Mondiale di basket senza Stati Uniti. Ma è come se gli Usa avessero affidato la Nazionale di basket americana ad Attilio Caja. Nulla contro Caja, grande coach, ma lui stesso se legge queste righe è consapevole di non essere la primissima scelta della Nazionale statunitense. La mia proposta, comunque, resta sempre valida: togliamo la cittadinanza italiana a Ventura. E se non è possibile, almeno, toglieteci la soddisfazione di fargli rifare il corso di allenatore a Coverciano. Vi prego. In ginocchio sui ceci.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.