VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato

15.07.2017 08:39 di Mauro Suma   articolo letto 59336 volte

Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo normale e sereno come lui, la forza di saper fare a meno di chiunque. Il saper tirare dritto di un sergente di ferro racchiuso nelle sembianze di un uomo mite, leggero e sorridente. Anche se in 7 anni di Juve, Bonucci è sempre stato al suo posto e gli episodi di quest'ultima stagione con l'allenatore sono stati una eccezione e non la regola. In ogni caso Andrea Pirlo è stata la prima pietra del ciclo juventino ancora pienamente in corso. Leonardo Bonucci saprà essere altrettanto per il Milan? L'esempio di Antonio Conte sembrerebbe incoraggiarlo: il tecnico leccese piombò nel ritiro juventino del Luglio 2014 con la stessa espressione che aveva il difensore viterbese giovedì mattina. E dopo quella rottura, Conte ha fatto un grande Europeo con la Nazionale in Francia e ha riportato il titolo della Premier League nella bacheca del Chelsea. Bonucci al Milan dal canto suo è la pietra angolare di un mercato rossonero scatenato ma ancora carente, fino all'inizio di questa settimana, sul crinale della leadership. Ecco allora un capitan Futuro della Juventus e un capitano effettivo dalla Lazio. L'arrivo di Bonucci non è la vittoria di un trofeo, ma ha suscitato nei tifosi del Milan le stesse emozioni e gli stessi fremiti. Del resto il Milan è atteso proprio da una impresa del genere, da squadra che nel 2011 ha saputo porre fine alla dittatura nerazzurra post Calciopoli e che adesso deve provare a fare altrettanto, anche se sarà tremendamente difficile, rispetto alla dittatura bianconera post Tevez. In ogni caso la serata del  13 Luglio 2017 è stata molto simile alla grande attesa di Nesta del 30 Agosto 2002, alla straripante voglia di Ibra del 28 Agosto 2010.  C'erano in migliaia di case solo cuori che battevano, solo occhi sbarrati che non ne volevano sapere di prendere sonno, certamente non c'erano nasi arricciati che in qualche improbabile bar sono stati notati o immaginati chissà perchè e chissà dove. Ma chi?! Mai così tanta potenza di fuoco in un solo Calciomercato era stata così priva di avvisaglie e di pronostici, così spiazzante per così tanti osservatori. Il Milan che "non ha disponibilità economica", il Milan dei "soldi di rientro" di Silvio Berlusconi, il Milan che non si capisce di chi sia mentre invece Suning...Mai così deriso un grande Club, mai così umiliato dai fiumi di parole che il Calcio del 2017 sa, ahinoi, produrre senza barriere cacofoniche. Eppure, se arriverà il  centravanti che dovrà sapersi alternare ad un prospetto interessantissimo e raffinato come Andrè Silva, il mercato del Milan arriverà a quota 11, una squadra nella squadra, un mercato primissimo per distacco rispetto a tante sessioni precedenti, non soltanto del Milan ma anche di tante altre squadre di tante altre società. La stima odierna è di 50.000 abbonati Stadio l'anno prossimo, qualcuno aggiunge che diventerebbero 70.000 con il Gallo Belotti, l'idolo del figlio di Leo, ma bisogna saper riempire d'entusiasmo San Siro chiunque sia l'undicesimo colpo. Tenendo conto soprattutto che non sarà Belotti, incedibile per il presidente Cairo.

L'Italia la conosciamo. Se c'è la tifoseria di un grande Club che gode, perchè i milanisti sia agli atti stanno godendo tutti nessuno escluso, ci sono le altre grandi piazze che rosicano e che gufano. E' toccato anche ai milanisti stare ciclicamente, a turno, dall'altra parte. Questa volta nella metà opaca del calciomercato, c'è chi immagina chissà quali scenari: ad esempio Bonucci oggi a te e Donnarumma fra un anno a me. Ciascuno è libero di consolarsi e di metabolizzare come meglio crede, ma il destino rossonero di Gigio lo ha deciso la sua famiglia, non lo ha determinato il super-procuratore che ha in questa fase storica ha proprio nel Manchester United e nella Juventus le proprie squadre di riferimento. E Gigio e la sua famiglia la pensano esattamente allo stesso modo, sia sul Milan con cui hanno voluto rinnovare sia sulla Juventus che non è mai entrata davvero nella vicenda, contrariamente a quanto accaduto da Parigi dove sia al 18enne che a suo fratello era stato offerto esattamente il doppio di quanto percepiranno fino al 2012 in rossonero. Anche Axel Witsel, perso a Torino nell'ultimo giorno di mercato dell'Agosto 2016, sembrava dovesse poi tornare alla Juventus in una sessione successiva di mercato. Invece poi al posto di Witsel, nel Gennaio 2017 è arrivato Rincon. Il calcio per sua natura non è programmabile e non è prevedibile. Adesso Gigio è a casa sua e ci resterà.

Mercato, sempre mercato. L'Inter non vede l'ora di dar vita al suo, ci sono i fuochi d'artificio rossoneri reiterati e costanti nel tempo, c'è il mercato juventino figlio delle tensioni dell'ultima stagione sfociate nell'intervallo di Cardiff e nel secondo tempo di Cardiff. Ma c'è anche un non mercato. Un esperimento da seguire con grande interesse. Ed è quello del Napoli. Maurizio Sarri lo aveva detto di recente: "Il nostro calcio è ammalato di calciomercato, si pensa sempe e solo a quello. E si finisce per pensare sempre meno al lavoro". E il suo lavoro Sarri ad oggi lo ha fatto molto bene, visto che tutti i giocatori che sono rimasti non hanno bisogno di tempo per conoscere i suoi meccanismi visto che li hanno già abbondantemente mandati a memoria.  Nel calcio italiano dell'adrenalina e dei colpi di mercato, quella del Napoli resterà una eccezione, diventerà una felice parentesi? Oppure imploderà e i luoghi comuni torneranno ad imporsi anche sotto il Vesuvio? Siamo qui apposta per vedere come andrà a finire, disponibili a seguire con grande interesse sia il mercato tutto nuovo, storicamente necessario dopo anni particolari, per il Milan, sia il "lavoro al posto del mercato" di marca partenopea. Davvero, molto interessante. Certezze non ne abbiamo, che il campo parli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.