HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

“Un giorno all’improvviso…”CR7-Juve, mille vantaggi e un solo svantaggio. Paratici, dal colpo del secolo al bluff del millennio. Raduno Milan: squadra da sostenere, proprietà da contestare. Meret-Napoli, a Pastorello non prendeva il telefono

09.07.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 68220 volte
“Un giorno all’improvviso…”CR7-Juve, mille vantaggi e un solo svantaggio. Paratici, dal colpo del secolo al bluff del millennio. Raduno Milan: squadra da sostenere, proprietà da contestare. Meret-Napoli, a Pastorello non prendeva il telefono

C’è un popolo in attesa. Bambini impazziti che sognano il loro idolo con la maglia della propria squadra del cuore. Il popolo si divide in due: quelli che non vedono l’ora di abbracciarlo e quelli che non vogliono neanche sentire nominare Cristiano Ronaldo, per profonda scaramanzia. Il colpo degli ultimi 30 anni che può scrivere la storia del calciomercato mondiale. Se arriva, cosa a questo punto molto probabile, la Juventus avrà fatto una spesa folle sì ma avrà regalato al nostro campionato il più forte del Mondo. Se non dovesse arrivare, allora, sarebbe un fallimento assoluto perché ormai tutti ci credono e tutti la danno per fatta. Sarebbe un boomerang. Sicuramente se paghi 130 milioni di cartellino e 30 milioni di ingaggio netti a stagione, per quattro anni, non è un’operazione di calcio. Dietro c’è molto di più. L’economia, il marketing e l’alta finanza. Ronaldo non è un calciatore ma un marchio. Se guadagni 30 milioni all’anno e altri 45 ti arrivano da varie sponsorizzazioni non parliamo più di calcio ma di un’azienda a tutti gli effetti. Con grandissimo merito perché Ronaldo è l’anti Balotelli. Il Signore ha dato il dono innato della classe a CR7 ma il portoghese è diventato e rimasto, a lungo, il numero 1 al Mondo grazie alla sua determinazione, professionalità e voglia di migliorarsi. Se il più forte arriva all’allenamento per primo e va via per ultimo non merita invidie e gelosie ma solo applausi, ancor prima che si apra il sipario. Ronaldo al nostro calcio farà bene? Benissimo. Se la Juventus avesse fatto questa mossa in anticipo anche la Lega Calcio ci avrebbe guadagnato con la famosa asta dei diritti tv. Ora il valore dei diritti esteri raddoppierà. Saranno felici a IMG che, per il primo anno, hanno strappato i diritti esteri a MP Silva. Grazie a Ronaldo avremo un effetto domino anche su tutte le altre società. La stima è un aumento del 20% anche sugli abbonamenti. Molti tifosi, pur di non perdersi Ronaldo, per una domenica, saranno disposti a fare l’abbonamento per tutta la stagione. Inutile che stiamo dietro ai rosiconi che oggi parlano di un giocatore sul viale del tramonto. Qui non c’è nessun viale e il tramonto non si vede neanche da lontano. Ronaldo ha ancora 4-5 anni buoni davanti a sé. Fino a ieri era il più forte di tutti, oggi che la Juventus è in pressione, molti, lo vogliono far passare per bollito. Sicuramente Ronaldo si sarà fatto i suoi conti, anche fiscali, e l’operazione Italia nasconde molto di più. C’è solo uno svantaggio, qualora dovesse arrivare il portoghese in Italia. Inserire il calciatore più forte del Mondo nella squadra più forte d’Italia rischia, seriamente, di far diventare la serie A come la Bundesliga e la Ligue 1. Tifiamo per Inter, Roma e Napoli affinché possano rinforzare le rispettive squadre per creare un campionato sempre più esaltante. Il massimo sarebbe stato CR7 in Italia ma in una delle squadre rivali della Juventus. Sai che spettacolo…
