VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Allegri furioso, ecco perché. Il record dei 31 gol segnati e una difesa che balla. Occhi su Andrè Gomes del Barca e Ghoulam. Inter, Ramires arriva. Milan, Jankto a gennaio. Torino, c’è Mazzarri

27.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23691 volte
© foto di Federico De Luca

Se alle Olimpiadi ci fosse il lancio del cappotto, di sicuro Allegri sarebbe tra i favoriti per la medaglia d’oro. Ormai è uno specialista assoluto. Detto fra noi, simpaticamente, ho l’impressione che un po’ ci marci, in fondo fa scena e in questa società della comunicazione meglio un cappotto lanciato di tante parole dette. Che sia incavolato, però, nessun dubbio.

Il problema è un altro, ha torto o ha ragione a prendersela con i suoi giocatori che durante la partita perdono equilibrio e subiscono troppo?

In teoria ha ragione, la Juventus ha già incassato dieci gol (una media di uno a partita), l’esatta metà di quelli presi dalla Roma che in difesa certamente non ha giocatori più forti di quelli della Signora. E allora?

Siccome la difesa comincia dall’attacco, evidentemente c’è qualcuno che non ha voglia di sudare per fare pressing, rincorrere la palla e gli avversari. E qui sta il nocciolo della questione, sottolineato anche ieri da Barzagli, uno che di difesa se ne intende.

Dunque, non tutti difendono?

Sicuro, ma non è che Allegri pretenda un po’ troppo dalla sua squadra che in due anni ha cambiato pelle, giocatori e modo di giocare? L’impressione è proprio questa, sembra quasi che Allegri stia cercando di far quadrare il cerchio. Oltre alle dieci reti subite (oggettivamente troppe, il Napoli è a sette) bisogna dare un occhio anche a quelle segnate e allora ecco un numero mostruoso: la Juventus ha fatto 31 gol in dieci giornate, una media di tre e rotti a partita, un record storico per i bianconeri.

Qui il discorso comincia a tornare. Allegri non può pretendere di mettere in campo quattro attaccanti (Higuain, Dybala, Douglas Costa e Bernardeschi) con due centrocampisti soli (Khedira e il giovane Bentancur) e avere contemporaneamente un grande equilibrio. Si può ottenere, è vero, ma la dedizione degli attaccanti deve essere massima, totale, e non è facile cambiare mentalità in poco tempo a gente come Douglas Costa (esempio) che non ha mai difeso, un gesto lontano dalla sua cultura. Due centrocampisti, è evidente, sono pochi anche per la Juve e un conto è schierare davanti Mandzukic che per cultura lavora per tre o Cuadrado che in carriera ha fatto anche il terzino, un altro è mettere attaccanti-attaccanti come quelli dell’altra. Anche il Napoli (esempio) che gioca un calcio-spettacolo, votato all’attacco, ha tre centrocampisti e gli esterni d’attacco (soprattutto Callejon, ma anche Insigne) fanno una straordinaria fase difensiva. Insomma, ho l’impressione che Allegri sappia bene i rischi che corre, ha deciso di cambiare la Juve e di trasformarla, ma faccia quello che fa per ottenere di più dai giocatori. Non siamo al , ma anche la campagna acquisti è stata un chiaro segnale: punte e mezze punte a go-go, difensori un optional. Insomma, non si può pretendere di segnare tantissimo e subire pochissimo. E poi ci sono partite e partite. Contro la Spal va tutto bene, sono sicuro che domani sera torneranno Mandzukic e Cuadrado e se dovesse recuperare Matuidi, non sarei meravigliato se Allegri giocasse a tre in mezzo (Pjanic, Khedira, Matuidi) con Mandzukic e Dybala dietro Higuain. Un modo per tirare meno cappotti per l’aria e cercare di ottenere la superiorità numerica in mezzo al campo contro il Milan, partita complicatissima per i problemi dei rossoneri che non si vogliono certo fermare al Chievo.

Ma oltre al presente, Juve e Milan guardano anche al futuro. I bianconeri hanno sempre un occhio molto attento agli scontenti e agli svincolati. Fra questi ultimi, nel mirino c’è da tempo Ghoulam del Napoli. L’esterno sinistro di Sarri è in scadenza, un rinnovo che sembrava fatto si sta complicando e alla finestra ci sarebbero la Juventus, appunto, e un paio di squadre inglesi non da poco come Chelsea e Liverpool. Fra gli scontenti, i bianconeri sono in contatto con l’entourage del portoghese Andrè Gomes che al Barcellona ha trovato poco spazio e Valverde ha messo nella lista dei partenti di gennaio per arrivare a Coutinho. Il portoghese, 24 anni, è stato pagato 30 milioni, ora ne vale 25, la Juve spera di spendere molto meno.

Il Milan, invece, ha un obiettivo più abbordabile e anche se l’Udinese si fa pagare bene i suoi giocatori, non dovrebbe essere un problema arrivare a Jankto, 21 anni. I friulani lo valutano più di dieci milioni. Jankto potrebbe essere una alternativa a Kessie che oggi non c’è nella rosa di Montella.

Dall’Inter, invece, arrivano conferme sempre più importanti sull’arrivo di Ramires già a novembre, dal Jiangsu Suning. Il centrocampista avrebbe così modo di allenarsi e capire il calcio dell’Inter, in attesa del mercato di gennaio. Un affare in famiglia, low cost, in attesa di capire se Sabatini ha qualche altro colpo in canna.

Per le panchine, almeno per ora, Montella e Del Neri respirano. Condanna pressochè definitiva, invece, per Mihajlovic dopo la disastrosa gara di Firenze. Non è stato esonerato subito perché Cairo ancora lo regge, ma è questione di poco. La sensazione è che la squadra non segua più l’allenatore. Prima della sosta di novembre, domenica c’è il Cagliari, poi l’Inter. Soltanto due gare-monstre potrebbero salvare Sinisa. Quasi impossibile. Piace Mazzarri che è pronto per un progetto chiaro, serio e ambizioso come quello del Toro e Belotti o non Belotti, gioca un calcio più equilibrato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.