VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri: deve scacciare l'ombra di Marcello Lippi. Mihajlovic: Milan, silenzio ed esperienza. Sinisa, la Lazio lo studia con attenzione. Juve e Inter: arbitri che fanno tremare

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
31.10.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 32782 volte

Il calcio non è solo ingiusto, è anche obliquo, strano, subdolo. Perché due mesi di calcio non decisivo devono mettere in discussione il protagonista di uno Scudetto, di una Finale Champions, di una Coppa Italia, di una Supercoppa, di dieci mesi storici? Non c'è risposta, non c'è ricetta, non c'è panacea. C'è solo il calcio, con le sue ombre cinesi e i suoi serpentelli sotto le foglie. Ombre cinesi, già. Cinesi come gli ultimi trascorsi di Marcello Lippi. Al bel Marcello farebbe male il cuore dover essere costretto a sostituire Massimiliano Allegri, l'uomo che lui ha in simpatia, l'allenatore che lui stima tantissimo. Lippi tifa perché la Juventus e Allegri si riprendano, ma se così non dovesse essere l'ex Ct non potrebbe sfuggire al richiamo della sua, unica, vera foresta, quella bianconera. La dirigenza sabauda dovrebbe riflettere sul fatto che il rapporto fra Max e lo spogliatoio è intatto (altrimenti sia Buffon che Evra se ne sarebbero stati zitti, evitandosi il duro lavoro della reprimenda al posto dell'allenatore e in evidente solidarietà con l'allenatore), ma l'unico padre nobile della juventinità in grado di rendere stabile la stagione e di raffreddare il braciere della nostalgia per Antonio Conte, sarebbe proprio lui: Marcello Lippi.

Sinisa Mihajlovic è un uomo: potrebbe tornare in buona con chi lo critica in maniera aspra ed eccessiva anche solo attenuando un suo importante rapporto di comunicazione, ma per amicizia e rispetto non lo fa. Sinisa Mihajlovic è un allenatore: nel momento difficile non fa il permaloso o il giro delle sette chiese, ma fa le scelte. Di campo, di squadra. Buone, meno buone, ma senza paura e senza deconcentrarsi curando i rapporti extra campo. Così sono nati Ely, Calabria e Donnarumma, così sono tornati alla luce Alex e Cerci, così sta tornando Bertolacci sotto l'effetto della sostanziosa e non strombazzata preparazione dell'ottimo professor Bovenzi. Uscito in zona Cesarini dalla tagliola del trequartista, Sinisa dopo il Tir dello 0-4 con il Napoli non ha fatto il sergente di ferro o di coccio. Ha fatto molto più semplicemente l'allenatore sereno, stabile, lucido, anche a costo di apparire impopolare con le sue scelte. Cinque soli tiri concessi a tre avversari in 270 minuti: questo è stato il Milan nelle ultime tre-quattro settimane, sotto la guida salda e professionale del suo allenatore.

Non sappiamo come andrà la stagione, abbiamo il massimo della stima e del rispetto per Mihajlovic, anche e soprattutto per la serenità con cui ammette pareri diversi dai suoi ma comunicati in maniera schietta e leale. E in cuor nostro pensiamo che un allenatore così solido il Milan debba tenerselo stretto per tanto, tanto tempo. Ma il calcio è il calcio. E i suoi sviluppi, quelli più scontati come quelli più imprevedibili, possono avere mille e una tonalità. Ma, proprio nella settimana di Lazio-Milan e proprio in un momento in cui Stefano Pioli viene discusso sulla piazza biancoceleste per alcune sue scelte, il calendario del Campionato si diverte a fare pat pat sulla spalla del Milan: occhio che la cara vecchia Lazio di Sinisa non vede l'ora...

Erano 13 mesi che Gianluca Rocchi non veniva designato per arbitrare la Juventus. L'abbinamento Rocchi-Juventus o Rocchi-Roma è stato accuratamente evitato fin da quel Juventus-Roma del Settembre 2014, da quel 3-2 inchiodato dalla bocca rinfrescata di Bonucci. Non era giusto. Ed è quindi giusto che Rocchi torni a dirigere la Juventus. Ma qualche osservatore si chiede: ma proprio nel derby il grande ritorno? Con Rocchi arbitro, ma senza (lo ricordiamo ai complottisti sul tema) i gol di Rocchi, la squadra bianconera ha vinto 3 derby torinesi fra i mugugni granata. Stesse perplessità, che ci auguriamo come spesso accade che il calcio sappia smentire sul campo, hanno accompagnato la designazione di Rizzoli per Inter-Roma: 5 vittorie su 6 per l'Inter contro la Roma, nelle occasioni in cui ha diretto la gara il fischietto bolognese. Non c'è grande cultura sportiva dietro questi riferimenti, ce ne rendiamo conto. Le uniche statistiche pre-partita devono essere quelle delle squadre e dei giocatori, dei veri protagonisti. Ma l'Italia è l'Italia e le designazioni di Rocchi e Rizzoli, invertite fra Torino e Milano, avrebbero reso meno rumoroso l'avvicinamento alle due partite.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.