HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Allegri furioso, ecco perché. Il record dei 31 gol segnati e una difesa che balla. Occhi su Andrè Gomes del Barca e Ghoulam. Inter, Ramires arriva. Milan, Jankto a gennaio. Torino, c’è Mazzarri

27.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 24252 volte
© foto di Federico De Luca

Se alle Olimpiadi ci fosse il lancio del cappotto, di sicuro Allegri sarebbe tra i favoriti per la medaglia d’oro. Ormai è uno specialista assoluto. Detto fra noi, simpaticamente, ho l’impressione che un po’ ci marci, in fondo fa scena e in questa società della comunicazione meglio un cappotto lanciato di tante parole dette. Che sia incavolato, però, nessun dubbio.

Il problema è un altro, ha torto o ha ragione a prendersela con i suoi giocatori che durante la partita perdono equilibrio e subiscono troppo?

In teoria ha ragione, la Juventus ha già incassato dieci gol (una media di uno a partita), l’esatta metà di quelli presi dalla Roma che in difesa certamente non ha giocatori più forti di quelli della Signora. E allora?

Siccome la difesa comincia dall’attacco, evidentemente c’è qualcuno che non ha voglia di sudare per fare pressing, rincorrere la palla e gli avversari. E qui sta il nocciolo della questione, sottolineato anche ieri da Barzagli, uno che di difesa se ne intende.

Dunque, non tutti difendono?

Sicuro, ma non è che Allegri pretenda un po’ troppo dalla sua squadra che in due anni ha cambiato pelle, giocatori e modo di giocare? L’impressione è proprio questa, sembra quasi che Allegri stia cercando di far quadrare il cerchio. Oltre alle dieci reti subite (oggettivamente troppe, il Napoli è a sette) bisogna dare un occhio anche a quelle segnate e allora ecco un numero mostruoso: la Juventus ha fatto 31 gol in dieci giornate, una media di tre e rotti a partita, un record storico per i bianconeri.

Qui il discorso comincia a tornare. Allegri non può pretendere di mettere in campo quattro attaccanti (Higuain, Dybala, Douglas Costa e Bernardeschi) con due centrocampisti soli (Khedira e il giovane Bentancur) e avere contemporaneamente un grande equilibrio. Si può ottenere, è vero, ma la dedizione degli attaccanti deve essere massima, totale, e non è facile cambiare mentalità in poco tempo a gente come Douglas Costa (esempio) che non ha mai difeso, un gesto lontano dalla sua cultura. Due centrocampisti, è evidente, sono pochi anche per la Juve e un conto è schierare davanti Mandzukic che per cultura lavora per tre o Cuadrado che in carriera ha fatto anche il terzino, un altro è mettere attaccanti-attaccanti come quelli dell’altra. Anche il Napoli (esempio) che gioca un calcio-spettacolo, votato all’attacco, ha tre centrocampisti e gli esterni d’attacco (soprattutto Callejon, ma anche Insigne) fanno una straordinaria fase difensiva. Insomma, ho l’impressione che Allegri sappia bene i rischi che corre, ha deciso di cambiare la Juve e di trasformarla, ma faccia quello che fa per ottenere di più dai giocatori. Non siamo al , ma anche la campagna acquisti è stata un chiaro segnale: punte e mezze punte a go-go, difensori un optional. Insomma, non si può pretendere di segnare tantissimo e subire pochissimo. E poi ci sono partite e partite. Contro la Spal va tutto bene, sono sicuro che domani sera torneranno Mandzukic e Cuadrado e se dovesse recuperare Matuidi, non sarei meravigliato se Allegri giocasse a tre in mezzo (Pjanic, Khedira, Matuidi) con Mandzukic e Dybala dietro Higuain. Un modo per tirare meno cappotti per l’aria e cercare di ottenere la superiorità numerica in mezzo al campo contro il Milan, partita complicatissima per i problemi dei rossoneri che non si vogliono certo fermare al Chievo.

Ma oltre al presente, Juve e Milan guardano anche al futuro. I bianconeri hanno sempre un occhio molto attento agli scontenti e agli svincolati. Fra questi ultimi, nel mirino c’è da tempo Ghoulam del Napoli. L’esterno sinistro di Sarri è in scadenza, un rinnovo che sembrava fatto si sta complicando e alla finestra ci sarebbero la Juventus, appunto, e un paio di squadre inglesi non da poco come Chelsea e Liverpool. Fra gli scontenti, i bianconeri sono in contatto con l’entourage del portoghese Andrè Gomes che al Barcellona ha trovato poco spazio e Valverde ha messo nella lista dei partenti di gennaio per arrivare a Coutinho. Il portoghese, 24 anni, è stato pagato 30 milioni, ora ne vale 25, la Juve spera di spendere molto meno.

Il Milan, invece, ha un obiettivo più abbordabile e anche se l’Udinese si fa pagare bene i suoi giocatori, non dovrebbe essere un problema arrivare a Jankto, 21 anni. I friulani lo valutano più di dieci milioni. Jankto potrebbe essere una alternativa a Kessie che oggi non c’è nella rosa di Montella.

Dall’Inter, invece, arrivano conferme sempre più importanti sull’arrivo di Ramires già a novembre, dal Jiangsu Suning. Il centrocampista avrebbe così modo di allenarsi e capire il calcio dell’Inter, in attesa del mercato di gennaio. Un affare in famiglia, low cost, in attesa di capire se Sabatini ha qualche altro colpo in canna.

Per le panchine, almeno per ora, Montella e Del Neri respirano. Condanna pressochè definitiva, invece, per Mihajlovic dopo la disastrosa gara di Firenze. Non è stato esonerato subito perché Cairo ancora lo regge, ma è questione di poco. La sensazione è che la squadra non segua più l’allenatore. Prima della sosta di novembre, domenica c’è il Cagliari, poi l’Inter. Soltanto due gare-monstre potrebbero salvare Sinisa. Quasi impossibile. Piace Mazzarri che è pronto per un progetto chiaro, serio e ambizioso come quello del Toro e Belotti o non Belotti, gioca un calcio più equilibrato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->