VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Alla Juve serviva un trequartista, non Rincon. La Roma con Pellegrini migliora, ma le opzioni di controriscatto devono valere sempre. Mercato soporifero, mentre in Cina si scatenano le spese pazze. Chi si prende Zaza?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
30.12.2016 09.43 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 76172 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Sono le 20.24 di questo giovedì sera, dopo una giornata di mercato alquanto fiacca. Pochi abboccamenti, qualche trattativa già intavolata da giorni e conclusa nelle ultime ore, per il resto movimento strisciante, fatto più al cellulare che non negli hotel milanesi, luogo di ritrovo (una volta) di chi voleva davvero chiudere trattative. Certo, si può eccepire che ci sono le ferie un po' per tutti, un mercato di gennaio ancora in cantiere e la Serie B aperta fino a oggi. Che è pur sempre riparazione e non di costruzione, quasi per chiunque. E allora via libera a Felipe Melo, che all'Inter certo non serviva più molto - voluto fortemente da Roberto Mancini - e dentro Lucas Leiva, possibile l'alter ego di Medel in una difesa a tre, considerato che al Liverpool ha giocato solo lì, ultimamente. Fuori Iturbe dalla Roma - finirà al Torino, ma non è ancora ufficiale, lo diventerà - mentre un colpetto si deve aspettare: non sarà Lorenzo Pellegrini, almeno per il momento, perché il Sassuolo è in difficoltà e non ha necessità di monetizzare quanto di fare punti. C'è un errore, nella lungimirante gestione dei prestiti giallorossi, quando puoi diventano riscatti da parte dei club: il controriscatto dovrebbe valere sempre, a una cifra già fissata, così da evitare problemi e grattacapi. Così Pellegrini arriverebbe subito e la Roma potrebbe avere un'alternativa di qualità assoluta per il proprio centrocampo senza dovere ricorrere a toppe.

E non sarà neppure Rincon, arrivato ieri mattina al J-Medical per le visite, passate brillantemente per il miglior giocatore della scorsa Copa America. Valutazione da circa 10 milioni di euro, un acquisto interessante ma forse quasi di troppo. Perché - e vuol essere una provocazione - Rincon è come Padoin qualche anno fa: buon giocatore, adatto a diventare un comprimario ma non il titolare assoluto di una casacca. Dove c'era Vidal non puoi mettere Rincon, almeno non con costanza. Sarà una buonissima alternativa che, in questo momento, mancava alla Juventus perché capace di giocare sia da mezz'ala che da incontrista, ma non è quello che serviva. Perché i bianconeri sono alla ricerca di un trequartista da tempo immemore, perché Allegri giocherebbe così - sempre che ci sia la possibilità - e nemmeno Pjanic può considerarsi così. Il tridente può essere una bella soluzione, anche vintage, in ricordo dei tempi di Del Piero (Dybala), Ravanelli (Mandzukic) e Vialli (Higuain). A parte le querele che potrebbero partire - confidando nel buon cuore di chi può sentirsi insultato, da un lato o dall'altro - è chiaro che Marotta giochi alla volpe e l'uva con Draxler, soprattutto quando arriva il Paris Saint Germain che con 45 milioni di euro chiude l'operazione. È mercato di riparazione, ben venga Rincon, mica uno che ti sconquassi gli equilibri. Allegri invece dopo la Supercoppa sta pensando di cambiare, anche per una questione ambientale: la Juventus fra poco sarà una squadra che dovrà vincere la Champions, con tutte le pressioni che ciò comporta. Può essere una sfida affascinante, ma non è semplice pensare di doversi imporre sempre e comunque.

Il Napoli dopo Pavoletti dovrà cedere Gabbiadini, quindi niente Zaza. L'ex Juventus dovrà trovarsi una sistemazione, in Premier League oramai è bruciato e il West Ham non ha nessuna intenzione di riscattarlo. Il Valencia di Prandelli vorrebbe portarlo nella Liga, ma in Serie A servirebbe a più di qualche squadra, anche per rilanciarsi in un mercato che, giocoforza, lo rivedrà da protagonista. Così la provocazione può essere che finisca in una squadra di medio alto livello, ben sapendo che la Juventus non rinforzerà un club di primissimo piano. Niente Roma, quindi, ma nemmeno Inter e Milan. Possibile la Fiorentina, dovesse andare via Kalinic, ma sarebbe perfetto in un club come l'Atalanta: ottimi rapporti con i bianconeri, Gagliardini in ballo - dopo Caldara - ha già giocato nella Primavera e, in caso di stagione super, anche la possibilità di guadagnarsi nazionale e un'altra chance in un grandissimo club. Zaza è l'identikit perfetto per un'Atalanta che cederà Pinilla e, forse, Paloschi: uno sforzo per una città che sogna l'Europa andrebbe fatto, ben sapendo che le offerte per Kessie e Gagliardini, in estate, saranno fantasmagoriche.

Il mercato sonnecchiante riporta il Milan che cede Luiz Adriano, in Russia, forse Niang - non si sa dove, Premier League o Italia? - e blinda Bonaventura. Non ancora Donnarumma, che aspetta il closing, mentre la Lazio può consolarsi con Paloschi e probabilmente Sportiello, due che potrebbero rilanciarsi anche bene. Per la Fiorentina dipenderà da Kalinic: ecco, il terremoto rischia di arrivare dalla Cina, dove i soldi ci sono - e pure parecchi - per pagare cartellini e soprattutto stipendi. Ecco, sono le 20.52, in questi 28 minuti Tevez ha guadagnato 2199 euro e 12 centesimi. Beato lui.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.