VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Alla Juve serviva un trequartista, non Rincon. La Roma con Pellegrini migliora, ma le opzioni di controriscatto devono valere sempre. Mercato soporifero, mentre in Cina si scatenano le spese pazze. Chi si prende Zaza?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
30.12.2016 09:43 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 76305 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Sono le 20.24 di questo giovedì sera, dopo una giornata di mercato alquanto fiacca. Pochi abboccamenti, qualche trattativa già intavolata da giorni e conclusa nelle ultime ore, per il resto movimento strisciante, fatto più al cellulare che non negli hotel milanesi, luogo di ritrovo (una volta) di chi voleva davvero chiudere trattative. Certo, si può eccepire che ci sono le ferie un po' per tutti, un mercato di gennaio ancora in cantiere e la Serie B aperta fino a oggi. Che è pur sempre riparazione e non di costruzione, quasi per chiunque. E allora via libera a Felipe Melo, che all'Inter certo non serviva più molto - voluto fortemente da Roberto Mancini - e dentro Lucas Leiva, possibile l'alter ego di Medel in una difesa a tre, considerato che al Liverpool ha giocato solo lì, ultimamente. Fuori Iturbe dalla Roma - finirà al Torino, ma non è ancora ufficiale, lo diventerà - mentre un colpetto si deve aspettare: non sarà Lorenzo Pellegrini, almeno per il momento, perché il Sassuolo è in difficoltà e non ha necessità di monetizzare quanto di fare punti. C'è un errore, nella lungimirante gestione dei prestiti giallorossi, quando puoi diventano riscatti da parte dei club: il controriscatto dovrebbe valere sempre, a una cifra già fissata, così da evitare problemi e grattacapi. Così Pellegrini arriverebbe subito e la Roma potrebbe avere un'alternativa di qualità assoluta per il proprio centrocampo senza dovere ricorrere a toppe.

E non sarà neppure Rincon, arrivato ieri mattina al J-Medical per le visite, passate brillantemente per il miglior giocatore della scorsa Copa America. Valutazione da circa 10 milioni di euro, un acquisto interessante ma forse quasi di troppo. Perché - e vuol essere una provocazione - Rincon è come Padoin qualche anno fa: buon giocatore, adatto a diventare un comprimario ma non il titolare assoluto di una casacca. Dove c'era Vidal non puoi mettere Rincon, almeno non con costanza. Sarà una buonissima alternativa che, in questo momento, mancava alla Juventus perché capace di giocare sia da mezz'ala che da incontrista, ma non è quello che serviva. Perché i bianconeri sono alla ricerca di un trequartista da tempo immemore, perché Allegri giocherebbe così - sempre che ci sia la possibilità - e nemmeno Pjanic può considerarsi così. Il tridente può essere una bella soluzione, anche vintage, in ricordo dei tempi di Del Piero (Dybala), Ravanelli (Mandzukic) e Vialli (Higuain). A parte le querele che potrebbero partire - confidando nel buon cuore di chi può sentirsi insultato, da un lato o dall'altro - è chiaro che Marotta giochi alla volpe e l'uva con Draxler, soprattutto quando arriva il Paris Saint Germain che con 45 milioni di euro chiude l'operazione. È mercato di riparazione, ben venga Rincon, mica uno che ti sconquassi gli equilibri. Allegri invece dopo la Supercoppa sta pensando di cambiare, anche per una questione ambientale: la Juventus fra poco sarà una squadra che dovrà vincere la Champions, con tutte le pressioni che ciò comporta. Può essere una sfida affascinante, ma non è semplice pensare di doversi imporre sempre e comunque.

Il Napoli dopo Pavoletti dovrà cedere Gabbiadini, quindi niente Zaza. L'ex Juventus dovrà trovarsi una sistemazione, in Premier League oramai è bruciato e il West Ham non ha nessuna intenzione di riscattarlo. Il Valencia di Prandelli vorrebbe portarlo nella Liga, ma in Serie A servirebbe a più di qualche squadra, anche per rilanciarsi in un mercato che, giocoforza, lo rivedrà da protagonista. Così la provocazione può essere che finisca in una squadra di medio alto livello, ben sapendo che la Juventus non rinforzerà un club di primissimo piano. Niente Roma, quindi, ma nemmeno Inter e Milan. Possibile la Fiorentina, dovesse andare via Kalinic, ma sarebbe perfetto in un club come l'Atalanta: ottimi rapporti con i bianconeri, Gagliardini in ballo - dopo Caldara - ha già giocato nella Primavera e, in caso di stagione super, anche la possibilità di guadagnarsi nazionale e un'altra chance in un grandissimo club. Zaza è l'identikit perfetto per un'Atalanta che cederà Pinilla e, forse, Paloschi: uno sforzo per una città che sogna l'Europa andrebbe fatto, ben sapendo che le offerte per Kessie e Gagliardini, in estate, saranno fantasmagoriche.

Il mercato sonnecchiante riporta il Milan che cede Luiz Adriano, in Russia, forse Niang - non si sa dove, Premier League o Italia? - e blinda Bonaventura. Non ancora Donnarumma, che aspetta il closing, mentre la Lazio può consolarsi con Paloschi e probabilmente Sportiello, due che potrebbero rilanciarsi anche bene. Per la Fiorentina dipenderà da Kalinic: ecco, il terremoto rischia di arrivare dalla Cina, dove i soldi ci sono - e pure parecchi - per pagare cartellini e soprattutto stipendi. Ecco, sono le 20.52, in questi 28 minuti Tevez ha guadagnato 2199 euro e 12 centesimi. Beato lui.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.