La sbornia Ronaldo, evidentemente, ha fatto venire il mal di testa all’ottimo Paratici. Direttore numero 1 in Europa che ha dimostrato di essere negli anni il vero valore aggiunto di questa Juventus. Direttore fenomenale e ragazzo educato. Quando vai in una grande squadra, 9 su 10, ti monti la testa e credi di essere diventato Dio. Paratici ha un grande valore: l’umiltà. Detto questo, stavolta, Fabio ha bevuto un bicchiere di vino bianco in più al posto dell’acqua naturale. Per la Juventus B (seconda squadra inutile in un progetto nato morto) starebbe pensando ad Alfredo Aglietti per la panchina. In sintesi: come far rendere una squadra inutile nelle mani di un allenatore perdente. Non lo dico io ma lo dicono le statistiche. Diritto di cronaca: negli ultimi 5 anni, 3 retrocessioni in C (con Novara, Entella ed Entella perché Paganini non concede il bis, Aglietti sì). Gli altri due anni? Uno è stato quasi sempre fermo, l’altro con una corazzata (avanti aveva un certo Ciccio Caputo) è riuscito a perdere i play off con l’Entella, nell’ultima giornata a Crotone con i calabresi già in A. E parliamo dei play off allargati. Nono posto con una squadra da promozione diretta. Diritto di critica: allenatore non idoneo ad un progetto, sulla carta, ambiziosa con un marchio così importante come quello della Juventus. Non si può dare la tuta bianconera ad Aglietti.
Ora, caro Fabio, va bene brindare per CR7 ma posa il bicchiere di vino e riprendi a bere acqua. Al massimo ti concediamo una sprite. Sempre bollicine sono…
Oggi si radunano le big. Di big ci sarebbe anche il Milan, di nome ma non di fatto. I tifosi sono arrabbiati e delusi ma non possono esserlo con la squadra che, in questo momento di sconforto, merita solo il sostegno della sua gente. Piuttosto bisognerebbe prendersela con chi continua a non fare chiarezza e con chi ha messo il Milan in questo mare di guai. Sono sconfortanti le parole di Mirabelli che sembra un leone in gabbia. Non può fare mezza operazione e ha Rino sui polpacci. Immaginate la scena. Il Milan si raduna senza certezze e senza obiettivi. Una tristezza per una società così gloriosa in tutto il Mondo. In tutto ciò non si hanno notizie del cinese ma qualcuno dovrebbe andarlo a prendere in Cina e fargli sputare il rospo dalla bocca. Andrebbe obbligato a parlare perché, non ha precedenti, un imprenditore che l’anno prima acquista un bene per 700 milioni di euro e l’anno dopo lo perde perché non ha 32 milioni di euro per fare l’aumento del Capitale. Qualcuno dovrebbe chiedere spiegazioni e indagare. Ma seriamente. Il responsabile è il Signor Lì, sicuramente i dirigenti attuali del Milan possono fare poco se manca la chiarezza al vertice. Lo stesso Fassone può impegnarsi difendere l’immagine del club ma, ad un certo punto, si farà anche i suoi conti e penserà alla sua posizione e alla sua immagine. Non può pagare lui per colpe di altri.
In chiusura il Napoli. In barca nasce il dopo Sarri. De Laurentiis, con Ancelotti, ha spiazzato un pò tutti. Ma se prendi Hamilton devi fargli guidare un bolide e non una utilitaria. Il Napoli, certamente, parte da una ottima base ma questa squadra ha bisogno di almeno 3 top player per fare bella figura anche in Champions. Senza dare per scontato che possa rifare gli stessi punti in campionato. Difficile rifarli. Mi soffermo sull’operazione Meret. Come vi abbiamo raccontato il 18 giugno, ore 22.15, Gino Pozzo e Aurelio De Laurentiis trovano l’accordo al telefono, Pozzo dà la parola al Napoli e l’operazione andava solo formalizzata nei giorni seguenti. Con l’aggiunta di Karnezis come tutor. Il comportamento scorretto di Federico Pastorello, agente di Meret, lascia il tempo che trova. Due sono le cose: o Pastorello realmente non sapeva che la trattativa stesse andando così veloce perché impegnato nei suoi affari monegaschi o ha giocato sporco, sin dal primo giorno. Meret è un grande portiere con una famiglia intelligente alle spalle. Se, però, vorrà diventare un numero 1 assoluto dovrà circondarsi di procuratori seri che facciano il suo bene. Altrimenti dovrebbe fare un giro a Montecarlo e visitare Piazza del Casinò.
“Beh, se lo dice il suo direttore…” A buon intenditore, poche parole!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Marotta c'è: le date, il contratto, la sfida alla Juve e il mercato (già a gennaio). Milan: la iella, l'orgoglio, la resa dei conti con l'Uefa... e Ibra. Italia: un azzurro mai visto. Ma attenti alla mer... 20.11 - La menata della sosta ci impedisce di essere brillanti ma, al contrario, molto diretti e avvelenati (la verità è che c’è Cantù-Pesaro di basket e stiamo volando a Desio per sostenere Cantù, glorioserrima società a rischio fallimento per questioni – che caso – legate a patron che se...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy