HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina

13.01.2018 18:22 di Mauro Suma   articolo letto 22644 volte

Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto comunale a Milano, all'insegna dell'assoluto basso profilo a Genova, vissuto di pancia a Roma con la stilettata di James Pallotta ai tifosi laziali. A Milano scorre ormai nelle vene dei tifosi rossoneri il sangue del pregiudizio sulla nerazzurrità del sindaco Sala. Ogni primo cittadino ha diritto di tifare calcisticamente per la squadra che meglio crede, ma c'è dell'altro a detta dei milanisti. E quando Palazzo Marino dice il Milan si decida su San Siro, mentre l'Inter è più determinata, torna quel retrogusto amaro nei palati rossoneri. Detto che il milanista duro e puro non vuole andar via da San Siro perchè è stata la prima squadra milanese a giocarci, non si direbbe dalla sfilza di intitolazioni che lo circondano ma è storicamente così, è altrettanto vero che la convivenza non è semplice fra i due grandi club cittadini. E soprattutto non è redditizia, visto che sia Milan che Inter devono far quadrare i conti. La sensazione è che il sindaco Sala debba calibrare il suo baricentro. Sullo stadio, non è l'Inter a giocare in casa ma ci sono due club che partono assolutamente alla pari. Il feticcio dello stadio al Portello indicato dai tifosi interisti come la disaffezione rossonera verso San Siro, non solo è un fatto superato ma aveva trovato anche a suo tempo ai vertici del Milan l'ostacolo sentimentale di San Siro. Per tornare all'amministrazione comunale, un ruolo più sfumato e più laico in una vicenda così delicata non guasterebbe. A Genova ad esempio, il comune ha giocato un ruolo molto molto low profile e Genoa e Samp hanno trovato facilmente e velocemente l'accordo di comprare lo stadio al 50 per cento. A Roma c'è stata la battuta di Pallotta sui laziali allo stadio della Roma una volta l'anno, ma se verrà eletto anche in Parlamento a quel punto il presidente Lotito avrà modo di rispondere.

Fonte transfermarkt: la rosa del Milan che un anno fa valeva 187 milioni di euro, oggi dal punto di vista del valore patrimoniale è attestata sui 328 milioni di euro. Nessuno si specchia o si adagia su questo numeri in casa rossonera, perchè la classifica in campionato resta brutta. Ma al contrario sono un cruccio ancora maggiore. Preparata e motivata a dovere, questa squadra poteva evitare di perdere se non punti almeno del tempo come ha sottolineato Riccardo Montolivo. Il quale Monto ha dichiarato pubblicamente quello che diversi giocatori di diverse squadre hanno mormorato negli ultimi anni nel dietro le quinte, ovvero quel consiglio sull'empatia da migliorare con i giocatori. Nessun riposizionamento di carattere amministrativo (meglio precisarlo, con tutti gli ispettori del lavoro in baffi finti che pencolano affannosi qua e la) sia ben chiaro, del resto è lo stesso giocatore che in tempi non sospetti aveva chiaramente ammesso di non aver fatto salti di gioia per il cambio della fascia di capitano. In ogni caso se dopo le tre sconfitte del gennaio 2017 contro Napoli, Udinese e Sampdoria, la stessa gestione storica del Milan era entrata nell'ordine di idee di procedere ad un cambio tecnico, qualcosa era accaduto anche nella stagione precedente. Prima Gancikoff, poi le pieghe del closing (non potevano esserci tre allenatori a libro paga in estate...) e quindi la mancanza di alternative, è così che è andata da giugno 2016 a fino a giugno 2017, prima di arrivare a Rino Gattuso. Non è certo tutta colpa di Montella e nessuno si sogna di pensarlo, ma le modalità della rescissione e la frase alla presentazione sul Siviglia e sul Milan non hanno sgomberato, a torto o a ragione, le nubi del sentiment complessivo rossonero al riguardo. Del resto il calcio è così, va, corre, trita tutto e produce fatti nuovi, piaccia o non piaccia. E va seguito tutto, bene, al passo, senza smarrirsi nella posa delle lenzuola sul davanzale con i fatti propri esposti al pubblico ludibrio. Il calcio, quello vero, tira giù inevitabilmente anche quelli.

Non è stata solo la settimana degli stadi, ma anche quella della Federcalcio, sempre a caccia di una guida. E della Nazionale, sempre a caccia di un Ct visto che in primavera ad interim andrà in panchina Di Biagio prestato dall'Under 21. Il primo a candidarsi è stato Roberto Mancini. Le sue dichiarazioni non sono passate inosservate, tant'è che, per la prima volta in questa stagione, un certo Antonio Conte non è stato fideistico sul proprio rapporto contrattuale con il Chelsea. Il contratto c'è, ma mai dire mai. Un riferimento non necessariamente al calcio di club. Anzi proprio per nulla...

Ma allora l'Inter c'è sul mercato. Lisandro Lopez ormai sostanzialmente fatto e il lavoro duro con il Barcellona per Rafinha, dimostrano che a determinate condizioni si può operare più che dignitosamente anche in periodo di fair play finanziario. Insomma il Financial non è immobilismo allo stato puro, non è la morte civile del mercato. E il riferimento è anche a quegli allenatori, come sta probabilmente accadendo nel caso Ramires, che si rifugiano fra i paletti del FPF pur di non liberarsi di un giocatore che fa molto comodo lì dov'è, senza alcuna voglia di vederlo cambiare casacca.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy