VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
15.01.2017 12.44 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 91420 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro non sarebbe stato da buttare del tutto. Però la verità è quella detta da Buffon negli spogliatoi e poi tirata fuori dai colleghi della Gazzetta: in Italia si scansano. Che non è qualcosa di voluto, cosciente, probabilmente è un meccanismo inconscio, perché altrimenti ventisei vittorie allo Stadium, pur bellissimo e confortevole che sia, davvero non si spiegherebbero. Lo si è visto molto bene anche con il Bologna, pur sfortunato in un paio di occasioni, ma decisamente leggero. I bianconeri in Italia fanno manbassa, anche dovessero perdere oggi a Firenze avrebbero un più quattro virtuale. Roma e Napoli non hanno questa continuità, niente Higuain ma nemmeno Dybala. Ecco, appunto, occhio all'argentino perché in Spagna stanno seguendo con molta attenzione le sue giocate. Per Real Madrid e Barcellona è considerato un giocatore chiave dei prossimi dieci anni, uno alla Neymar insomma: se pensate a quanto hanno speso i blaugrana per il brasiliano potete capire che l'investimento pesante è dietro l'angolo e sette milioni all'anno sono quasi briciole. Certo, se poi sapete quando ha speso davvero il Barça per Neymar poi ce lo fate sapere, perché sono passati anni e si può solo arguire siano 96, ma chi lo sa. Magari quelli erano solo la caparra, come per i cinesi del Milan, ma ci torniamo tra poco, appena aperta la parentesi Roma e Napoli. I giallorossi stanno svolgendo un mercato praticamente a costo zero, volevano Rincon e sono stati anticipati, c'era l'idea Feghouli ma poi il West Ham lo ha bloccato (con gol ieri, ben giocata Bilic), Manolas vorrebbe andarsene, un centrocampista era quasi d'obbligo e non è ancora arrivato. Insomma, la Roma è messa maluccio. Non così il Napoli che ha concluso con Pavoletti un'ottima rosa, continua a mancare qualcosa per migliorare ulteriormente, ma bisognerebbe spendere soldi in ingaggi e trasferimenti (più i primi dei secondi). Zielinski, Diawara, Maksimovic diventeranno delle ottime plusvalenze, ma ora non sono un miglioramento rispetto ai titolari: tradotto, il secondo posto sarà sempre quello. Forse.
Così torniamo nella Milano bene, dove c'è l'Inter che chiude un buon colpo, ascolta offerte per i suoi gioielli (o presunti tali, tra Banega e Kondogbia), ma sa bene che con Pioli farà meglio che con de Boer: ci vuole pochino. Suning quest'estate farà una grande rosa, capace di lottare per il secondo posto, magari il primo sarà ancora leggermente distante ma l'idea è quella di far crescere i fatturati come la Juventus. Ecco, avere San Siro di proprietà sarebbe la svolta, ma anche solo ristrutturarlo incomincerebbe a dare un grande aiuto. Impianto bellissimo ma vetusto, freddo polare e pochi servizi. I cinesi entreranno nell'ottica e chissà cosa succederà. Dall'altra parte bisogna capire se la cordata presieduta da non si sa bene chi, composta da un sacco di autorevoli signori che però rimangono all'oscuro, riuscirà a concludere questo famigerato closing, il più lungo del mondo. Magari sono andati a cercare i soldi nel salvadanaio o sotto il materasso. "Li avevamo messi qui, sono sicuro". "Ce li avranno mica rubati?". Materiale per un libro, se raccontato bene può diventato un best seller. Sicuramente la Fininvest lo è, nel senso che sta vendendo bene tra accordi per trattare in esclusiva (!), una caparra da 100 milioni (!!), un'altra da 100 (!!!). Dalle smentite sulla Gazprom ai cinesi, passando per mr Bee. Intanto la squadra gira perché c'è un grandissimo allenatore, non potrà vincere lo Scudetto a breve ma in un paio di anni può fare grandi cose, perché il fatturato non è dalla sua, ma può crescere. Un po' come il Borussia Dortmund.

