VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Addio 2014: i dieci peggiori personaggi dell'anno

Nato ad Avellino, vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Scrivi su Twitter: MCriscitiello
29.12.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 65213 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

A Natale siamo tutti più buoni, a fine anno siamo tutti un po' più cattivi. Perché ripensiamo a come è andata, realmente, la stagione e pensiamo/riflettiamo sulla catastrofe calcistica. L'Italia sempre più in basso e la prossima stagione rischiamo di ritrovarci una serie A con Empoli, Carpi, Chievo e Sassuolo. Alt! Complimenti a queste realtà che arrivano in alto con sacrifici e programmazione, ma se le big non ci sono, qualcuno dovrebbe porsi delle domande. Come qualcuno dovrebbe chiedersi come fa l'Italia a consentire nel 2014 che il Bari vada in trasferta a spese di Angelozzi (lo scorso campionato) e che il Brescia vada in trasferta ad Avellino in treno, con metà squadra che arriva in ritardo perché ha perso la coincidenza Brescia-Milano e l'altra metà arriva la notte prima della partita. Come mai nel 2014 la CoViSoc non vigila sulle Leghe che accettano ai campionati società indebitate e pronte alla morte? W il 2015 e, soprattutto, l'eventuale pulizia che il calcio vorrà fare. Ci divertiamo, si fa per dire, con i premi ai 10 personaggi peggiori del calcio italiano, nel 2014. Ci vorrebbero 100 premi ma non abbiamo tempo, facciamo 10.

Cesare Prandelli
Alla mezzanotte del 31 dovrà buttare dal balcone di tutto. Almeno a Napoli, la tradizione, lo prevede. Ha rovinato una Nazionale, abbiamo aspettato il Mondiale in Brasile per goderci un po' l'estate e, invece, in tre partite ci ha umiliati. Convocazioni assurde, come assurda era la sua presenza in azzurro. Va in Turchia, per scappare dall'Italia e lo cacciano anche da lì. Allenatore non capace, senza umiltà e con poca preparazione. A Firenze il segreto non era lui. Allenatore di fascia media in serie A.

Mario Balotelli
Gioca nell'Inter e sogna il Milan. Va al City e lo prendono a parole, va al Milan e pensa al Liverpool, va al Liverpool e pensa di tornare nella sua amata Inter. Calciatore senza presente, persona senza futuro. Ha sprecato tutto il talento che Dio gli ha donato. Puntualmente con la valigia pronta; difficilmente lascerà il segno in questo calcio. Ha sprecato mille jolly e, di lui, davvero non se ne può più. Ha guadagnato e guadagna tanto ma, di questo passo, in dieci anni sperpererà tutto il patrimonio. Per il suo bene, intervenga la famiglia. In Italia, comunque, uno così non serve. Quindi, caro Mancio, prendi Lavezzi...

Zdenek Zeman
Sdengo (come lo chiamava Pasquale Casillo ai tempi di Foggia n.d.r.), adesso non puoi più aggrapparti a nulla. Zeman sarebbe perfetto come preparatore atletico del Catania. Bravissimo nella preparazione fisica, ottimo intenditore di calcio, non riesce mai a trasformare la sua teoria in pratica. I calciatori, sempre più esasperati dai suoi metodi, non lo seguono e per i presidenti è diventata una scommessa troppo pericolosa. Le società sono aziende e affidarle a Zeman significa rischiare il fallimento. Perdere la categoria, di conseguenza gli introiti dei diritti tv, equivale a sparire.

Stefano Marchetti
Il direttore generale del Cittadella è l'emblema del nostro calcio. Non funziona, eppure alla fine magicamente in primavera riesce a strappare la permanenza in categoria. Questa volta chiude l'anno all'ultimo posto, in serie B, e di questo passo il suo mercato dovrà iniziarlo prima. Non può rischiare di arrivare troppo avanti nel tempo. Pessima gestione dei calciatori (quelli sotto contratto), un allenatore che da 11 anni dice sempre "Signor Sì" e un sistema che non sta più in piedi. Fin quando sarà supportato dal potere riuscirà ad andare avanti ma il tempo è galantuomo per tutti. Pessimo esempio di come si gestisce una società. Colpa della Procura Federale che non è andata fino in fondo nella famosa partita di Gerardi, Reggina-Cittadella. Gli appassionati di calcio vogliono sapere se ci fu frode sportiva. Qualcuno dovrà dare delle risposte. Quest'anno in primavera vigileremo... Per il bene e per la credibilità di questo sport.

