VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Alla ricerca di facce, teste e cuori nuovi: Zanetti patrimonio da non perdere

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
11.05.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 19359 volte
Alla ricerca di facce, teste e cuori nuovi: Zanetti patrimonio da non perdere

Non amo il perbenismo, detesto il politicamente corretto, non sopporto ruffiani e sepolcri imbiancati, mi batto da sempre contro i cialtroni: il calcio è un grande contenitore di vicende e personaggi disgustosi ed è per questo che considero un danno l'uscita di scena di Javier Zanetti, non a caso salutato con unanime affetto e rispetto dagli avversari sul campo nella sua ultima partita in nerazzurro a San Siro e da tantissimi altri collezionati su vari fronti in diciannove anni che ne hanno consolidato la fama di calciatore e di uomo. Non è retorica, credete, né ho intenzione di fare di Javier un santino o uno di quei personaggi deamicisiani sempre meno attraenti e simpatici dei "cattivi" che ci offriva "Cuore". Un forte fra tanti deboli dediti a scaramucce e finzioni infantili; un duro autentico, se si tien conto che oggi esibire virtù è meno gratificante che cialtroneggiare; un semplice e spontaneo maestro di vita se è vero che in un ventennio non ha interpretato scandali. Pensavo, mentre la folla nerazzurra gli tributava un trionfo d'affetto, quanto la Milano delle persone perbene gli debba proprio nei giorni dell'ennesima esibizione truffaldina di concittadini illustri o meschini; nè mi colpiva negativamente l'assenza dalla curva di quei tifosi in gran parte fasulli che amano esibirsi in oscenità varie, dal razzismo alla stupidità, dalla volgarità all'intolleranza. Nè mi si dica che sto sconfinando: proprio in queste ore si parla del calcio come ulteriore espressione di un'Italia vittima di una grave depressione sociale e culturale, e mentre impazzano i Nuovi Fusti della violenza e dell'intrallazzo è giusto rammentare quelli che Leo Longanesi chiamava i Vecchi Fusti. Zanetti - uno di questi, oggi che si ritira - ne ha ricordati tre davanti a San Siro: Peppino Prisco, Giacinto Facchetti e Benito Lorenzi, tre figure dominanti una storia ch'è singolare sentirsi rammentare da un ragazzo argentino che ha saputo pescarli nel secolo dell'Inter fitto di protagonisti eccellenti. Peppino il supertifoso colto e ironico, Giacinto il capitano esemplare della Beneamata, Benito l'espressione più naturale e spontanea della Pazza Inter: avrà provato un'emozione ancor più forte, a sentir salutare "Veleno", Sandrino Mazzola che lo ebbe come un padre quando fu portato per mano, insieme al fratellino Ferruccio, sul campo di San Siro con la maglietta nerazzurra che non avrebbe mai più tradito. Ho ritrovato in Xavier il calcio delle mie antiche stagioni, il calcio delle Bandiere, dei Capitani Coraggiosi, degli Eroi della Domenica che ispiravano adulti e bambini che ne collezionavano le figurine e ne conoscevano i dettagli di carriera mentre oggi accanto al nome di un pedatore figura innanzitutto il prezzo. Se non v'aggrada, prendete questa nota come lo sfogo di un nostalgico rompiballe. Per me, uno come Zanetti non va perso: e non penso soltanto alla dirigenza dell'Inter, che potrebbe non essere una promozione, ma a una figura centrale di un calcio che ha bisogno di facce, teste e cuori nuovi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.