VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Allegri-Franco Baresi accoppiata azzurra. Amelia, 26 gennaio 2014: "Con Allegri le cose non andavano bene". La risposta dell'Inter: il rinnovo di Mazzarri. Attenzione Chiellini: come per Materazzi scuse a doppio taglio. Ischia: quel punto in meno fa

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.07.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 35525 volte

Massimiliano Allegri non è il candidato unico per la guida della prossima Nazionale azzurra e non è nemmeno il favorito. Per questo attende l'epilogo, spera, ma in silenzio. Del resto la nomina del prossimo CT sarà il risultato di giochi e disegni più ampi rispetto al campo di gioco. E se proprio la vogliamo dir tutta il vero favorito è Roberto Mancini che punta ad un top Club europeo ma che, pur non essendo quella azzurra la sua prima opzione, non rifiuterebbe la chiamata della Nazionale. Se la scelta finale dovesse però essere alla fine Allegri, potrebbe rientrare nel giro azzurro un gigante del calcio italiano: Franco Baresi. Il Capitano per eccellenza, che non si è mai costruito un appeal mediatico a danno del Club di riferimento della propria storia, pur avendo anche lui le sue visioni, le sue convinzioni e il suo carattere, è sempre stato sul podio ai Mondiali con la maglia della Nazionale italiana: primo, pur non giocando, in Spagna nel 1982; terzo in Italia nel '90 e secondo in Brasile quattro anni più tardi. Lui e Allegri si conoscono, si appezzano e si stimano. E Franco Baresi ha tanta determinazione dentro di sé, tanta voglia di calcio, tanto rispetto delle regole e capacità di trasmetterle. Anche perché la Nazionale, non dimentichiamolo, pur uscita con le ossa rotte dai Mondiali, non è tutta da buttare. Anzi.

La sai l'ultima? Il Milan aveva negato l'autorizzazione ai giocatori a parlare di Allegri dopo il suo esonero. Ma dai...Eppure il 26 Gennaio 2014, tredici giorni dopo l'esonero del tecnico toscano, Marco Amelia si esprimeva così proprio a Cagliari: "Con Allegri negli ultimi tre mesi molte cose non andavano bene. Dopo l'infortunio di Abbiati e la gara da titolare contro il Barcellona mi aspettavo un trattamento diverso. Per questo avevo chiesto di andare via, poi con Seedorf le cose sono cambiate e per questo ho deciso di restare". Se il Milan non l'avesse autorizzato, avrebbe potuto cederlo cinque giorni dopo a fine mercato. E invece no. Amelia, senza alcun tipo di sanzione anche diversa dalla ipotetica cessione, è rimasto rossonero fino alla scadenza naturale del contratto. Spiace, quindi. Spiace davvero per chi si era costruito un piccolo mondo imbevuto d'odio contro Abate e Montolivo e contro i servi (un buon avvocato è un buon consiglio) disseminati fra i giornalisti. Spiace, ma persone perbene come Tassotti, non è nato in provincia di Varese ma è un punto di riferimento irrinunciabile a Milanello, come Poli e come Pazzini, non hanno fatto film d'autore ma sono fior di professionisti che danno l'anima in campo e in allenamento, hanno semplicemente ed educatamente detto la loro senza apostrofare nessuno. Lo hanno fatto magari con la stessa punta di disagio che hanno il presidente Berlusconi e Pier Silvio Berlusconi quando vengono interrogati su un certo tipo di argomento, ma non hanno mancato di rispetto a nessuno. A furia di straparlare di servi, stanno parlando proprio nel Milan quelli che non hanno voluto essere servi. Grazie al senso del Milan che ha chi si occupa di comunicazione nel Milan, l'adunata per omologare la linea editoriale pro-allenatore che i giocatori rossoneri avrebbero dovuto seguire in ogni loro dichiarazione è rimasta una chimera. Tra carisma e schiena dritta c'è una proporzionalità diretta. Chi ha carisma lascia la schiena dei propri interlocutori intatta e li ascolta. Chi il carisma non ce l'ha cerca, senza riuscirci, di piegarla e di zittirli. Ma questo non è più il tempo delle divisioni. Come pensa Inzaghi e come ha detto Montolivo, questo il senso più puro delle sue frasi, il Milan sta riscoprendo entusiasmo nel remare tutti dalla stessa parte, dal presidente ai magazzinieri. Remare non significa sguazzare. E' molto più stimolante e impegnativo. Ci vogliono senso del gruppo e vero milanismo. Sotto a chi tocca, senza code di paglia.

Visto che l'anticiclone estivo delle Baleari sdogana ogni tipo di sms, quelli veri, quelli presunti, quelli probabili e quelli improbabili, sembra che ne esistano due o tre niente male circa un tema che ha fatto discutere nel corso delle ultime due settimane. Ma al balletto delle proposte e delle controproposte, ha posto fine il presidente Thohir, che non è mica matto, annunciando il prolungamento del contratto per un altro anno, fino al 2016, di Walter Mazzarri. Il grande calcio professionistico sa essere globale ma anche un piccolo paese. Dove tutti sanno tutto.

Giorgio Chiellini farà bene a stare sul chi va là. Questi grandi casi mondiali in cui si è oggettivamente vittime ma al tempo stesso anche mediaticamente protagonisti, lasciano un certo strascico. Tra lui e Suarez, chi doveva scusarsi era l'uruguaiano e lo ha fatto. Ma quando si è difensori ruspanti come Chiellini, bisogna stare attenti uguale. La storia di Materazzi e Zidane lo insegna. Zizou l'aveva combinata grossa ed è stato condannato dalla sconfitta storica e dalla giustizia sportiva. Ma l'ombra della provocazione è rimasta su Materazzi che, non a caso, è stato seguito negli anni a seguire con un occhio particolare ad esempio dagli arbitri della Champions League: vedi De Bleckeere a Liverpool nel 2008. E dal momento che la Champions League è il vero, prossimo, grande obiettivo della Juventus, è lì che probabilmente il Chiellini reduce dalla notorietà planetaria dell'episodio di Suarez rischia di diventare un osservato speciale. Dovrà essere bravo lui a non prestare il fianco, negli episodi e nei comportamenti.

Ischia è un'isola non solo verde. E' anche bella, allegra e affamata di calcio. Vive e si nutre di calcio. Può dare all'intera Lega Pro soddisfazioni insospettabili. Garantisce 3000 spettatori di media ad ogni gara ufficiale. Spettatori veri, vivi. Non passivi. Tutto ciò però è in pericolo. La situazione dell'organigramma si va schiarendo, con il presidente Carlino che ha regalato le quote e si è ritagliato un ruolo di sponsor d'eccezione. Con Taglialatela presidente e Di Bello amministratore unico. Ma anche con un punto di penalizzazione e con una iscrizione accettata con riserva perché priva della fidejussione di 600.000 euro. Il ricorso deve essere presentato entro il 15 Luglio ed entro il 18 Luglio si saprà se le carte e soprattutto i soldi sono a posto. Altrimenti niente Lega Pro e niente cavalcata verso la Serie B che era il sogno dell'operazione Carlino. L'isola è in fibrillazione. Il calcio non è un lusso, è una vocazione naturale per il territorio. Come le terme e come il coniglio ischitano. E tutta Ischia deve impegnarsi per l'Ischia. Senza ammutinamenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.