Antonino Pulvirenti
Ha distrutto tutto in due/tre anni. Sembrava un castello, invece, si è rivelato un castello di sabbia. Pulvirenti ha ammazzato la passione dei catanesi, questa la sconfitta più grande. Lo diciamo e scriviamo da due anni ma, a volte, la verità fa male. Pulvirenti ha due soluzioni: vendere la società oppure cambiare tutto a gennaio. Il calcio non è l'attività che gli riesce meglio. Quello che sta succedendo quest'anno è uno schiaffo all'impero che aveva creato negli anni precedenti. Ci dispiace, con il cuore in mano.

Vincenzo Matarrese
Dopo annate gloriose, lascia il calcio nel peggiore momento della sua storia. La famiglia Matarrese aveva scritto capitoli nel calcio e nella città di Bari. Esce dall'uscita d'emergenza con una squadra che non può neanche andare in trasferta. Nonostante tutto, nonostante un grande DS come Angelozzi, chiude l'anno calcistico ai play off. Il suo addio concede nuovo entusiasmo ai baresi, anche se il Tribunale probabilmente non l'ha lasciato nelle mani migliori. Bisogna lasciare quando le luci sul palco sono ancora accese e non quando sono tutte fulminate e in platea le poltrone sono tutte vuote per protesta.

Gino Corioni
Vale il discorso di Bari. Fine ingloriosa. Fine indecente. A questo punto si arriva perché qualcuno, dall'alto, te lo consente. Trattare con i pakistani per vendere è lecito, ma poco rassicurante. Mandare la squadra in treno, in una trasferta di 1000 km, è mortificante. Hai avuto in squadra Baggio, Guardiola e Toni. Dovevi fermarti prima. Non ora che è troppo tardi. Se il Brescia si salva è solo merito del sistema italiano. Fallimento pilotato e avanti così...

Stefano Braschi
Per fortuna ha lasciato ma, nel 2014, ha fatto più danni lui che tutta l'AIA messa insieme. Il grande sconfitto di un sistema logoro. Gli arbitri italiani, eccetto Rizzoli, sono presuntuosi e poco preparati. Ha provato a cambiare il mondo ma il mondo ha cambiato lui... in peggio. Nicchi non è da meno, ma Braschi ha predicato, male, nel deserto.

Diego Penocchio
Anche noi commettiamo degli errori di valutazione, ma lo diciamo. Pur conservando un'ottima idea di Diego Penocchio, uomo, bisogna giudicarlo in maniera estremamente negativa come manager di calcio. Al primo anno a Padova è retrocesso ma soprattutto fallito. Sbagliare è umano, però, aveva l'obbligo di iscrivere la squadra e la fortuna lo avrebbe aiutato perché sarebbe stato ripescato al posto del Siena. Avrebbe dovuto concedere le garanzie economiche per partecipare al campionato di Lega Pro. Male nella gestione, malissimo nelle decisioni post retrocessione. Il giudizio sulla persona resta più che positivo.

Famiglia Mezzaroma
Per far sparire il calcio, in una città come Siena, ce ne vuole. Dovevano tirare il freno a mano molto prima che il Tribunale travolgesse tutto il sistema senese. Spese folli: far affidamento solo sulla sponsorizzazione bancaria e spendere 100 quando in cassa hai 10 non è un bell'esempio di gestione manageriale. Troppe procure, folli, pagate a destra e sinistra e molte ombre sulla gestione calcistica del Siena. Il fallimento è una macchia indelebile per la Famiglia Mezzaroma che era stata accolta nel calcio con rispetto e ammirazione. Una storia iniziata bene e finita scappando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.