VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.10.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34519 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf, Brocchi e Inzaghi, quello vero che in campo era un fenomeno ma in panchina un normale allenatore che vive di calcio). Simone era già a Salerno quando l'hanno richiamato perché, per fortuna di tutti, Bielsa aveva dato di matto. Arrivava dalla Primavera e già la serie B gli sembrava un sogno. Inzaghi è l'allenatore che, in questo momento, ci piace di più. Non per i risultati ma per come fa giocare la Lazio, per lo stile, per come parla e per come si pone. Simone ci piace perché è vero. Esulta con i suoi ragazzi con corse folli ma educate. Vive il calcio e vive di calcio. Festeggia a fine partita e abbraccia tutti, ma non lo fa perché lo aveva pensato due giorni prima e deve seguire un copione, lo fa perché è uno vero che vive e trasmette passione. Ecco, Simone ci piace da pazzi. Ha comandato, nel secondo tempo, a casa del più grande: il Conte Max, che Conte l'ha sostituito ma, la scorsa estate, avrebbe dovuto cambiare aria ed è strano che una società come la Juventus non lo abbia capito e non sia stata in grado di leggerlo tra le righe. Premesso che la Juventus non è assolutamente fuori dai giochi scudetto, anzi, purtroppo per il Napoli resta, a mio avviso, la favorita seppur non più indiscussa, Marotta avrebbe dovuto avere il coraggio di dire a Cardiff che il ciclo era finito. Era finito per Bonucci ma anche per Allegri, che è un grande allenatore ma poi ad un certo punto devi aprire la finestra e far passare l'aria. Cardiff ha lasciato un segno troppo evidente per far finta di nulla e chiudere la stagione con un semplice "ci riproveremo l'anno prossimo". Ma cosa ci riprovi l'anno prossimo che se non hai vinto l'anno scorso non vinci più così facilmente? Higuain sembra il cugino torinese di quello visto a Napoli. Segnerà ancora tanto ma nel frattempo non ci piace; ovviamente per quello che è il suo valore. La difesa si fa infilare di brutto e, se anche Dybala inizia a sbagliare gol e rigori decisivi, siamo belli che preoccupati. Allegri deve pregare in cinese che, prima o poi, Sarri rallenti per colpa della Champions perché a questi ritmi non gli si può stare dietro. Certamente il Napoli sta andando a velocità non normali per il campionato italiano, ma è anche vero che questa squadra ha tutto per arrivare fino in fondo. Qualità e tanta tanta concretezza. Mai come quest'anno. Segna un gol e vince. Si fa rimontare e vince. Non c'è storia con l'avversario e stravince. Il Napoli quest'anno ha la fame della Juve di Conte. La Juve si è seduta ed è rimasta con l'interruttore acceso a Cardiff. Non è colpa di qualcuno ma è semplicemente la logica conseguenza di un finale che doveva essere scritto in altro modo dopo un'annata straordinaria. Se il ciclo della Juventus non è finito poco ci manca. Il Napoli cosa deve fare? Infilarsi tra due cicli vincenti perché non ha la forza e la potenza per costruire un ciclo di vittorie ma può approfittare del passaggio di consegne. Mi spiego e traduco: il ciclo della Juventus sta finendo ma non è del tutto finito e quello dell'Inter sta per iniziare ma non è ancora iniziato. Qui in mezzo ti aspetti la sorpresa che può arrivare quest'anno. In futuro vedo molta Inter. Hanno i soldi veri e, se Sabatini non sbraga come fatto a Roma, hanno le competenze per fare qualcosa di importante. A fine anno ci sarà un bel giro di panchine. Il Milan andrà a bussare alla porta di Conte, la Juve studia Inzaghi, l'Inter e il Napoli andranno avanti con i loro guru toscani e la Roma ha già cambiato quest'anno.
Chi sta deludendo le aspettative finora? Sicuramente il Torino. Quest'anno, senza se e senza ma, si deve puntare all'Europa ma di questo passo sarà dura raggiungerla. In estate Cairo e Petrachi hanno lavorato bene sul mercato. Allora dov'è il problema? Il problema reale non c'è ma Mihajlovic dovrebbe essere più concreto ed essendo alla svolta della sua carriera dovrebbe iniziare a raggiungere qualche risultato. Si gonfia il petto del macho che non ha mai paura di niente e di nessuno ma quando l'asticella si alza devi essere bravo a superarla. Sinisa sta deludendo perché la squadra c'è ma il gioco e i risultati sono scarsi. Se il derby neanche lo giochi e se a Crotone prendi un punto all'ultimo assalto, qualcosa va rivisto. La squadra ha poche idee e, se lo scorso anno ti ha salvato San Belotti, quest'anno bisogna trovare un altro Santo sul calendario del 2018.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.