VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Allegri furioso, ecco perché. Il record dei 31 gol segnati e una difesa che balla. Occhi su Andrè Gomes del Barca e Ghoulam. Inter, Ramires arriva. Milan, Jankto a gennaio. Torino, c’è Mazzarri

27.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23939 volte
© foto di Federico De Luca

Se alle Olimpiadi ci fosse il lancio del cappotto, di sicuro Allegri sarebbe tra i favoriti per la medaglia d’oro. Ormai è uno specialista assoluto. Detto fra noi, simpaticamente, ho l’impressione che un po’ ci marci, in fondo fa scena e in questa società della comunicazione meglio un cappotto lanciato di tante parole dette. Che sia incavolato, però, nessun dubbio.

Il problema è un altro, ha torto o ha ragione a prendersela con i suoi giocatori che durante la partita perdono equilibrio e subiscono troppo?

In teoria ha ragione, la Juventus ha già incassato dieci gol (una media di uno a partita), l’esatta metà di quelli presi dalla Roma che in difesa certamente non ha giocatori più forti di quelli della Signora. E allora?

Siccome la difesa comincia dall’attacco, evidentemente c’è qualcuno che non ha voglia di sudare per fare pressing, rincorrere la palla e gli avversari. E qui sta il nocciolo della questione, sottolineato anche ieri da Barzagli, uno che di difesa se ne intende.

Dunque, non tutti difendono?

Sicuro, ma non è che Allegri pretenda un po’ troppo dalla sua squadra che in due anni ha cambiato pelle, giocatori e modo di giocare? L’impressione è proprio questa, sembra quasi che Allegri stia cercando di far quadrare il cerchio. Oltre alle dieci reti subite (oggettivamente troppe, il Napoli è a sette) bisogna dare un occhio anche a quelle segnate e allora ecco un numero mostruoso: la Juventus ha fatto 31 gol in dieci giornate, una media di tre e rotti a partita, un record storico per i bianconeri.

Qui il discorso comincia a tornare. Allegri non può pretendere di mettere in campo quattro attaccanti (Higuain, Dybala, Douglas Costa e Bernardeschi) con due centrocampisti soli (Khedira e il giovane Bentancur) e avere contemporaneamente un grande equilibrio. Si può ottenere, è vero, ma la dedizione degli attaccanti deve essere massima, totale, e non è facile cambiare mentalità in poco tempo a gente come Douglas Costa (esempio) che non ha mai difeso, un gesto lontano dalla sua cultura. Due centrocampisti, è evidente, sono pochi anche per la Juve e un conto è schierare davanti Mandzukic che per cultura lavora per tre o Cuadrado che in carriera ha fatto anche il terzino, un altro è mettere attaccanti-attaccanti come quelli dell’altra. Anche il Napoli (esempio) che gioca un calcio-spettacolo, votato all’attacco, ha tre centrocampisti e gli esterni d’attacco (soprattutto Callejon, ma anche Insigne) fanno una straordinaria fase difensiva. Insomma, ho l’impressione che Allegri sappia bene i rischi che corre, ha deciso di cambiare la Juve e di trasformarla, ma faccia quello che fa per ottenere di più dai giocatori. Non siamo al , ma anche la campagna acquisti è stata un chiaro segnale: punte e mezze punte a go-go, difensori un optional. Insomma, non si può pretendere di segnare tantissimo e subire pochissimo. E poi ci sono partite e partite. Contro la Spal va tutto bene, sono sicuro che domani sera torneranno Mandzukic e Cuadrado e se dovesse recuperare Matuidi, non sarei meravigliato se Allegri giocasse a tre in mezzo (Pjanic, Khedira, Matuidi) con Mandzukic e Dybala dietro Higuain. Un modo per tirare meno cappotti per l’aria e cercare di ottenere la superiorità numerica in mezzo al campo contro il Milan, partita complicatissima per i problemi dei rossoneri che non si vogliono certo fermare al Chievo.

Ma oltre al presente, Juve e Milan guardano anche al futuro. I bianconeri hanno sempre un occhio molto attento agli scontenti e agli svincolati. Fra questi ultimi, nel mirino c’è da tempo Ghoulam del Napoli. L’esterno sinistro di Sarri è in scadenza, un rinnovo che sembrava fatto si sta complicando e alla finestra ci sarebbero la Juventus, appunto, e un paio di squadre inglesi non da poco come Chelsea e Liverpool. Fra gli scontenti, i bianconeri sono in contatto con l’entourage del portoghese Andrè Gomes che al Barcellona ha trovato poco spazio e Valverde ha messo nella lista dei partenti di gennaio per arrivare a Coutinho. Il portoghese, 24 anni, è stato pagato 30 milioni, ora ne vale 25, la Juve spera di spendere molto meno.

Il Milan, invece, ha un obiettivo più abbordabile e anche se l’Udinese si fa pagare bene i suoi giocatori, non dovrebbe essere un problema arrivare a Jankto, 21 anni. I friulani lo valutano più di dieci milioni. Jankto potrebbe essere una alternativa a Kessie che oggi non c’è nella rosa di Montella.

Dall’Inter, invece, arrivano conferme sempre più importanti sull’arrivo di Ramires già a novembre, dal Jiangsu Suning. Il centrocampista avrebbe così modo di allenarsi e capire il calcio dell’Inter, in attesa del mercato di gennaio. Un affare in famiglia, low cost, in attesa di capire se Sabatini ha qualche altro colpo in canna.

Per le panchine, almeno per ora, Montella e Del Neri respirano. Condanna pressochè definitiva, invece, per Mihajlovic dopo la disastrosa gara di Firenze. Non è stato esonerato subito perché Cairo ancora lo regge, ma è questione di poco. La sensazione è che la squadra non segua più l’allenatore. Prima della sosta di novembre, domenica c’è il Cagliari, poi l’Inter. Soltanto due gare-monstre potrebbero salvare Sinisa. Quasi impossibile. Piace Mazzarri che è pronto per un progetto chiaro, serio e ambizioso come quello del Toro e Belotti o non Belotti, gioca un calcio più equilibrato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.