HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Stelle di Natale AIL 2018
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena

14.11.2018 08:13 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 47156 volte

Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui partecipa). Il secondo, probabilmente, diventare l’allenatore che ha vinto più scudetti: ne ha già 5 come Capello e Lippi, quest’anno probabilmente arriverà a 6, e davanti a quel punto rimarrebbe solo Trapattoni a 7.
In un sondaggio che ho lanciato su Twitter su chi meritasse di più la Panchina d’Oro tra Allegri e Sarri, 3811 votanti hanno scelto l’ex mister del Napoli con il 52%, davanti a quello attuale della Juve con il 48%. Questione di gusti.
Del resto la prima Panchina d’Oro è proprio così che Allegri l’aveva ottenuta. Era il 2009, allenava il Cagliari, e vinse il voto dei colleghi e connazionali davanti a Mourinho che pure aveva vinto il suo primo scudetto con l’Inter (nonché quarto consecutivo dell’Inter). Questione di gusti.
L’annosa dicotomia tra essere e avere, tra estetica e pratica, tra giocare bene (o meglio?) e vincere, ognuno la può risolvere come vuole.
Giustamente Allegri, che non perde occasione per sferzare i suoi critici, sul palco di Coverciano ha ribadito un concetto da sempre a lui caro: “A calcio bisogna essere efficaci e non divertenti, altrimenti non si vince e ci arrabbiamo tutti”.
L’ha sempre detto, da quando è alla Juve. Sempre. …Ma prima?

Gli archivi di internet possono regalare perle. Per un quinquennio ho tenuto una fortunata rubrica sulla Gazzetta, il Blob del Lunedì, che spulciava tra varie dichiarazioni che cadevano nel dimenticatoio. E anche se si è fermata nel 2013, tutt’ora si possono ritrovare cose preziose. Come quella detta da Allegri.
Guarda caso, se queste sue parole adesso arrivano dopo un Milan-Juventus, queste altre che abbiamo ritrovato arrivarono prima di un Juventus-Milan, il primo scontro con Conte, 2011-12, una sconfitta che sarà poi decisiva per cedere il titolo ai bianconeri.
Allegri aveva vinto lo scudo con il Milan al primo colpo, in Champions faceva quello che poteva, eppure sembrava avere un cruccio.
Allegri disse le seguenti parole: “Mi piacerebbe che parlassero di me per un nuovo sistema di gioco, ma non ci riesco…”.
Ah, però. Che giro di ruota rispetto alle parole sardoniche sullo giocare meglio che ha sempre avuto Allegri da quando è alla Juve.
Beh, come dice Battiato, il tempo cambia molte cose nella vita: il senso, le amicizie, le opinioni. Congratulazioni per la Panchina d’Oro.

A proposito di quel Milan di Allegri, aveva Ibrahimovic, e Ibra potrebbe tornare. La trattativa è sul piatto, e si parla. Ecco a che punto stiamo.
Zlatan non era andato e non è andato nei Galaxy a svernare, ci teneva a vincere il campionato, per poi puntare alla Champions della Concacaf, e ritirarsi nel Mondiale per Club.
Piccolo incidente di percorso: i 22 gol in 27 presenze con i Galaxy non sono stati sufficienti nemmeno a entrare nei playoff, e adesso Ibra ha bisogno di sfide. E Leonardo è molto solleticato, e per Gattuso niente osta.
La richiesta di Raiola è stata chiara: 1 milione e mezzo all’anno, diritti d’immagine a Ibrahimovic, contratto di un anno e mezzo, scadenza giugno 2020 con Ibra sulla soglia dei 39 anni (e forse passo d’addio con la Svezia agli Europei?).
Il Milan è d’accordo sulle clausole, non sulla durata: 6 mesi di durata e opzione di rinnovo.
Zlatan e Mino dicono ‘prestiti mai’. Ma vedremo, il tempo cambia molte cose nella vita.

Come per esempio alla Juve, dove Raiola fino ai giorni di Pogba era il reuccio di Vinovo, mentre adesso lo scettro è passato a Jorge Mendes.
Juve che è dappertutto sul mercato. Mentre Szczesny fa rimpiangere Buffon in Champions, spuntano i bianconeri dietro il mancato rinnovo di De Gea.
Mentre il Bayern non riesce a stabilizzare la situazione con James nonostante il rendimento positivo, spuntano di nuovo i bianconeri a tessere per il colombiano.
E indovinate chi è l’agente di De Gea e James? Esatto, proprio il Jorge internazionale.
Ovvio il canale Mendes-Juve, imbastito con Cancelo e proclamato con CR7.
Ma altrettanto ovvio che i bianconeri siano in debito con l’agente portoghese: tu club manifesti interesse per un giocatore per cui sto trattando il rinnovo, anche se magari non ti interessa così tanto; così io procuratore posso contrattare con più forza il rinnovo con il suo club…
I debiti con gli amici si pagano. Se poi il debito è Cristiano Ronaldo, lo paghi anche con il sorriso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Inter e Napoli, tutto rinviato, ma nulla è perduto. Anzi: vietato, vietatissimo mollare 29.11 - Tutto rinviato, nei gironi più difficili Napoli e Inter dovranno sudarsi la qualificazione fino all'ultimo. Non basta la vittoria del Napoli per 3-1 contro la Stella Rossa: sarà decisiva la sfida ad Anfield Road, ancora una volta uno scontro dentro o fuori con il Liverpool per Ancelotti....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->