VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
16.04.2017 08:01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 48639 volte
© foto di Image Sport

La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio decisamente più avanti di un Barça presuntuoso. E non venga tacciato d'aver fatto lo stesso Allegri per la partita contro il Pescara: la scelta di mettere in campo i Fab Four è ragionata. E' pensata. E' figlia di una rivoluzione tattica arrivata in corsa e sulla quale l'ottima dirigenza bianconera nulla ha potuto fare. Non è una squadra, questa Juventus, nata e costruita per il 4-2-3-1 ma che in corsa ha deciso di indossare questo abito tattico. Non ci sono esterni di ruolo, eccezion fatta per Cuadrado, ma la profonda generosità di Mandzukic ha permesso ad Allegri di adottare un sistema vincente sia in Serie A che in Europa. Stravolgerlo per far riposare i migliori interpreti sarebbe stato un errore perché non conta solo la condizione fisica ma anche quella mentale. C'è un aspetto, quello del ritmo partita, da non sottovalutare, a poche ore da una gara delicata come quella di Champions. L'infortunio di Dybala, fortunatamente per lui e per l'orgoglio italiano di vedere una squadra come la Juventus avanti in Champions, sembra lieve ed è un azzardo da mettere in conto. Sturaro e Lemina si sono adattati nel ruolo ma son tutto fuorché esterni d'attacco. E con Pjaca infortunato, con Kean non al top, Allegri non aveva alternative. Per questo i Fab Four davanti anche col Pescara: per dare fiducia, per ammazzare la partita e per rendere ancora più scintillante il sorriso di Higuain e soci. La società non lo scordi: Allegri ha dimostrato, ancora una volta, di essere uno dei migliori tecnici d'Europa, non solo nelle scelte tattiche ma anche nella gestione dei campioni nei momenti che contano.

Chi ha steccato la stagione è Luciano Spalletti. Giriamoci poco intorno: fuori dall'Europa, ko in Tim Cup contro la Lazio, a sei dalla fine ha già detto addio al sogno Scudetto. Dice che "se non vinco me ne vado", ma probabilmente è una riflessione che in primis dovrebbe fare la Roma. A suon di polemiche e di frecciate, ha perso il polso di una squadra che ha vissuto troppo di alti e bassi. Ok, la rosa non è quella della Juventus ma i campioni per giocarsela fino all'ultimo ci sarebbero eccome. Manolas come leader difensivo, Fazio come suo compagno, De Rossi e Strootman in mediana, Nainggolan sulla trequarti, esterni di qualità immensa come Perotti e Salah, un Dzeko ritrovato in attacco. Essere a così tanti punti di distanza da una Juventus sempre in corsa su tre fronti ha poche parole per descrivere il tutto se non fallimento cubitale. Per questo il futuro non dipenderà solo dalle decisioni di Spalletti, diretto pare peraltro verso il Tottenham per l'eventuale successione di Mauricio Pochettino coi buoni uffici di Franco Baldini. Pallotta e Monchi sono già al lavoro per il domani, per far trovare magari anche più serenità a una piazza sempre troppo tesa e sulla corda per essere all'altezza della Vecchia Signora.

Il primo derby di Milano, celebrato per la data storica di una prima tra proprietà straniere, porta però con sè una riflessione forte. In campo c'erano sesta e settima della Serie A e, soprattutto, ventidue giocatori dal primo minuto che non hanno mai vinto uno Scudetto. Lo stesso dicasi per gli allenatori e questo, oggi, racconta il livello delle due milanesi rispetto alla Juventus e pure rispetto alla Roma. Certo, i milioni di Suning e quelli promessi di Yonghong Li, fanno ben sperare le tifoserie ma serviranno rinforzi all'altezza per Montella e per quello che sarà il suo avversario cittadino (no, la sensazione è che non sarà Pioli: occhio a Marco Silva dell'Hull City e al sogno Leonardo Jardim del Monaco). Coi milioni non si comprerà la felicità, è vero. Ma con campioni e top players, quella dei tifosi può essere vicina.

La Serie A, dando uno sguardo decisamente più in basso, racconta di due squadre che stanno onorando la lotta salvezza a suon di cuore e sudore. L'Empoli era clamorosamente crollato, il derby vinto con la Fiorentina può rialzarne il morale in modo decisivo. Giovanni Martusciello ha sbagliato tante scelte ma è vero che nella stagione post-cessioni eccellenti, era difficile. Corsi ha avuto il coraggio di confermare la sua scelta contro tutto e tutti, il gol dell'ex Pasqual lo ha ripagato di delusioni e momenti no. Dall'altra parte il Crotone. Dato da tutti per spacciato a inizio stagione, ha mostrato non solo la serietà di un club che non abbandona il proprio comandante (Nicola) nel momento difficile, ma anche il carattere di una società che la Serie A l'ha meritata. Il Palermo continua invece a sprofondare scavando la 'fossa' retrocessione con le sue mani, tra un closing dai contorni misteriosi, improbabili, esoneri e giocatori non all'altezza. Il Pescara, invece, è già conscio del suo futuro: "penso alla stagione in B", dice Zeman. Oddo e il boemo hanno dimostrato di non essere (ancora o non più) al livello di una squadra che lotta per la salvezza e la classifica ne è la chiara fotografia.

Chiosa sulla Lega Pro. Tanti applausi per Filippo Inzaghi che ha avuto l'umiltà di riconoscere i suoi errori, di mettersi nelle sapienti mani di Perinetti e di sposare un progetto vincente come quello di Tacopina. La promozione ha tanto delle sue idee, del suo stile. Andare in A col Milan è stata sfida fallita, dettata dal cuore più che dalla ragione. Riconoscere i propri errori e tornare indietro sui propri passi è da uomini intelligenti e Inzaghi questo si è dimostrato. Per questo la carriera sarà da grande tecnico, così come lo sarà quella di Giovanni Stroppa. Che è ancora a un solo punto da uno storico ritorno in B col suo Foggia. Una squadra costruita con saggezza e lungimiranza. Che ha vissuto periodi duri ma che ora è a un passo dal palcoscenico che merita ancora. Lei come Stroppa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.