Quindici giorni di mercato invernale se ne sono andati, siamo al giro di boa, per difetto, e qualcosina si è mosso. Rincon alla Juventus, Pavoletti al Napoli, Gagliardini all'Inter, Sportiello alla Fiorentina. Tutti si scordano che è una finestra di riparazione, un momento per puntellare le rose e non per smontarle, anche se qualcuno tenta di farlo ogni anno. Il botto vero non è ancora arrivato, se escludiamo il mercato esterno, in particolare quello con gli occhi a mandorla che ora tenta anche di portare Kalinic.
“I cinesi drogano il mercato”. E' vero, spendono trecento fantastiliardi per Vicolo Corto e non ci dobbiamo accontentare delle stazioni dell'ENEL – che poi, con il mercato libero, non è che valgano granché. I cinesi pagano subito, in contanti, e Witsel asserisce che ne uscirà arricchito, da un'esperienza in Cina. Nessuno ha il coraggio di contraddirlo. Però ai tempi eravamo noi a cambiare le regole del giochino, senza poi lamentarci più di tanto. Prendiamo un periodo, quello di tre lustri fa, in cui il calcio italiano andava per la maggiore. Esclusi Pogba e Higuain, il massimo introito per una cessione è quello di Zinedine Zidane, nel 2001, per circa 73,5 milioni di euro (160 delle vecchie lire). Si tratta di una cifra enorme, perché il Real Madrid fatturava 138 milioni in quella stagione, 152 in quella successiva: i Galacticos ora ne vedono circa il quadruplo, ed è come se Zidane fosse stato pagato 285 milioni. Facendo un conto molto restrittivo, perché un discorso è avere 80 milioni circa per operare oltre al trasferimento di un campione, l'altro è averne 320. L'incidenza è molto diversa. Stiamo parlando però di tempi molto lontani dal fair play finanziario, dove la Lazio pagava il 106% del fatturato solamente di stipendi. Insomma, guadagni 100 milioni con tutto l'indotto, ne spendi sei in più e non certo per infrastrutture, bollette, costi vivi, ma solo per alimentare una chimera. Peccato che poi arriva Hernan Crespo, 55 milioni di euro spesi su 115 fatturati: si tratta di poco meno del 50%, portandolo ai tempi nostri la Lazio avrebbe potuto pagare Joao Mario e Gagliardini in contanti. Certo, gran parte di quei soldi arrivavano dalla cessione di Christian Vieri (quinto in classifica), venduto a 45 milioni all'Inter che ne ricavava 112: ora saremmo più o meno all'acquisto di James Rodriguez, sugli 80 milioni.
Sul terzo gradino del podio c'è Gianluigi Buffon, cinquantatré milioni nell'estate del 2001, con gli arrivi anche di Thuram e Nedved, rispettivamente nono e decimo: 135 milioni in totale su 178, poco più di due terzi, come se la Juventus decidesse di spendere per tre giocatori circa 280 milioni: tre Higuain in una botta sola, vendendo un solo Pogba. In mezzo ci sono Gaizka Mendieta, pagato 48 milioni su 110 di fatturato dalla Lazio, oppure Ronaldo, 45 su 190. Insomma, lamentarsi dei cinesi quando, in realtà, siamo stati prima noi a far saltare il banco, con offerte impossibili e bilanci quantomeno fantasiosi (le famose plusvalenze gonfiate) è davvero dare del cornuto all'asino.

La classifica attualizzata (tra parentesi la vera cifra e l'approdo)
Zidane 285 milioni (73,5, Real Madrid)
Crespo 68 milioni (55, Lazio)
Buffon 110 milioni (53, Juventus)
Mendieta 63 milioni (48, Lazio)
Vieri 80 milioni (45, Inter)
Ronaldo 150 milioni (45, Real Madrid)
Veron 120 milioni (43, Manchester United)
Rui Costa 55 milioni (42, Milan)
Thuram 80 milioni (41, Juventus)
Nedved 80 milioni (41, Juventus)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.