VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Allegri, solo soletto a Milano. Derby, Rocchi: malcostume italiano. Cassazione, Moggi: libero solo in Europa. Mihajlovic: il saltello di chi vede lungo

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
12.09.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 45764 volte

Massimiliano Allegri ha presentato la sua app a Milano e non a Torino. Massimiliano Allegri ha presentato la sua app senza il contorno di dirigenti della Juventus, seguito comunque dalla bravissima e professionale Enrica Tarchi, ma alla presenza di un dirigente del Milan, Adriano Galliani. Cosa vuol dire? Tutto e niente, ma è certamente strano, curioso, inaspettato. Massimiliano Allegri non è l'ex allenatore del Milan. E' l'allenatore della Juventus, campione e supercampione d'Italia, vincitrice della coppa Italia e vice-campione d'Europa. Vero che l'ad Beppe Marotta era impegnato all'estero per le vicende ECA e UEFA, ma un po' più di Juventus e un po' più di Torino doveva esserci attorno ad Allegri. Dopo i distinguo e le sottili rettifiche sull'anno di transizione, ecco un altro particolare. Scollamento? Presto per dirlo e per pensarlo davvero. Ma, attenzione, nel calcio le crepe nascono dai piccoli dettagli e sempre nel calcio ci vuole molto a creare un blocco di granito a tutti i livelli, dal gruppo dei magazzinieri all'alta dirigenza, e basta poco per sfaldare tutto. Sensazioni, solo sensazioni.

Non saremo mai inglesi e sbagliamo a non esserlo. Ad ogni grande partita, il fuoco di sbarramento reciproco è un malvezzo italiano. Sbaglia chi da parte Inter ricorda le due espulsioni di Rocchi in Inter-Milan 2-0 del 2010 e sbaglia chi da parte Milan si sofferma su una statistica davvero sorprendente: Mancini mai sconfitto da allenatore nelle gare arbitrate da Rocchi e Milan che non vince da 13 gare con lo stesso fischietto fiorentino alla direzione della gara. Attenzione ad ambo le parti, perché Rocchi è un direttore di gara che sente le partite e se troppo strattonato alla vigilia e alle prese con qualche episodio difficile all'inizio della gara stessa, rischia di andare in emozione, in tensione, in sfiducia. Il derby di Milano è troppo patrimonio del calcio italiano ed europeo per rovinarlo preventivamente con le cattiverie sull'arbitro. Milano deve tenerlo presente. Milano, non una città qualunque: Milano.

Abbiamo cercato e ricercato. Spulciato e rispulciato. Nelle cronache del 10 Settembre, il giorno dopo la Cassazione calciopoliana. Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. E ancora Moggi, Moggi, Moggi, Lotito, Della Valle. Abbiamo preso la lente d'ingrandimento, cercato il contropotere che ossessionava Guido Rossi e Francesco Saverio Borrelli. Cercato e ricercato. Niente, nemmeno un capello di Meani e un mugugno di Galliani. La Cassazione ha negato un ruolo al Milan e lo ha trasformato nel grande assente del redde rationem. E quelli per cui Berlusconi è ormai Cassazione, si sono trasformati al volo in quelli che ma che ne sa la Cassazione. Bene, non avevamo dubbi. Polemiche? Livore? Niente di tutto questo. Dio vede e provvede, è la filosofia, la fede. Tanto è vero che un anno dopo l'arancia meccanica di Calciopoli, il Milan ha vinto proprio i trofei in cui una spintarella dell'Altissimo è sempre necessaria: Coppa dei Campioni, Supercoppa Europea, Mondiale per Club. Il Milan, quel Milan. Che era libero di esprimersi per vincere davvero solo in Europa. Mai nessuna italiana è mai arrivata davanti al Milan in Europa in quei cinque anni, dal 2002 al 2007: Milan vittorioso in Champions nel 2003, Quarti di finale nel 2004, Finale nel 2005, Semifinale nel 2006 e ancora vittorioso nel 2007. Milan primo delle italiane, in Europa....in Italia no. In Italia c'era un altro strapotere. Ben diverso da quello del Milan e dello stesso buon presidente Giacinto Facchetti che il giudice Magi non può mai paragonare, e infatti non lo ha fatto, all'unico e vero Sistema. Piaccia o non piaccia ai moggiani di penna e di microfono: massimo rispetto sempre per la trasparenza di chi si dichiara, molto meno per chi tiene nascosto tutto dietro qualche sorrisetto.

Leonardo va all'Inter dopo 13 anni di Milan, il Sito ufficiale dell'Inter non nomina il Milan nella sua presentazione e non succede nulla, nessuno dice nulla. Sinisa Mihajlovic va al Milan dopo aver allenato la Sampdoria e dopo 4 anni ormai alle spalle di Inter, il Sito del Milan fa più o meno la stessa cosa e succede il finimondo. Mica è finita: Leonardo e Cassano si dimostrano uomini liberi rispettivamente nei confronti di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani e sotto i pezzi, sotto le corrispondenza, si percepisce quel plauso che trasforma tutto in schiaffi al Milan. Sinisa Mihajlovic fa due saltelli sorridenti e per gioco, e diventa subito l'apostata che calpesta il passato e fa cose choc. Non è vittimismo. E' cronaca. I tifosi del Milan hanno capito che è la preparazione dell'ambientino per la sera del derby. Mihajlovic lo sapeva da due settimane. E' proprio da due settimane infatti che dice alla sua squadra di giocare il derby con una sola dote: il coraggio. Ci aveva visto lungo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.