VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Allegri, la firma prima del ritorno col Bayern. Juve, un'ora da pecora e mezz'ora da leone: un pareggio pericoloso non è un trionfo. Inter: Thohir vende, forse, anzi no. Capello in pole per il dopo Conte

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
26.02.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36891 volte
© foto di Federico De Luca

Una premessa inutile, ma doverosa. Sarei felice, da appassionato di calcio e da italiano, se la Juventus battesse il Bayern e riuscisse poi a vincere la Champions. Detto questo non capisco l'euforia dei bianconeri che hanno scambiato per un trionfo il pareggio per 2 a 2 dell'altra sera contro i tedeschi. Ringrazio i tifosi della Signora per le immeritate attenzioni che mi hanno dedicato e non è la prima volta.

La precedente, qualche mese fa, quando rivelai che Allegri stava pensando di andare in Inghilterra. Come avete visto era tutto vero e Marotta si è mosso in tempo per bloccare il suo allenatore e allungargli il contratto fino al 2019 con forte adeguamento dell'ingaggio. A proposito, l'accordo dovrebbe essere annunciato (non a caso) proprio prima del ritorno con il Bayern.

Torniamo al pareggio con i tedeschi. Per me è stato umiliante vedere la differenza che c'è tra la prima del campionato tedesco e la prima del campionato italiano. Per un'ora la Juventus è stata costretta a subire il palleggio, il possesso e il gioco del Bayern, una squadra straordinariamente organizzata e dotata di una enorme cultura calcistica che la porta a giocare in modi diversi anche all'interno della stessa gara senza perderne il controllo.

E' stata o non è stata una pesante lezione di calcio? Qualsiasi tifoso intellettualmente onesto (esistono?) non può che rispondere sì. Con amarezza, ma è sì.

Poi il Bayern si è deconcentrato, forse ha pensato di aver già chiuso i conti e ha sbagliato. La Juventus (anche grazie ai cambi) ha tirato fuori tutte le sue qualità migliori che sono il carattere, la grinta, la voglia di provarci sempre e comunque, di non mollare mai.

La Juve è una grande squadra e ha un grande gruppo e su questo siamo tutti d'accordo, ma (voglio sottolineare) in certe situazioni conosce solo il calcio dei poveri, si difende, lotta e riparte negli spazi. Questa è la sua caratteristica ma, secondo me, non le rende merito.

Come ha detto Guardiola, la Juventus ha giocatori di livello internazionale come Buffon, Pogba, Bonucci, Khedira, Marchisio, Dybala e ottimi elementi come Barzagli, Cuadrado, Evra, Mandzukic, Lichtsteiner, e proprio partendo da questo presupposto, io credo che la Juventus potrebbe avere una maggiore cultura calcistica e quindi un maggiore appeal. Un gioco più propositivo, una maggiore personalità. Se avesse un gioco più moderno, come il Napoli e la Fiorentina, con l'organico che si ritrova probabilmente avrebbe più chance soprattutto in Europa. Non ho mai pensato che questo Napoli e questa Fiorentina possano battere il Bayern, sono tecnicamente troppo lontani, ho portato ad esempio due modi di giocare molto propositivi senza perdere equilibrio, ma per chi non capisce o non vuol capire non c'è medicina.

Invece, difendersi e ripartire ci riporta un po' indietro. Se poi a qualcuno interessa solo il risultato, allora mi fermo. La Juve in Italia ha l'organico migliore, vince quindici partite di fila e non ha problemi di gioco o di non gioco. Chi guarda più avanti e vede il calcio internazionale, però capisce che una squadra capace di giocare solo negli spazi larghi, è limitata e limitante.

E' vero che la Roma col Bayern ha preso sette gol, ma quella Roma era solo presuntuosa. La Juve ne ha fatti due e presi due soli proprio per il suo equilibrio e il carattere, è ovvio che preferisco i bianconeri. Ma provare a vincere dall'inizio no?

Se guardo il Napoli, vedo un gioco migliore, più europeo. Non ditemi che la Juve ha battuto il Napoli, lo so. E che il Napoli è andato fuori dall'Europa League. Succede.

Parlando di calcio allo stato puro, credo che la squadra bianconera abbia un organico in grado di giocare anche in modo diverso, più divertente, più propositivo. Con un'altra cultura che vada oltre il trapattonismo riveduto e corretto.

