HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena

14.11.2018 08:13 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 48942 volte

Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui partecipa). Il secondo, probabilmente, diventare l’allenatore che ha vinto più scudetti: ne ha già 5 come Capello e Lippi, quest’anno probabilmente arriverà a 6, e davanti a quel punto rimarrebbe solo Trapattoni a 7.
In un sondaggio che ho lanciato su Twitter su chi meritasse di più la Panchina d’Oro tra Allegri e Sarri, 3811 votanti hanno scelto l’ex mister del Napoli con il 52%, davanti a quello attuale della Juve con il 48%. Questione di gusti.
Del resto la prima Panchina d’Oro è proprio così che Allegri l’aveva ottenuta. Era il 2009, allenava il Cagliari, e vinse il voto dei colleghi e connazionali davanti a Mourinho che pure aveva vinto il suo primo scudetto con l’Inter (nonché quarto consecutivo dell’Inter). Questione di gusti.
L’annosa dicotomia tra essere e avere, tra estetica e pratica, tra giocare bene (o meglio?) e vincere, ognuno la può risolvere come vuole.
Giustamente Allegri, che non perde occasione per sferzare i suoi critici, sul palco di Coverciano ha ribadito un concetto da sempre a lui caro: “A calcio bisogna essere efficaci e non divertenti, altrimenti non si vince e ci arrabbiamo tutti”.
L’ha sempre detto, da quando è alla Juve. Sempre. …Ma prima?

Gli archivi di internet possono regalare perle. Per un quinquennio ho tenuto una fortunata rubrica sulla Gazzetta, il Blob del Lunedì, che spulciava tra varie dichiarazioni che cadevano nel dimenticatoio. E anche se si è fermata nel 2013, tutt’ora si possono ritrovare cose preziose. Come quella detta da Allegri.
Guarda caso, se queste sue parole adesso arrivano dopo un Milan-Juventus, queste altre che abbiamo ritrovato arrivarono prima di un Juventus-Milan, il primo scontro con Conte, 2011-12, una sconfitta che sarà poi decisiva per cedere il titolo ai bianconeri.
Allegri aveva vinto lo scudo con il Milan al primo colpo, in Champions faceva quello che poteva, eppure sembrava avere un cruccio.
Allegri disse le seguenti parole: “Mi piacerebbe che parlassero di me per un nuovo sistema di gioco, ma non ci riesco…”.
Ah, però. Che giro di ruota rispetto alle parole sardoniche sullo giocare meglio che ha sempre avuto Allegri da quando è alla Juve.
Beh, come dice Battiato, il tempo cambia molte cose nella vita: il senso, le amicizie, le opinioni. Congratulazioni per la Panchina d’Oro.

A proposito di quel Milan di Allegri, aveva Ibrahimovic, e Ibra potrebbe tornare. La trattativa è sul piatto, e si parla. Ecco a che punto stiamo.
Zlatan non era andato e non è andato nei Galaxy a svernare, ci teneva a vincere il campionato, per poi puntare alla Champions della Concacaf, e ritirarsi nel Mondiale per Club.
Piccolo incidente di percorso: i 22 gol in 27 presenze con i Galaxy non sono stati sufficienti nemmeno a entrare nei playoff, e adesso Ibra ha bisogno di sfide. E Leonardo è molto solleticato, e per Gattuso niente osta.
La richiesta di Raiola è stata chiara: 1 milione e mezzo all’anno, diritti d’immagine a Ibrahimovic, contratto di un anno e mezzo, scadenza giugno 2020 con Ibra sulla soglia dei 39 anni (e forse passo d’addio con la Svezia agli Europei?).
Il Milan è d’accordo sulle clausole, non sulla durata: 6 mesi di durata e opzione di rinnovo.
Zlatan e Mino dicono ‘prestiti mai’. Ma vedremo, il tempo cambia molte cose nella vita.

Come per esempio alla Juve, dove Raiola fino ai giorni di Pogba era il reuccio di Vinovo, mentre adesso lo scettro è passato a Jorge Mendes.
Juve che è dappertutto sul mercato. Mentre Szczesny fa rimpiangere Buffon in Champions, spuntano i bianconeri dietro il mancato rinnovo di De Gea.
Mentre il Bayern non riesce a stabilizzare la situazione con James nonostante il rendimento positivo, spuntano di nuovo i bianconeri a tessere per il colombiano.
E indovinate chi è l’agente di De Gea e James? Esatto, proprio il Jorge internazionale.
Ovvio il canale Mendes-Juve, imbastito con Cancelo e proclamato con CR7.
Ma altrettanto ovvio che i bianconeri siano in debito con l’agente portoghese: tu club manifesti interesse per un giocatore per cui sto trattando il rinnovo, anche se magari non ti interessa così tanto; così io procuratore posso contrattare con più forza il rinnovo con il suo club…
I debiti con gli amici si pagano. Se poi il debito è Cristiano Ronaldo, lo paghi anche con il sorriso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510