HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
16.10.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34635 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf, Brocchi e Inzaghi, quello vero che in campo era un fenomeno ma in panchina un normale allenatore che vive di calcio). Simone era già a Salerno quando l'hanno richiamato perché, per fortuna di tutti, Bielsa aveva dato di matto. Arrivava dalla Primavera e già la serie B gli sembrava un sogno. Inzaghi è l'allenatore che, in questo momento, ci piace di più. Non per i risultati ma per come fa giocare la Lazio, per lo stile, per come parla e per come si pone. Simone ci piace perché è vero. Esulta con i suoi ragazzi con corse folli ma educate. Vive il calcio e vive di calcio. Festeggia a fine partita e abbraccia tutti, ma non lo fa perché lo aveva pensato due giorni prima e deve seguire un copione, lo fa perché è uno vero che vive e trasmette passione. Ecco, Simone ci piace da pazzi. Ha comandato, nel secondo tempo, a casa del più grande: il Conte Max, che Conte l'ha sostituito ma, la scorsa estate, avrebbe dovuto cambiare aria ed è strano che una società come la Juventus non lo abbia capito e non sia stata in grado di leggerlo tra le righe. Premesso che la Juventus non è assolutamente fuori dai giochi scudetto, anzi, purtroppo per il Napoli resta, a mio avviso, la favorita seppur non più indiscussa, Marotta avrebbe dovuto avere il coraggio di dire a Cardiff che il ciclo era finito. Era finito per Bonucci ma anche per Allegri, che è un grande allenatore ma poi ad un certo punto devi aprire la finestra e far passare l'aria. Cardiff ha lasciato un segno troppo evidente per far finta di nulla e chiudere la stagione con un semplice "ci riproveremo l'anno prossimo". Ma cosa ci riprovi l'anno prossimo che se non hai vinto l'anno scorso non vinci più così facilmente? Higuain sembra il cugino torinese di quello visto a Napoli. Segnerà ancora tanto ma nel frattempo non ci piace; ovviamente per quello che è il suo valore. La difesa si fa infilare di brutto e, se anche Dybala inizia a sbagliare gol e rigori decisivi, siamo belli che preoccupati. Allegri deve pregare in cinese che, prima o poi, Sarri rallenti per colpa della Champions perché a questi ritmi non gli si può stare dietro. Certamente il Napoli sta andando a velocità non normali per il campionato italiano, ma è anche vero che questa squadra ha tutto per arrivare fino in fondo. Qualità e tanta tanta concretezza. Mai come quest'anno. Segna un gol e vince. Si fa rimontare e vince. Non c'è storia con l'avversario e stravince. Il Napoli quest'anno ha la fame della Juve di Conte. La Juve si è seduta ed è rimasta con l'interruttore acceso a Cardiff. Non è colpa di qualcuno ma è semplicemente la logica conseguenza di un finale che doveva essere scritto in altro modo dopo un'annata straordinaria. Se il ciclo della Juventus non è finito poco ci manca. Il Napoli cosa deve fare? Infilarsi tra due cicli vincenti perché non ha la forza e la potenza per costruire un ciclo di vittorie ma può approfittare del passaggio di consegne. Mi spiego e traduco: il ciclo della Juventus sta finendo ma non è del tutto finito e quello dell'Inter sta per iniziare ma non è ancora iniziato. Qui in mezzo ti aspetti la sorpresa che può arrivare quest'anno. In futuro vedo molta Inter. Hanno i soldi veri e, se Sabatini non sbraga come fatto a Roma, hanno le competenze per fare qualcosa di importante. A fine anno ci sarà un bel giro di panchine. Il Milan andrà a bussare alla porta di Conte, la Juve studia Inzaghi, l'Inter e il Napoli andranno avanti con i loro guru toscani e la Roma ha già cambiato quest'anno.
Chi sta deludendo le aspettative finora? Sicuramente il Torino. Quest'anno, senza se e senza ma, si deve puntare all'Europa ma di questo passo sarà dura raggiungerla. In estate Cairo e Petrachi hanno lavorato bene sul mercato. Allora dov'è il problema? Il problema reale non c'è ma Mihajlovic dovrebbe essere più concreto ed essendo alla svolta della sua carriera dovrebbe iniziare a raggiungere qualche risultato. Si gonfia il petto del macho che non ha mai paura di niente e di nessuno ma quando l'asticella si alza devi essere bravo a superarla. Sinisa sta deludendo perché la squadra c'è ma il gioco e i risultati sono scarsi. Se il derby neanche lo giochi e se a Crotone prendi un punto all'ultimo assalto, qualcosa va rivisto. La squadra ha poche idee e, se lo scorso anno ti ha salvato San Belotti, quest'anno bisogna trovare un altro Santo sul calendario del 2018.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L’Inter punta decisa su Verdi. Su Chiesa tutte le big. Real, Paris Saint Germain e Manchester United in fila per Milinkovic Savic 26.05 - Motori accesi, il mercato sta decollando. Tutti a caccia degli esterni. E allora parto da Verdi. L’Inter lo segue da tempo. La Champions apre nuovi orizzonti e per questo servono giocatori duttili per lo schema di Spalletti, che è intenzionato a proporre un 4-2-3-1. E Verdi è una...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri al Chelsea con Zola. E vuole Higuain. L’incontro con Abramovich. Napoli, arriva David Luiz. De Laurentiis, cento milioni sul mercato per Ancelotti. Inter, a luglio riproverà per Rafinha. Icardi può partire. Milan, mercato bloccato 25.05 - L’arrivo di Ancelotti al Napoli è il trionfo di Aurelio De Laurentiis e delle sue strategie. Da mesi, sott’acqua, con il sorriso sulle labbra e i complimenti pubblici a Sarri, in realtà aveva già annusato l’aria di divorzio e stava lavorando al futuro senza l’allenatore toscano. Proviamo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy