VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri, la rivincita di Marotta e il fallimento di Galliani. Milan, vendere unica soluzione. Il sistema non sta in piedi: l’80% dei club italiani non in regola

Direttore di Tuttomercatoweb e Sportitalia
04.05.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 70300 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

La Juventus vince il quarto scudetto consecutivo e nessuno se ne è accorto. Un brindisi negli spogliatoi di Genova, due foto su twitter e un comunicato sul sito. Champagne sì, ma senza bollicine ché c’è il Real Madrid alle porte. Vero, vincere aiuta a vincere ma diventa anche monotono. Lotti per un anno intero, alla ricerca di un traguardo, e quando lo ottieni con tanta semplicità neanche te lo gusti più. Immaginate se lo scudetto fosse andato a Roma o Napoli. Per tre mesi avrebbero festeggiato, un evento che si sarebbe trasformato in un pezzo di storia. Invece la Juventus non fa neanche più notizia. L’unica notizia è che i bianconeri vincevano non per merito di Conte ma per merito di un’organizzazione societeria che ha dato solidità e concretezza al progetto. Il calcio è divino. Quello che dici oggi non vale domani. Allegri non lo volevano a Torino, Marotta era un ebete che aveva fatto scappare Conte e dopo 9 mesi il parto. Conte è un traditore che non serviva a nulla perché vinceva grazie allo squadrone, Marotta vince sempre e le indovina tutte e Max Allegri ha le palle (cit Andrea Agnelli). La verità è che quando una squadra vince, lo fa perché la società è forte alle spalle. L’allenatore da solo non fa miracoli e non li fa neanche la squadra. Prendete l’esempio in B del Carpi. Castori è stato un grande ma il vero vincitore è Cristiano Giuntoli che negli anni ha costruito un gioiellino. Marotta, vecchio amico di Galliani, gli ha rubato tutti i trucchi del mestiere e ha vinto con gli scarti del Milan: Allegri esonerato e Pirlo rottamato. Di questo passo, la Juventus può vincere in Italia per altri 3-4 anni. Roma e Napoli hanno bisogno di rinforzi eccellenti, le milanesi (soprattutto l’Inter) stanno progettando ma serve ancora tempo ed il Milan è troppo indietro per pensare ad un futuro prossimo da vincente. La Juve ha vinto, comunque vada, con il Real Madrid. Due cose, da qui alla fine, sono fondamentali. Non uscire con risultati clamorosi dalla Champions, che sia in semifinale o finale, e vincere la Coppa Italia con la Lazio, Una cosa possiamo dirla: che noia questo campionato. Il peggiore degli ultimi anni, con verdetti scritti troppo in anticipo. Guardare la serie A ha lo stesso pathos del finale di “Mamma ho perso l’aereo” alla 125esima replica natalizia. Speravamo di divertirci con la lotta salvezza, nulla! Parma, Cesena e Cagliari ci hanno abbandonati prima del tempo. Ci resta la corsa Champions tra Roma, Lazio e Napoli. Vabbè, questo passa il convento. Ci siamo rifatti in Europa, allora, aspettiamo la settimana e non il week end. Tifiamo ad una clamorosa doppietta che sarebbe storica, nell’anno più mediocre del nostro campionato. Il teatrino Milan ancora non è finito. Berlusconi non vuole lasciare da perdente e lui che è sempre un giga avanti li ha incartati tutti. Mr Bee ha fatto la figura del turista per caso, a Milano, Fininvest ha messo i puntini sulle i e i cinesi navigano a vista per capire se davvero, un giorno, Berlusconi vorrà passare la mano. Vendere è l’unica soluzione, per cercare di portare liquidità e capitali freschi all’interno del club; Fininvest non può continuare a perdere milioni e milioni dietro al calcio e i tempi sono cambiati. Ci vogliono tanti soldi per ricostruire il Milan e, forse, Berlusconi non ha voglia, liquidità e soprattutto tempo. La situazione è drammatica per i tifosi. Un altro anno così, senza investimenti seri farebbe perdere l’ennesimo treno ai rossoneri. L’assenza in Europa è, ogni stagione, sempre più una catastrofe. Andare avanti con i tentativi, Seedorf e Inzaghi, non porta a nulla. In Italia il sistema non sta più in piedi. C’è poco da fare. Sabato sera Sassuolo-Palermo sembrava una partita di Lega Pro. Stadio vuoto, silenzio assoluto e pensare che quella partita era stata venduta anche all’estero. La Serie A ha perso notevolmente valore. Le piccole società che arrivano in serie A sono un esempio e un modello gestionale da seguire, quindi, il problema non sono loro, ma l’assenza delle grandi piazze porta ad un campionato sempre meno interessante. Non ci sono più colori né stadi pieni. Ripetiamo: il problema non sono i piccoli club ma una volta arrivavano in serie A uno alla volta e nascevano i miracoli Ascoli, Avellino, Messina, Pisa e Catania. Adesso ci ritroveremo un campionato con Chievo Verona, Sassuolo, Empoli, Carpi, forse il Frosinone… Lotito esprime male i suoi concetti ma rende l’idea. Club senza stadi o con stadi piccolissimi non aiutano a far crescere il sistema. Non possiamo permetterci una serie A senza i 60.000 di Bari, i 35.000 di Bologna, i 30.000 di Catania e così via. Il problema è come sempre a monte. Chi gestisce questo calcio non sa nulla di calcio. Andiamo per gradi, come stiamo facendo tutte le settimane. L’80% dei club italiani non è in regola, con modalità o tempistiche di pagamento. La Giustizia sportiva è un disastro e, come dice saggiamente il Prof Sandulli, è tutto da riformare. Non possiamo aspettare che, per puro caso, il Parma centri l’Europa League e viene bocciato dall’Uefa, per questo in Italia veniamo a sapere che a Parma qualcuno ha fatto disastri. Non possiamo iscrivere al campionato di serie B squadre con 25 e 12 milioni di euro di debiti, sperando che in 9 mesi arrivi lo Spirito Santo a salvarle, invece, puntualmente retrocedono dalla B alla Lega Pro per le montagne di debiti che hanno e per le penalizzazioni che devono scontare. Vedete dove sono Brescia e Varese, due club che non potevano iscriversi al campionato di serie B. Una volta si contavano le società con bilanci non in ordine, oggi, facciamo prima a verificare i club che pagano puntuale, senza giochi di prestigio e con i conti in ordine. Lazio, Juventus, Napoli, Udinese, Entella, Benevento, Salernitana, Fiorentina, Sassuolo, Empoli e pochi altri fortunati. In sintesi: esiste una sola vera riforma per far nascere il nostro calcio. La A a 18, B a 20 e Lega Pro con due gironi da 18. Tutti il resto a casa, per rendere davvero questi campionati professionistici. La Lega Pro oggi è messa peggio dei Dilettanti; almeni lì hanno privilegi fiscali non essendo Pro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.