VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
16.04.2017 08:01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 48611 volte
© foto di Image Sport

La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio decisamente più avanti di un Barça presuntuoso. E non venga tacciato d'aver fatto lo stesso Allegri per la partita contro il Pescara: la scelta di mettere in campo i Fab Four è ragionata. E' pensata. E' figlia di una rivoluzione tattica arrivata in corsa e sulla quale l'ottima dirigenza bianconera nulla ha potuto fare. Non è una squadra, questa Juventus, nata e costruita per il 4-2-3-1 ma che in corsa ha deciso di indossare questo abito tattico. Non ci sono esterni di ruolo, eccezion fatta per Cuadrado, ma la profonda generosità di Mandzukic ha permesso ad Allegri di adottare un sistema vincente sia in Serie A che in Europa. Stravolgerlo per far riposare i migliori interpreti sarebbe stato un errore perché non conta solo la condizione fisica ma anche quella mentale. C'è un aspetto, quello del ritmo partita, da non sottovalutare, a poche ore da una gara delicata come quella di Champions. L'infortunio di Dybala, fortunatamente per lui e per l'orgoglio italiano di vedere una squadra come la Juventus avanti in Champions, sembra lieve ed è un azzardo da mettere in conto. Sturaro e Lemina si sono adattati nel ruolo ma son tutto fuorché esterni d'attacco. E con Pjaca infortunato, con Kean non al top, Allegri non aveva alternative. Per questo i Fab Four davanti anche col Pescara: per dare fiducia, per ammazzare la partita e per rendere ancora più scintillante il sorriso di Higuain e soci. La società non lo scordi: Allegri ha dimostrato, ancora una volta, di essere uno dei migliori tecnici d'Europa, non solo nelle scelte tattiche ma anche nella gestione dei campioni nei momenti che contano.

Chi ha steccato la stagione è Luciano Spalletti. Giriamoci poco intorno: fuori dall'Europa, ko in Tim Cup contro la Lazio, a sei dalla fine ha già detto addio al sogno Scudetto. Dice che "se non vinco me ne vado", ma probabilmente è una riflessione che in primis dovrebbe fare la Roma. A suon di polemiche e di frecciate, ha perso il polso di una squadra che ha vissuto troppo di alti e bassi. Ok, la rosa non è quella della Juventus ma i campioni per giocarsela fino all'ultimo ci sarebbero eccome. Manolas come leader difensivo, Fazio come suo compagno, De Rossi e Strootman in mediana, Nainggolan sulla trequarti, esterni di qualità immensa come Perotti e Salah, un Dzeko ritrovato in attacco. Essere a così tanti punti di distanza da una Juventus sempre in corsa su tre fronti ha poche parole per descrivere il tutto se non fallimento cubitale. Per questo il futuro non dipenderà solo dalle decisioni di Spalletti, diretto pare peraltro verso il Tottenham per l'eventuale successione di Mauricio Pochettino coi buoni uffici di Franco Baldini. Pallotta e Monchi sono già al lavoro per il domani, per far trovare magari anche più serenità a una piazza sempre troppo tesa e sulla corda per essere all'altezza della Vecchia Signora.

Il primo derby di Milano, celebrato per la data storica di una prima tra proprietà straniere, porta però con sè una riflessione forte. In campo c'erano sesta e settima della Serie A e, soprattutto, ventidue giocatori dal primo minuto che non hanno mai vinto uno Scudetto. Lo stesso dicasi per gli allenatori e questo, oggi, racconta il livello delle due milanesi rispetto alla Juventus e pure rispetto alla Roma. Certo, i milioni di Suning e quelli promessi di Yonghong Li, fanno ben sperare le tifoserie ma serviranno rinforzi all'altezza per Montella e per quello che sarà il suo avversario cittadino (no, la sensazione è che non sarà Pioli: occhio a Marco Silva dell'Hull City e al sogno Leonardo Jardim del Monaco). Coi milioni non si comprerà la felicità, è vero. Ma con campioni e top players, quella dei tifosi può essere vicina.

La Serie A, dando uno sguardo decisamente più in basso, racconta di due squadre che stanno onorando la lotta salvezza a suon di cuore e sudore. L'Empoli era clamorosamente crollato, il derby vinto con la Fiorentina può rialzarne il morale in modo decisivo. Giovanni Martusciello ha sbagliato tante scelte ma è vero che nella stagione post-cessioni eccellenti, era difficile. Corsi ha avuto il coraggio di confermare la sua scelta contro tutto e tutti, il gol dell'ex Pasqual lo ha ripagato di delusioni e momenti no. Dall'altra parte il Crotone. Dato da tutti per spacciato a inizio stagione, ha mostrato non solo la serietà di un club che non abbandona il proprio comandante (Nicola) nel momento difficile, ma anche il carattere di una società che la Serie A l'ha meritata. Il Palermo continua invece a sprofondare scavando la 'fossa' retrocessione con le sue mani, tra un closing dai contorni misteriosi, improbabili, esoneri e giocatori non all'altezza. Il Pescara, invece, è già conscio del suo futuro: "penso alla stagione in B", dice Zeman. Oddo e il boemo hanno dimostrato di non essere (ancora o non più) al livello di una squadra che lotta per la salvezza e la classifica ne è la chiara fotografia.

Chiosa sulla Lega Pro. Tanti applausi per Filippo Inzaghi che ha avuto l'umiltà di riconoscere i suoi errori, di mettersi nelle sapienti mani di Perinetti e di sposare un progetto vincente come quello di Tacopina. La promozione ha tanto delle sue idee, del suo stile. Andare in A col Milan è stata sfida fallita, dettata dal cuore più che dalla ragione. Riconoscere i propri errori e tornare indietro sui propri passi è da uomini intelligenti e Inzaghi questo si è dimostrato. Per questo la carriera sarà da grande tecnico, così come lo sarà quella di Giovanni Stroppa. Che è ancora a un solo punto da uno storico ritorno in B col suo Foggia. Una squadra costruita con saggezza e lungimiranza. Che ha vissuto periodi duri ma che ora è a un passo dal palcoscenico che merita ancora. Lei come Stroppa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.