HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Editoriale

Agnelli, su Conte caduta di stile. Juve e Inter, che sprechi. Il mercato estivo di Paratici a breve dovrà dare risposte. Balotelli, sarebbe ora di giocare

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
28.10.2019 07:05 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 46719 volte

Abbiamo fatto titoloni e ci siamo andati giù durissimi con il Milan, per un bilancio in rosso e con un -151 milioni che non lascia scampo alla dirigenza rossonera. I soldi c'erano e sono stati spesi. Male. Molto male. Poi dal Milan, naturalmente, fanno emergere che è tutto sotto controllo e che il bilancio del club è sano come un pesce. Non è del Milan che vogliamo parlare. Saremmo anacronistici. Abbiamo già dato. Da evidenziare, questa volta, ci sono i numeri della Juventus. Ovviamente fanno meno scalpore per due fattori: 1) il debito della Juventus non è quello del Milan; 2) il Milan gioca una partita a settimana mentre la Juventus da anni vince e compra campioni con un parco calciatori che non può essere paragonato a nessuno. Quindi non stiamo facendo paragoni. Sarebbero folli e stupidi. Possiamo, però, prendere il bilancio della Juve e paragonarlo alle grandi d'Europa, visto che il Presidente Agnelli giustamente neanche fa più il confronto con i competitor italiani ma cerca sponda con le grandi del mondo. La Juventus ha chiuso con un passivo di 40 milioni di euro ed è costretta a ricapitalizzare per 300 milioni di euro e lo sponsor della casa madre deve aumentare il budget da investire. Tutto nella norma. E tutto fin troppo bello se fai quello che sta facendo la Juve, ma l'ultimo bilancio del club bianconero può essere paragonato a quello di dieci anni fa del Real Madrid, e se Agnelli dice che anche Manchester, Barcellona e Real chiedono soldi ai soci tra i 500 milioni e il miliardo di euro è giusto anche paragonare i fatturati che sono ancora troppo distanti. Andrea Agnelli, da quando ha preso in mano il potere calcistico della famiglia, ha fatto un grande lavoro: tecnico, sportivo e finanziario. Prima di lui, i cugini dell'altra sponda avevano creato grandi danni al club dimostrando di non essere abili come Andrea nel calcio. Non è uno sport ma un'azienda che si gestisce con dei sistemi complessi e anche se sei il più forte e il più ricco non è detto che vinca. Il calcio è un'azienda irrazionale. Un pallone sul palo o una serata storta ti possono cambiare l'anno e la stagione intera. Le parole di Agnelli agli azionisti non sono state del tutto condivisibili. Nei numeri e nei progetti perfetto come sempre, ma su Conte la riteniamo una caduta di stile che non puoi permetterti se di cognome fai Agnelli e rappresenti la dinastia italiana per eccellenza. Vi spieghiamo il perché: tirare fuori una storia vecchia di sette anni non ha alcun senso. Avrebbe potuto farlo qualche anno prima quando Conte non era allenatore dell'Inter. Sarebbe stato comunque sbagliato ma, almeno, sarebbe potuto essere parzialmente giustificato. Se, all'epoca dei fatti, hai deciso di tutelarlo e appoggiarlo non puoi rinnegare la tua stessa linea solo perché sono passati 7 anni e sono cambiate le cose tra presidente e allenatore. Avrebbe potuto, tranquillamente, la Juventus far scattare il licenziamento a Conte per giusta causa, essendo fatti che risalivano alla vecchia esperienza di Conte a Siena e la Juventus era vittima della squalifica e avrebbe cercato un allenatore "pulito". Tornare su una storia di sette anni fa, sul calcio scommesse, scaricare un vecchio dipendente che comunque ti ha fatto vincere anche dalla tribuna e non nominarlo mai non è un gesto di potere da parte di un presidente come Andrea Agnelli.
Passando al campo, torniamo ai soliti dubbi di inizio stagione. La Juventus potrebbe anche perderlo questo campionato ma ci dovrebbe essere qualcuno che ne approfitti. Sabato la prima tappa è stata bucata. La Juve gioca prima, non vince a Lecce e due ore dopo l'Inter non batte in casa il Parma. Bene, questi jolly non capitano spesso, ma se quando capitano non li cogli a braccia aperte significa che non sei maturo e pronto per la grande sfida e per togliere il trono ai Re di Italia. La Juventus non brilla a Lecce, si salva in extremis in Champions e mostra, a tratti, di essere una squadra umana. Trascinata, spesso, da chi fu messo in discussione in estate: Higuain e Dybala. Sarebbero dovuti partire. Non c'erano le condizioni per farli andare. Per fortuna. Chi, invece, avrebbe dovuto risolvere molti guai a questa squadra ancora non è pervenuto (Rabiot) oppure si nota solo per cose negative (De Ligt). Qualche domanda iniziamo a porcela ma, a fine ottobre, non abbiamo la presunzione di darci delle risposte. Sappiamo come vanno queste cose. Rabiot inizia a giocare e a segnare e De Ligt inizia a fare il fenomeno. Questo articolo resta, le prestazioni negative di questi primi due mesi nessuno le ricorda più. Per ora ci facciamo delle domande per darci le prime risposte a Natale e in primavera. L'Inter sapeva che era tirata nella rosa. Ti manca un centrocampista e ti manca un attaccante. Se Politano entra e ha la spocchia di essere un grande ha sbagliato film. Vuole tirare la punizione e risponde male ad Esposito. La tira e fa cilecca sulla barriera. Fa sempre la stessa giocata, portandosi la palla sul sinistro per poi scaricare su un compagno o in porta e si rende sempre prevedibile. Godin non sta rendendo, l'assenza di Sensi pesa come un macigno e l'attacco non concede ancora alcune garanzie soprattutto nella rotazione degli uomini. Coperta corta e assortita male. Urge intervenire a gennaio, sperando che ci sarà da competere ancora su due fronti importanti: scudetto e ottavi di Champions League.
Dopo le giornate di squalifica ancora non si è inserito nel suo Brescia Mario Balotelli e la sensazione che Corini lo preferisca a Donnarumma per far felice Cellino e i tifosi sembra essere lampante. Se potesse decidere, in autonomia, Corini siamo quasi certi che non ci penserebbe due volte a buttare in campo sempre Donnarumma e non Balotelli. Pesa il nome e pesa la maglia ma l'atteggiamento di "Super" Mario deve cambiare. Troppo leggero, compitino a scuola e nulla di più. Deve svegliarsi e deve farlo anche presto. Se vuole l'Europeo per merito e non per amicizia di Mancini deve prendersi il Brescia in braccio e trascinarlo alla salvezza. Di questo passo, Formentera sarà ancora la meta più gettonata per l'estate 2020 di Mario.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Atalanta, sei una vera Dea. A Napoli, Gattuso e a capo. E Ibra che tiene tutti in bilico 12.12 - L'impresa dell'Atalanta ce la ricorderemo a lungo. Intanto perché è praticamente unica: provate voi a qualificarvi agli ottavi di finale dopo che nelle prime 4 partite avete messo insieme un solo punto. Dopo che il conto della competizione più importante d'Europa te lo hanno presentato...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ancelotti esonerato! Date i braccioli a Gattuso, perché la società affonda. L’Inter non ha attenuanti, quello che manca (ancora) a Conte. Sarri nel sacco di Inzaghi, come sempre: la Juventus può aiutare l’allenatore? 11.12 - Nella maniera più cruda e crudele, il Napoli alle 23.39 annuncia l’esonero di Carlo Ancelotti. Lui non si sarebbe mai dimesso, anche se oltre che dal club era arrivata anche la sfiducia dell’intero spogliatoio, sentitosi abbandonato a torto o a ragione dalla notte dell’ammutinamento....

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il processo a Sarri nasconde i veri responsabili (ma non chiamiamola crisi...). Inter, il giorno più importante: in ballo ottavi e il nome "grosso" per gennaio. Milan: due (inattesi) valori aggiunti. Ibra: occhio alle sorprese 10.12 - Oggi procediamo con dei pensierini a caso. 1)      Messi salta Inter-Barcellona. Ottima notizia per Conte e per l’Inter, ovvio. Quanto al resto dell'ampio turnover, occhio: fa più paura un rincalzo che ha bisogno di visibilità di un titolare in gita di piacere. 2)      Conte...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri, l'Immacolata e il primo giro di boa. Insigne, tempo scaduto. Fiorentina a pezzi. Spal, il problema non è... Semplici 09.12 - Silenzio. Stai a vedere che quest'anno non consegniamo lo scudetto, alla Juventus, a marzo e forse forse ci divertiamo un po' anche per la lotta al titolo. Un primo dato è, quasi, certo. Aveva ragione Max Allegri che vince anche quando non gioca.... vincente! Lo spettacolo non conta...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510