VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Allegri-Higuain: ha perso l'allenatore. Pjanic mai più davanti alla difesa, meglio Hernanes. Scoppia il caso-Cuadrado, multa in arrivo. Inter, con Gabigol Juve più vicina. Icardi come il Pipita. La rivincita di De Boer. Milan, ecco chi sono i cines

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
23.09.2016 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 55968 volte
© foto di Federico De Luca

Ci vuole tanto a dire "ho sbagliato"? Capita a tutti e in tutte le migliori famiglie, come quella della Juventus ad esempio. Allegri ha sbagliato a tener fuori Higuain contro l'Inter, ma piuttosto che ammetterlo si farebbe torturare. Peccato, a volte un gesto di umiltà può far diventare ancora più grandi. Per la verità gli errori sono due, il primo perché uno come Higuain lo togli solo se ha la febbre o se te lo chiede lui, il secondo, volendo fare turn over per tenere il gruppo in armonia, forse sarebbe stato meglio far giocare Mandzukic contro il Cagliari e non contro l'Inter.

Sottolineo questa vicenda a cinque giorni di distanza e dopo che la Juve ha riconquistato la vetta della classifica grazie alla facile vittoria con il Cagliari, soltanto per far riflettere chi pensa ai bianconeri dominatori assoluti del campionato. Non è così, non sarà così. Gestire un gruppo sempre più importante, collocare i nuovi e cercare di cambiare gradualmente gioco è un lavoro che richiede tempo e pazienza. Proprio ieri, infatti, a proposito della gestione del gruppo, è scoppiato il caso-Cuadrado. Radio Vinovo ci dice che il giocatore avrebbe abbandonato l'allenamento alla notizia dell'ennesima panchina. La Juve, naturalmente, nega decisamente e parla di problemi familiari. Comunque il giocatore si sarebbe scusato dopo una riflessione e il colloquio con il suo procuratore. Pagherà l'eventuale multa e da domani sarà di nuovo a disposizione per la gara di Palermo.

Tornando al gioco, a volte servirebbe anche un po' di coraggio tattico, ma non chiedetelo ad Allegri. A Milano ha sbattuto pure contro la sua idea di far giocare Pjanic regista. Bocciato. L'ex romanista non copre la difesa e non ha i tempi per far ripartire il gioco. Si sapeva, l'avevano detto in tanti, ma Allegri è tosto e fino a quando non ci picchia il naso va avanti. In attesa di Marchisio in quel ruolo e in certe partite è meglio Hernanes (mi sembra stia meglio fisicamente) se non si fida fino in fondo del giovane Lemina.

Con il Cagliari, rimesse le caselle al posto giusto, con Pjanic centrocampista-suggeritore vicino alle punte è tornata anche la Juve sciolta e fluida. Ora da Allegri mi aspetto il lancio di Pjaca per dare un po' di fiato a Dybala diventato anche troppo insostituibile. Attenti a questo Pjaca, può essere il colpo dell'anno.

E il colpo a centrocampo chi sarà? Marotta si è reso conto, nonostante le parole ufficiali, di aver fatto un errore gravissimo nel non essere riuscito a prendere un altro centrocampista di alto livello. Fino a gennaio la Juve può tappare la falla, le soluzioni ci possono essere, Marchisio tornerà, il girone di Champions non è impossibile. Chi arriverà poi nel mercato invernale? Marotta ha in mano Witsel come sappiamo da tempo e proverà a convincere lo Zenit per averlo a gennaio in cambio di qualche milioncino. Ricordiamo che i russi lo perderanno a zero a fine campionato. Parallelamente si guarda in altre direzioni, si stanno monitorando situazioni potenzialmente interessante tipo Yaya Tourè in rottura con il City, ma il problema del numero degli extracomunitari rende più difficile la ricerca.

Era difficile anche portare Gabigol a Milano, ma l'Inter ce l'ha fatta. Eccolo, pronto per il nostro campionato. Per me è una punta, nel 4-2-3-1 di De Boer potrebbe stare dietro a Icardi (dove ora gioca Banega riportando quest'ultimo al fianco di Joao Mario, ma più verosimilmente si adatterà ai movimenti dell'attaccante esterno andando a prendere il posto di Eder o Perisic considerando che Candreva è inamovibile per la sua sapienza tattica. Comunque un'arma in più per un allenatore che sta dimostrando di saperci fare.

Dove sono tutti quelli che dopo dieci giorni di lavoro volevano la sua testa? La rivincita di De Boer è anche quella di Icardi, inquieto per tutta l'estate. Ora ha trovato gol e un gioco che lo agevola, a 23 anni può solo migliorare. La sua media gol, più di una rete a partita è impressionante, di questo passo può puntare al record di Higuain. E questa Inter può far paura. C'è ancora da lavorare sulla fase difensiva e gli esterni non sono fenomeni, ma leggendo i nomi della rosa per me l'Inter se la gioca con il Napoli e per certi versi può esserne superiore.

A proposito di Napoli, la vetta della classifica è durata solo una domenica, ma non è questo il problema. Il gioco c'è, i giocatori pure, a volte bisogna anche accettare un avversario tostissimo, qualche difetto di mira e una giornata no dell'arbitro. Facile a dirsi stando seduti in poltrona, più difficile nei panni di Sarri. Comunque l'allenatore ha esagerato, così facendo sminuisce anche il suo lavoro straordinario e danneggia la sua immagine. Passa per piangina. De Laurentiis però è stato troppo brusco e duro con ilm suo allenatore, non pensi di essere lui il fenomeno perché ha investito sul Napoli, il fenomeno di questa squadra è Sarri e va tutelato. Io non credo al complotto, non penso che gli arbitri ce l'abbiano con il Napoli, credo in una cosa più semplice: gli arbitri sono impreparati. Mi dispiace dirlo, ma professionisti di altissimo livello come dovrebbero essere, si dimostrano invece non all'altezza del gioco del Napoli. Mi spiego. Il Napoli gioca moltissimo nella metà campo avversaria, sta molto in area di rigore con tanti uomini e gli arbitri dovrebbero saperlo per prendere le contromisure. E' chiaro che per una squadra che gioca molto nell'area avversaria la possibilità di falli da rigori si alza, parallelamente dovrebbe alzarsi l'attenzione e la concentrazione dell'arbitro e dei suoi collaboratori che dovrebbero conoscere i movimenti offensivi dei giocatori di Sarri per stare più dentro l'azione. Invece sia a Pescara che a Genoa si sono dimostrati approssimativi e impreparati. E' questo che deve chiedere il Napoli con forza, arbitri in grado di seguire il suo gioco moderno, dinamico e offensivo con la massima allerta.

Concentrazione anche sui cinesi del Milan. Qualcuno ne ha messo in dubbio l'esistenza. Si sono squagliati? Ma quando mai, hanno già versato cento milioni di caparra, mi sembra una buona intenzione. Ieri il Milan ha fatto capire che i nomi top secret degli investitori in realtà sono conosciuti da chi tratta la vendita in nome e per conto di Berlusconi. Tutto ok? Non proprio tutto, ma serve pazienza, l'operazione economica è davvero monstre fra cifre investite e debiti da ripianare. Nel frattempo è stato contattato Paolo Maldini, va a finire che qualche bandiera in società sarà piantata.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.