HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere della Serie A 2018/19?
  Cristiano Ronaldo
  Gonzalo Higuain
  Mauro Icardi
  Ciro Immobile
  Edin Dzeko
  Dries Mertens
  Paulo Dybala
  Gregoire Defrel
  Arkadiusz Milik
  Duvan Zapata
  Krzysztof Piatek
  Mario Mandzukic
  Leonardo Pavoletti
  Altro

La Giovane Italia
Editoriale

Allegri furioso, ecco perché. Il record dei 31 gol segnati e una difesa che balla. Occhi su Andrè Gomes del Barca e Ghoulam. Inter, Ramires arriva. Milan, Jankto a gennaio. Torino, c’è Mazzarri

27.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 24244 volte
© foto di Federico De Luca

Se alle Olimpiadi ci fosse il lancio del cappotto, di sicuro Allegri sarebbe tra i favoriti per la medaglia d’oro. Ormai è uno specialista assoluto. Detto fra noi, simpaticamente, ho l’impressione che un po’ ci marci, in fondo fa scena e in questa società della comunicazione meglio un cappotto lanciato di tante parole dette. Che sia incavolato, però, nessun dubbio.

Il problema è un altro, ha torto o ha ragione a prendersela con i suoi giocatori che durante la partita perdono equilibrio e subiscono troppo?

In teoria ha ragione, la Juventus ha già incassato dieci gol (una media di uno a partita), l’esatta metà di quelli presi dalla Roma che in difesa certamente non ha giocatori più forti di quelli della Signora. E allora?

Siccome la difesa comincia dall’attacco, evidentemente c’è qualcuno che non ha voglia di sudare per fare pressing, rincorrere la palla e gli avversari. E qui sta il nocciolo della questione, sottolineato anche ieri da Barzagli, uno che di difesa se ne intende.

Dunque, non tutti difendono?

Sicuro, ma non è che Allegri pretenda un po’ troppo dalla sua squadra che in due anni ha cambiato pelle, giocatori e modo di giocare? L’impressione è proprio questa, sembra quasi che Allegri stia cercando di far quadrare il cerchio. Oltre alle dieci reti subite (oggettivamente troppe, il Napoli è a sette) bisogna dare un occhio anche a quelle segnate e allora ecco un numero mostruoso: la Juventus ha fatto 31 gol in dieci giornate, una media di tre e rotti a partita, un record storico per i bianconeri.

Qui il discorso comincia a tornare. Allegri non può pretendere di mettere in campo quattro attaccanti (Higuain, Dybala, Douglas Costa e Bernardeschi) con due centrocampisti soli (Khedira e il giovane Bentancur) e avere contemporaneamente un grande equilibrio. Si può ottenere, è vero, ma la dedizione degli attaccanti deve essere massima, totale, e non è facile cambiare mentalità in poco tempo a gente come Douglas Costa (esempio) che non ha mai difeso, un gesto lontano dalla sua cultura. Due centrocampisti, è evidente, sono pochi anche per la Juve e un conto è schierare davanti Mandzukic che per cultura lavora per tre o Cuadrado che in carriera ha fatto anche il terzino, un altro è mettere attaccanti-attaccanti come quelli dell’altra. Anche il Napoli (esempio) che gioca un calcio-spettacolo, votato all’attacco, ha tre centrocampisti e gli esterni d’attacco (soprattutto Callejon, ma anche Insigne) fanno una straordinaria fase difensiva. Insomma, ho l’impressione che Allegri sappia bene i rischi che corre, ha deciso di cambiare la Juve e di trasformarla, ma faccia quello che fa per ottenere di più dai giocatori. Non siamo al , ma anche la campagna acquisti è stata un chiaro segnale: punte e mezze punte a go-go, difensori un optional. Insomma, non si può pretendere di segnare tantissimo e subire pochissimo. E poi ci sono partite e partite. Contro la Spal va tutto bene, sono sicuro che domani sera torneranno Mandzukic e Cuadrado e se dovesse recuperare Matuidi, non sarei meravigliato se Allegri giocasse a tre in mezzo (Pjanic, Khedira, Matuidi) con Mandzukic e Dybala dietro Higuain. Un modo per tirare meno cappotti per l’aria e cercare di ottenere la superiorità numerica in mezzo al campo contro il Milan, partita complicatissima per i problemi dei rossoneri che non si vogliono certo fermare al Chievo.

Ma oltre al presente, Juve e Milan guardano anche al futuro. I bianconeri hanno sempre un occhio molto attento agli scontenti e agli svincolati. Fra questi ultimi, nel mirino c’è da tempo Ghoulam del Napoli. L’esterno sinistro di Sarri è in scadenza, un rinnovo che sembrava fatto si sta complicando e alla finestra ci sarebbero la Juventus, appunto, e un paio di squadre inglesi non da poco come Chelsea e Liverpool. Fra gli scontenti, i bianconeri sono in contatto con l’entourage del portoghese Andrè Gomes che al Barcellona ha trovato poco spazio e Valverde ha messo nella lista dei partenti di gennaio per arrivare a Coutinho. Il portoghese, 24 anni, è stato pagato 30 milioni, ora ne vale 25, la Juve spera di spendere molto meno.

Il Milan, invece, ha un obiettivo più abbordabile e anche se l’Udinese si fa pagare bene i suoi giocatori, non dovrebbe essere un problema arrivare a Jankto, 21 anni. I friulani lo valutano più di dieci milioni. Jankto potrebbe essere una alternativa a Kessie che oggi non c’è nella rosa di Montella.

Dall’Inter, invece, arrivano conferme sempre più importanti sull’arrivo di Ramires già a novembre, dal Jiangsu Suning. Il centrocampista avrebbe così modo di allenarsi e capire il calcio dell’Inter, in attesa del mercato di gennaio. Un affare in famiglia, low cost, in attesa di capire se Sabatini ha qualche altro colpo in canna.

Per le panchine, almeno per ora, Montella e Del Neri respirano. Condanna pressochè definitiva, invece, per Mihajlovic dopo la disastrosa gara di Firenze. Non è stato esonerato subito perché Cairo ancora lo regge, ma è questione di poco. La sensazione è che la squadra non segua più l’allenatore. Prima della sosta di novembre, domenica c’è il Cagliari, poi l’Inter. Soltanto due gare-monstre potrebbero salvare Sinisa. Quasi impossibile. Piace Mazzarri che è pronto per un progetto chiaro, serio e ambizioso come quello del Toro e Belotti o non Belotti, gioca un calcio più equilibrato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola, Sacchi ha fatto la storia, tu i soldi in Italia e vivi nel Principato. Rischio concreto di un campionato a senso unico. Sentenza B tra oggi e domani: una macchia eterna in un sistema che salva solo Gravina e Sibilia 10.09 - Volevo ringraziare pubblicamente Mino Raiola. Non sapevo proprio cosa scrivere questo lunedì, in assenza di notizie, campionato e mercato. Ho ragionato per giorni ma cose originali e sensate non me ne venivano in mente. Poi leggo le dichiarazioni di Mino e lo ringrazio perché anche...

EditorialeDI: Marco Conterio

Dallo Stadium a CR7, da First Team alla U23. I motivi per cui Totti ha consegnato il titolo alla Juventus. Il Manchester City e Guardiola intanto stravolgono il modo di raccontare il calcio 09.09 - In principio è stata la Juventus, con il docu-film prodotto da Netflix, First Team. Archetipo del dietro le quinte di quel che c'è nel lavoro d'ogni giorno che avviene a telecamere spente. I giocatori che si confidano, le discussioni nell'alveo dello spogliatoio. E' stata una primogenitura...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Napoli, primi contatti con Mertens per il rinnovo. Situazione Pogba da monitorare. Monchi merita fiducia, Pastore ha tutto per diventare una grande mezzala ma serve tempo. Rabiot può diventare un’idea concreta per il Milan a gennaio 08.09 - Il Napoli è al lavoro per pianificare il futuro. Giuntoli non si ferma un attimo ed è molto attivo sul fronte rinnovi. Vi ho parlato di quelli di Koulibaly e Zielinski, un’altra priorità è Mertens, che ha il contratto in scadenza nel giugno 2020. Il belga rimane un giocatore importantissimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy