VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
17.09.2017 09:24 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 38440 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri, appunto, che a conti fatto rappresentano la più grande delusione dell'ultima stagione. E la Fiorentina, che era ai ferri corti con il portoghese Paulo Sousa già da un anno e aveva la necessità riconosciuta da tutti di cambiare guida tecnica.
Potevano cambiare solo due allenatori, si sono avvicendati in quattro. Perché l'Inter ha dovuto virare sull'allenatore della Roma e i giallorossi, per forza di cose, sono stati costretti a salutare Luciano Spalletti. A quel punto il piccolo valzer s'è completato con Monchi che ha preso Di Francesco dal Sassuolo e i neroverdi che hanno pescato Bucchi dalla Serie B.
Quattro cambi su venti. Esattamente la metà rispetto alla stagione precedente quando ai nastri di partenza le venti squadre di Serie A si presentarono con otto volti nuovi in panchina.
I nostri presidenti, insomma, hanno probabilmente invertito il trend: basta cambiare tanto per cambiare. E' una moda passata, confermata anche da un altro dato: dopo tre giornate nella passata stagione erano saltati già due tecnici, adesso siamo ancora a zero. Qualcuno già rischia, certo. Ma intanto c'è da registrare che in Serie A le panchine non saltano più come quelle del 'miglior' Palermo di Zamparini.
Detto ciò, ecco una analisi per sottoinsiemi dei 20 tecnici di Serie A

IL PODIO - Due finali di Champions League negli ultimi tre anni, tre Scudetti, altrettante vittorie in Coppa Italia e non solo. Massimiliano Allegri è giustamente l'allenatore più pagato del nostro campionato: s'è guadagnato in un triennio la fiducia totale della dirigenza della Juventus tanto da entrare nel merito anche delle decisioni più scomode, tra cui l'allontanamento di Bonucci.
Alle sue spalle, i due allenatori che più di tutti gli altri in questo campionato proveranno a dargli fastidio nella corsa Scudetto. Da un lato Maurizio Sarri, un pragmatico esteta che permette al suo Napoli di esprimersi su livelli sublimi; dall'altro Luciano Spalletti, altro toscano doc che, dopo aver trascinato la Roma fino al secondo posto in condizioni ambientali avverse, ha ripristinato ordine e regole in casa Inter.

I SOTTOVALUTATI - Chiamato quasi per caso dopo esser stato piazzato sempre da Claudio Lotito alla Salernitana, Simone Inzaghi si sta rivelando uno straordinario allenatore. Ha una capacità quasi unica di saper disegnare la sua squadra sui punti deboli degli avversari e una rara capacità di lettura del match durante i 90 minuti.
Appartiene a questo sottoinsieme anche Gian Piero Gasperini. Perché non è in una big? Perché l'Inter decise di bruciarlo ancor prima di testarlo realmente. Ma l'allenatore di Grugliasco resta un tattico meraviglioso, capace di far esprimere con autorevolezza da big compagini di medio livello.
Poche spiegazioni, con tutto il rispetto per i clivensi e i suoi tifosi, anche sul fatto che nessuno ad alti livelli punti su un tecnico come Rolando Maran. Il Chievo ogni estate è posizionato nelle griglie di partenza tra le ultime tre, poi osservi l'organizzazione e la disciplina con cui scende in campo e ti spieghi il perché nella lotta salvezza non viene mai coinvolto.

LA MERITANO DAVVERO? - Tante dichiarazioni forti, tanto carisma, ma risultati finali che lasciano più di un punto di domanda. Il Torino questa estate ha costruito una squadra da Europa League, più forte di Fiorentina e Sampdoria. Ma Sinisa Mihajlovic è l'allenatore giusto per guidare i granata tra le prime sette posizioni? Rimandato nella passata stagione, adesso dovrà dimostrarsi all'altezza del compito.
Ancor più difficile e affascinante la sfida che attende la nuova guida della Roma Eusebio Di Francesco, alla sua prima esperienza in una big dopo la lunga parentesi al Sassuolo. L'inizio non è stato dei migliori e la Capitale non ti concede gli stessi tempi della tranquilla Emilia: sarà all'altezza del compito?

