HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.02.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28652 volte

Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale del calcio italiano. Pochi presenti in Chiesa, la solita omelia, le solite parole "sarà l'ultima farsa" come se ci fossimo dimenticati che soltanto 12 mesi fa il Modena falsava il campionato, poche settimane fa il Matera veniva escluso dalla serie C, al Como non accettavano l'iscrizione perché il cash non dava garanzie e serviva la fideiussione e l'80% dei club di serie C non è in regola perché ha presentato una fideiussione falsa. A dirlo non sono io ma Bankitalia. Cuneo è solo l'ultima barzelletta di un racconto che, però, non fa più ridere. Tanto sapete cosa c'è di nuovo? Nulla! Della serie C non importa niente a nessuno, oggi se ne parla qualche ora, domani qualche minuto e mercoledì quando ti chiederanno di Cuneo-Pro Piacenza non sapranno neanche il risultato finale.... 20-0! Robe da 1924. La Pro Piacenza, qualcuno la chiama il Pro Piacenza, la verità è che neanche dovrebbe comparire più nella geografia del calcio italiano, si è presentata con sette bambini, un massaggiatore e un bambino a fare da allenatore per non essere esclusa dal campionato per la mancata presenza al campo per la quarta volta consecutiva. Una pagliacciata che andava evitata. Uno schiaffo al calcio e a chi lo definisce ancora professionismo. La serie C non può essere considerata più calcio professionistico. 60 società sono tante e già 40 basterebbero e forse avanzerebbero. Due gironi, da subito, a 20 e chi non può iscriversi neanche deve iniziare il campionato. Noi siamo tifosi di Gravina ma quando dice che sarà l'ultima farsa sta mentendo prima a se stesso e poi a noi. Se non si cambiano le regole, i format e le normative sarà sempre così. Servono garanzie reali per iniziare i campionati, non bastano i soldi dell'iscrizione e le fideiussioni farlocche. Il problema è alla base. I soldi per mantenere 60 club non ci sono. Fatevene una ragione. Se una società tra minutaggio, diritti tv, mutualità e poco altro porta a casa 650.000 o 700.000 euro all'anno non può permettersi di spendere, se tutto va male, 1.400.000 euro per mantenere la squadra, fare le trasferte, pagare stipendi e tasse e gestire lo stadio. Non c'è una società di serie C che si mantiene da sola, non c'è una società di serie B che fa utile e su 20 società di serie A stanno in piedi due o tre club. Lo capite che questa industria è fallita nonostante faccia girare miliardi di soldi? La serie C è allo sbando. L'unica Lega che si mantiene da sola è la Lega Nazionale Dilettanti che compone 9 gironi, 166 società, li fa ammazzare tra di loro per 9 promozioni con play off che non servono a nulla, intasca da ogni società 18.000 euro di iscrizione (circa 3 milioni annui, più le multe che si fanno ad hoc arriva a quasi 4 milioni di euro) e sapete quanti ne distribuisce ad ogni società? Zero! C'è il bonus babbà per chi fa giocare più giovani, ma rischia la retrocessione, e incassa sui 15.000 euro. Lo vincono in 3 per ogni girone. Visibilità zero e uffici a Piazzale Flaminio che potrebbe permettersi solo l'Ambasciata Americana. Torniamo alla serie C. Cuneo segna un punto di non ritorno. Ma che ci sono calciatori per strada, piazze cancellate dalla geografia del pallone non interessa niente a nessuno. Questo è quello che si merita una Lega che consegna la poltrona di Vice Presidente ad una attrice che il calcio l'ha visto solo durante la registrazione del film "Notte prima degli esami". Chi è causa del suo male pianga se stesso. Sicuramente il problema non è la Capotondi, adesso, ma se questi sono i segnali e i personaggi della rinascita ci meritiamo il funerale di Cuneo. Mi avevano detto che la Capotondi, per ricoprire il ruolo di Vice Presidente di Lega Pro, percepisse 60.000 euro annui. Mi hanno ufficialmente smentito la notizia, dicendomi che ne prende zero. Spero che la seconda risposta sia quella giusta, altrimenti, cerco casa al settimo piano, ben arredata, libera subito per buttarmi giù.
Una osservazione sul Cuneo, che questa sera alle 23.00 sarà ospite in massa a Sportitalia. C'è qualcuno che dice che si sarebbe dovuto fermare sul 5-0. Così falsi la classifica cannonieri, la differenza reti e menate varie. Il problema non è il Cuneo che ha onorato la sua prestazione, ne poteva fare 50 e doveva farli. Il problema è chi consente questo scempio. La 10 al massaggiatore resta l'emblema di questa stagione. Come voler dire... anche io posso fare l'esordio in serie C. Fisicamente reggo i primi 5 minuti, poi male che vada mi mettete in porta. Venerdì ho giocato a calcetto con amici e colleghi; è finita 12-10, ce la siamo giocata, gara combattuta e se fosse finita 20-0 avrei bucato il pallone.
Parliamo di calcio, almeno, ci proviamo. Leonardo su Piatek ha avuto ragione. Le riserve sul polacco erano molte. Più sul costo dell'affare che sulle qualità del calciatore. 35 milioni di euro, più bonus, per uno che ha segnato solo 4 mesi sembravano un azzardo. Poi mettici che segnare con il Milan non è facile come segnare con il Genoa e fai un cocktail di dubbi. Invece Leonardo, questa volta, ha avuto ragione. Ci togliamo il cappello e andiamo a chiedere l'elemosina davanti la Chiesa che ha celebrato il funerale del calcio italiano, a Cuneo. Piatek li vale ma se continua così ne varrà 70. Ha avuto un impatto con il Milan devastante e ridere di gusto della parte di Higuain è la soddisfazione più grande della dirigenza rossonera. Leonardo, 1-0 palla a centro. Ma possiamo subito pareggiare i conti perché su Gattuso-allenatore, Leo si sbagliava e i fatti stanno dimostrando che quello che dicevamo su Rino era tutto giusto. Un grande allenatore oltre che un grande motivatore. Fare quello che sta facendo Gattuso, con tanti infortunati e una situazione gestionale non semplice, non era una passeggiata. Gattuso ha vissuto in bilico più di un circense che passeggia su un filo con un piede avanti e uno dietro. Ha lavorato e ha dimostrato di essere un grande. Il Milan lotta per la Champions, può arrivare fino in fondo e i calciatori che dedicano al proprio allenatore le storie sui social è il regalo più bello per un Mister. Gattuso lo amano tutti per tre ragioni: è uno vero, è un buono e ha le palle. Lunga vita a Gattuso e al Milan. Leo, 1-1...
All'Inter, invece, stanno uscendo di testa: Icardi e WandaNera stanno mandando al manicomio i dirigenti. Marotta non si fa intortare facilmente da due ragazzini ed è spinto dal popolo del web che vuole fustigare Maurito. Fin qui tutto normale ma togliere la fascia e non farlo rinnovare non gioverebbe certo al club. La gestione del rinnovo dell'argentino è stata sbagliata sin dall'inizio. Ne avevamo già parlato. Poi la figura di Wanda-Nera inizia a diventare davvero stucchevole. Scrive più lei sui social della Ferragni che lo fa di mestiere. Scrive cose sbagliate e fuori luogo e, sinceramente, quella che sembrava la famiglia del Mulino Bianco oggi sembra una gabbia di matti. Vuoi vedere che fece bene Maxi Lopez a scappare da tutti loro e quello intelligente era lui ad aver capito tutto prima degli altri?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510