VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina

13.01.2018 18:22 di Mauro Suma   articolo letto 22433 volte

Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto comunale a Milano, all'insegna dell'assoluto basso profilo a Genova, vissuto di pancia a Roma con la stilettata di James Pallotta ai tifosi laziali. A Milano scorre ormai nelle vene dei tifosi rossoneri il sangue del pregiudizio sulla nerazzurrità del sindaco Sala. Ogni primo cittadino ha diritto di tifare calcisticamente per la squadra che meglio crede, ma c'è dell'altro a detta dei milanisti. E quando Palazzo Marino dice il Milan si decida su San Siro, mentre l'Inter è più determinata, torna quel retrogusto amaro nei palati rossoneri. Detto che il milanista duro e puro non vuole andar via da San Siro perchè è stata la prima squadra milanese a giocarci, non si direbbe dalla sfilza di intitolazioni che lo circondano ma è storicamente così, è altrettanto vero che la convivenza non è semplice fra i due grandi club cittadini. E soprattutto non è redditizia, visto che sia Milan che Inter devono far quadrare i conti. La sensazione è che il sindaco Sala debba calibrare il suo baricentro. Sullo stadio, non è l'Inter a giocare in casa ma ci sono due club che partono assolutamente alla pari. Il feticcio dello stadio al Portello indicato dai tifosi interisti come la disaffezione rossonera verso San Siro, non solo è un fatto superato ma aveva trovato anche a suo tempo ai vertici del Milan l'ostacolo sentimentale di San Siro. Per tornare all'amministrazione comunale, un ruolo più sfumato e più laico in una vicenda così delicata non guasterebbe. A Genova ad esempio, il comune ha giocato un ruolo molto molto low profile e Genoa e Samp hanno trovato facilmente e velocemente l'accordo di comprare lo stadio al 50 per cento. A Roma c'è stata la battuta di Pallotta sui laziali allo stadio della Roma una volta l'anno, ma se verrà eletto anche in Parlamento a quel punto il presidente Lotito avrà modo di rispondere.

Fonte transfermarkt: la rosa del Milan che un anno fa valeva 187 milioni di euro, oggi dal punto di vista del valore patrimoniale è attestata sui 328 milioni di euro. Nessuno si specchia o si adagia su questo numeri in casa rossonera, perchè la classifica in campionato resta brutta. Ma al contrario sono un cruccio ancora maggiore. Preparata e motivata a dovere, questa squadra poteva evitare di perdere se non punti almeno del tempo come ha sottolineato Riccardo Montolivo. Il quale Monto ha dichiarato pubblicamente quello che diversi giocatori di diverse squadre hanno mormorato negli ultimi anni nel dietro le quinte, ovvero quel consiglio sull'empatia da migliorare con i giocatori. Nessun riposizionamento di carattere amministrativo (meglio precisarlo, con tutti gli ispettori del lavoro in baffi finti che pencolano affannosi qua e la) sia ben chiaro, del resto è lo stesso giocatore che in tempi non sospetti aveva chiaramente ammesso di non aver fatto salti di gioia per il cambio della fascia di capitano. In ogni caso se dopo le tre sconfitte del gennaio 2017 contro Napoli, Udinese e Sampdoria, la stessa gestione storica del Milan era entrata nell'ordine di idee di procedere ad un cambio tecnico, qualcosa era accaduto anche nella stagione precedente. Prima Gancikoff, poi le pieghe del closing (non potevano esserci tre allenatori a libro paga in estate...) e quindi la mancanza di alternative, è così che è andata da giugno 2016 a fino a giugno 2017, prima di arrivare a Rino Gattuso. Non è certo tutta colpa di Montella e nessuno si sogna di pensarlo, ma le modalità della rescissione e la frase alla presentazione sul Siviglia e sul Milan non hanno sgomberato, a torto o a ragione, le nubi del sentiment complessivo rossonero al riguardo. Del resto il calcio è così, va, corre, trita tutto e produce fatti nuovi, piaccia o non piaccia. E va seguito tutto, bene, al passo, senza smarrirsi nella posa delle lenzuola sul davanzale con i fatti propri esposti al pubblico ludibrio. Il calcio, quello vero, tira giù inevitabilmente anche quelli.

Non è stata solo la settimana degli stadi, ma anche quella della Federcalcio, sempre a caccia di una guida. E della Nazionale, sempre a caccia di un Ct visto che in primavera ad interim andrà in panchina Di Biagio prestato dall'Under 21. Il primo a candidarsi è stato Roberto Mancini. Le sue dichiarazioni non sono passate inosservate, tant'è che, per la prima volta in questa stagione, un certo Antonio Conte non è stato fideistico sul proprio rapporto contrattuale con il Chelsea. Il contratto c'è, ma mai dire mai. Un riferimento non necessariamente al calcio di club. Anzi proprio per nulla...

Ma allora l'Inter c'è sul mercato. Lisandro Lopez ormai sostanzialmente fatto e il lavoro duro con il Barcellona per Rafinha, dimostrano che a determinate condizioni si può operare più che dignitosamente anche in periodo di fair play finanziario. Insomma il Financial non è immobilismo allo stato puro, non è la morte civile del mercato. E il riferimento è anche a quegli allenatori, come sta probabilmente accadendo nel caso Ramires, che si rifugiano fra i paletti del FPF pur di non liberarsi di un giocatore che fa molto comodo lì dov'è, senza alcuna voglia di vederlo cambiare casacca.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.