ADESSO I RISULTATI - Ha rappresentato il trait d'union tra la vecchia e la nuova proprietà, ma adesso Vincenzo Montella non potrà più cavarsela con un sesto posto come quello della passata stagione. La società gli ha chiesto di entrare almeno tra le prime quattro e dopo i tanti milioni di euro spesi in estate non ci sono più attenuanti.
Sempre difesi dalle proprietà, ma in dovere di dimostrare qualcosa in più rispetto al recente passato anche alti due tecnici di Serie A: Luigi Delneri e Roberto Donadoni.

CHI PUO' APRIRE UN CICLO - Spesso criticato nel passato campionato per il gioco quasi mai brillante e i tanti gol subiti, Massimo Rastelli ha avuto il merito di portare un Cagliari neopromosso a ridosso della parte sinistra della classifica. Con lui i rossoblù possono portare avanti un ciclo che è iniziato dalla cadetteria e che, se i risultati continuano ad essere questi, può durare ancora a lungo.
A Firenze c'è grande fiducia nei confronti di Stefano Pioli. Reduce dalla tribolata avventura all'Inter, il tecnico emiliano è sbarcato nella piazza giusta al momento giusto, in una Firenze calcistica che riparte dal basso per ricostruire qualcosa di importante in due-tre anni. Può durare a lungo anche il sodalizio Sassuolo-Cristian Bucchi: in Emilia ci sono le risorse e la pazienza necessaria per portare avanti senza troppe pressioni l'intrigante lavoro del tecnico romano.

IN RAMPA DI LANCIO - Prima l'Empoli, poi la Sampdoria. Marco Giampaolo dopo diverse annate sfortunate o fallimentari ha inanellato due campionati straordinari che la scorsa estate hanno richiamato l'attenzione di qualche big. Il tecnico di Bellinzona in assenza di offerte concrete ha però deciso di rinforzare il rapporto con la Sampdoria con il rinnovo, consapevole che un'altra stagione sopra le righe sarà il preludio al terzo salto di qualità in quattro anni.
Autore nella Serie A 2016/17 di una delle più appassionanti rimonte alla guida del Crotone, Davide Nicola quest'anno dovrà ripetere un miracolo che, se possibile, sarà ancora più complesso. A prescindere dalla valenza tecnica dei suoi giocatori, piace l'organizzazione con cui i pitagorici scendono in campo grazie all'allenatore classe '73. Un discorso replicabile anche per Leonardo Semplici: a San Siro contro l'Inter la sua SPAL ha dimostrato che dal punto di vista del gioco è due-tre-quattro passi avanti rispetto alle altre neopromosse.

CHI RISCHIA - Carrellata da chiudere con chi già dipende dai prossimi risultati. In cima alla lista c'è Fabio Pecchia, tecnico che non ha convinto nemmeno nella stagione che è valsa la promozione in Serie A e sembra incapace di dare un gioco al suo Hellas Verona.
Poi c'è il Benevento, l'unica compagine ancora a zero punti. La squadra di Marco Baroni è tutta in costruzione, si sono visti dei piccoli passi in avanti, ma servono anche i primi risultati per evitare il ribaltone.
Curiosa infine la situazione in cui si trova Ivan Juric: esonerato un anno fa, poi richiamato e adesso di nuovo in discussione. Situazione non sorprendente se il tuo presidente Preziosi, uno degli ultimi patron (in uscita) convinto che cambiare tecnico sia sempre e comunque la soluzione giusta nei momenti di difficoltà. Per fortuna, il vento sta cambiando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Morata e altri “miracoli” (ma l’Uefa chiude gli occhi). Inter: un guaio ricorrente e lo strano caso De Vrij. Milan: terremoto Gattuso, a un anno dal closing. Napoli: per i fischi c’è ancora tempo 10.04 - Per prima cosa procedo con l’esperimento. Tutti i lunedì notte da ormai dieci anni spedisco le mie cose al valido Alessio Alaimo. Lui mi odia perché gli mando i pezzi alle 23.55 e magari sta facendo fiki-fiki, oppure è legittimamente ubriaco, oppure ha sonno. A volte mi dice “per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.