Ho visto e applaudito grandi Juventus come quella di Lippi che sapevano difendere in undici con pressing e raddoppi, ma attaccavano anche in dieci, cercavano di imporre il gioco con grande intensità e continuità. Anche la Juve di Conte aveva una qualità di gioco superiore e maggiore personalità.

D'improvviso però scopro che a gran parte dei tifosi bianconeri va bene questo due a due che per me suona come una eliminazione anticipata e cercata. Almeno provate a giocare.

Una squadra come la Juve non può accontentarsi di mezz'ora da leone dopo un'ora da agnello, ha tutto per fare di più.

Il calcio comunque è strano e rispetto anche il coraggio o l'incoscienza di chi pensa che la Juve possa davvero battere il Bayern in casa dove i tedeschi non perdono da diversi anni. Allegri è giusto che lo dica, la Juve deve crederci, ma razionalmente mi sembra una mission impossible.

Non accuso Allegri, anche se per ridare un senso alla Juve è tornato in campionato al 3-5-2. Senza il trequartista si è adattato a un modulo che non ama, ma la Grande Rimonta è sotto gli occhi di tutti. Semplicemente la prima squadra della serie A, per me, con questo organico e se avesse un gioco diverso potrebbe sfidare i tedeschi con maggiore personalità.

Naturalmente spero di sbagliare e sarei felice con un bel catenaccio stile Inter di Helenio Herrera e gol in contropiede, ma temo che oggi questa cultura calcistica sia superata e in Europa regali sono soddisfazioni effimere come questo due a due pericolosissimo. Volete un dato? Bayern possesso palla 64 per cento, Juve 34 e giocava in casa. Basta così. Sono perle ai porci.

Devo ringraziare anche i tifosi dell'Inter. Pure loro, qualche tempo fa, mi dedicarono parecchie immeritate attenzioni. Perché? Semplicemente perché, tra i primi, mi permisi di sottolineare la delicata situazione economica dei nerazzurri e l'allarme rosso in caso di non partecipazione alla Champions. Cronaca senza commento. Ora che sono arrivati tutti e il caso è diventato internazionale, val la pena farsi qualche domanda. Come farà Thohir a far fronte a tutti gli impegni, compresi i riscatti di molti giocatori per un valore di circa 50 milioni? La vendita ipotizzata è stata smentita giusto ieri, ma nel comunicato dell'Inter c'è una contraddizione. A un certo punto Thohir ammette che ha dato mandato a Goldman Sachs di vendere quote. E chi entra in minoranza in una società con una situazione così difficile? Comunque c'è solo da prendere atto che Thohir, se servisse, è pronto a mettere ancora risorse proprie. Fino a quando? Nello stesso tempo prosegue la ricerca di partners commerciali. Ma c'è un altro nodo. In novembre (data prevista) se Moratti dovesse mettere in vendita il suo 30 per cento, per accordi Thohir dovrebbe rilevarlo. Valore 30 milioni. Che succederà? Fonti milanesi oscillano fra la possibile dismissione di Moratti e una sua affannosa ricerca fra amici e società varie , per cercare la possibilità di mettere in piedi una cordata per riprendere il controllo della società. Partita apertissima con la squadra in mezzo e un mercato che, come Thohir ha già annunciato, sarà limitato a tre-quattro elementi. Uno è Banega, un bel parametro zero low cost.

L'ultima conferma che abbiamo arriva dalla Nazionale. Contrariamente all'ingenuo e sconsiderato ottimismo di Tavecchio che ha sempre pensato di trattenere Conte in nazionale anche dopo l'Europeo, ora è chiaro anche a lui che il Ct se ne andrà. Dopo i vari colloqui avuti con diversi allenatori, il Chelsea ha stretto con Conte. Manca solo la firma, ma c'è un accordo formale. In nazionale chi andrà?

C'è il partito dello spendiamo poco, prendiamo un Bearzot, che vorrebbe portare Ventura in azzurro. Un altro, quello della visibilità, che tifa per Capello. Su questo nome molti sono scettici. Dopo aver fatto il ct dell'Inghilterra e della Russia, è giusto fargli allenare l'Italia? Ai poster l'ardua sentenza, direbbe Tavecchio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.