HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
17.09.2017 09:24 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 38520 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri, appunto, che a conti fatto rappresentano la più grande delusione dell'ultima stagione. E la Fiorentina, che era ai ferri corti con il portoghese Paulo Sousa già da un anno e aveva la necessità riconosciuta da tutti di cambiare guida tecnica.
Potevano cambiare solo due allenatori, si sono avvicendati in quattro. Perché l'Inter ha dovuto virare sull'allenatore della Roma e i giallorossi, per forza di cose, sono stati costretti a salutare Luciano Spalletti. A quel punto il piccolo valzer s'è completato con Monchi che ha preso Di Francesco dal Sassuolo e i neroverdi che hanno pescato Bucchi dalla Serie B.
Quattro cambi su venti. Esattamente la metà rispetto alla stagione precedente quando ai nastri di partenza le venti squadre di Serie A si presentarono con otto volti nuovi in panchina.
I nostri presidenti, insomma, hanno probabilmente invertito il trend: basta cambiare tanto per cambiare. E' una moda passata, confermata anche da un altro dato: dopo tre giornate nella passata stagione erano saltati già due tecnici, adesso siamo ancora a zero. Qualcuno già rischia, certo. Ma intanto c'è da registrare che in Serie A le panchine non saltano più come quelle del 'miglior' Palermo di Zamparini.
Detto ciò, ecco una analisi per sottoinsiemi dei 20 tecnici di Serie A

IL PODIO - Due finali di Champions League negli ultimi tre anni, tre Scudetti, altrettante vittorie in Coppa Italia e non solo. Massimiliano Allegri è giustamente l'allenatore più pagato del nostro campionato: s'è guadagnato in un triennio la fiducia totale della dirigenza della Juventus tanto da entrare nel merito anche delle decisioni più scomode, tra cui l'allontanamento di Bonucci.
Alle sue spalle, i due allenatori che più di tutti gli altri in questo campionato proveranno a dargli fastidio nella corsa Scudetto. Da un lato Maurizio Sarri, un pragmatico esteta che permette al suo Napoli di esprimersi su livelli sublimi; dall'altro Luciano Spalletti, altro toscano doc che, dopo aver trascinato la Roma fino al secondo posto in condizioni ambientali avverse, ha ripristinato ordine e regole in casa Inter.

I SOTTOVALUTATI - Chiamato quasi per caso dopo esser stato piazzato sempre da Claudio Lotito alla Salernitana, Simone Inzaghi si sta rivelando uno straordinario allenatore. Ha una capacità quasi unica di saper disegnare la sua squadra sui punti deboli degli avversari e una rara capacità di lettura del match durante i 90 minuti.
Appartiene a questo sottoinsieme anche Gian Piero Gasperini. Perché non è in una big? Perché l'Inter decise di bruciarlo ancor prima di testarlo realmente. Ma l'allenatore di Grugliasco resta un tattico meraviglioso, capace di far esprimere con autorevolezza da big compagini di medio livello.
Poche spiegazioni, con tutto il rispetto per i clivensi e i suoi tifosi, anche sul fatto che nessuno ad alti livelli punti su un tecnico come Rolando Maran. Il Chievo ogni estate è posizionato nelle griglie di partenza tra le ultime tre, poi osservi l'organizzazione e la disciplina con cui scende in campo e ti spieghi il perché nella lotta salvezza non viene mai coinvolto.

LA MERITANO DAVVERO? - Tante dichiarazioni forti, tanto carisma, ma risultati finali che lasciano più di un punto di domanda. Il Torino questa estate ha costruito una squadra da Europa League, più forte di Fiorentina e Sampdoria. Ma Sinisa Mihajlovic è l'allenatore giusto per guidare i granata tra le prime sette posizioni? Rimandato nella passata stagione, adesso dovrà dimostrarsi all'altezza del compito.
Ancor più difficile e affascinante la sfida che attende la nuova guida della Roma Eusebio Di Francesco, alla sua prima esperienza in una big dopo la lunga parentesi al Sassuolo. L'inizio non è stato dei migliori e la Capitale non ti concede gli stessi tempi della tranquilla Emilia: sarà all'altezza del compito?

ADESSO I RISULTATI - Ha rappresentato il trait d'union tra la vecchia e la nuova proprietà, ma adesso Vincenzo Montella non potrà più cavarsela con un sesto posto come quello della passata stagione. La società gli ha chiesto di entrare almeno tra le prime quattro e dopo i tanti milioni di euro spesi in estate non ci sono più attenuanti.
Sempre difesi dalle proprietà, ma in dovere di dimostrare qualcosa in più rispetto al recente passato anche alti due tecnici di Serie A: Luigi Delneri e Roberto Donadoni.

CHI PUO' APRIRE UN CICLO - Spesso criticato nel passato campionato per il gioco quasi mai brillante e i tanti gol subiti, Massimo Rastelli ha avuto il merito di portare un Cagliari neopromosso a ridosso della parte sinistra della classifica. Con lui i rossoblù possono portare avanti un ciclo che è iniziato dalla cadetteria e che, se i risultati continuano ad essere questi, può durare ancora a lungo.
A Firenze c'è grande fiducia nei confronti di Stefano Pioli. Reduce dalla tribolata avventura all'Inter, il tecnico emiliano è sbarcato nella piazza giusta al momento giusto, in una Firenze calcistica che riparte dal basso per ricostruire qualcosa di importante in due-tre anni. Può durare a lungo anche il sodalizio Sassuolo-Cristian Bucchi: in Emilia ci sono le risorse e la pazienza necessaria per portare avanti senza troppe pressioni l'intrigante lavoro del tecnico romano.

IN RAMPA DI LANCIO - Prima l'Empoli, poi la Sampdoria. Marco Giampaolo dopo diverse annate sfortunate o fallimentari ha inanellato due campionati straordinari che la scorsa estate hanno richiamato l'attenzione di qualche big. Il tecnico di Bellinzona in assenza di offerte concrete ha però deciso di rinforzare il rapporto con la Sampdoria con il rinnovo, consapevole che un'altra stagione sopra le righe sarà il preludio al terzo salto di qualità in quattro anni.
Autore nella Serie A 2016/17 di una delle più appassionanti rimonte alla guida del Crotone, Davide Nicola quest'anno dovrà ripetere un miracolo che, se possibile, sarà ancora più complesso. A prescindere dalla valenza tecnica dei suoi giocatori, piace l'organizzazione con cui i pitagorici scendono in campo grazie all'allenatore classe '73. Un discorso replicabile anche per Leonardo Semplici: a San Siro contro l'Inter la sua SPAL ha dimostrato che dal punto di vista del gioco è due-tre-quattro passi avanti rispetto alle altre neopromosse.

CHI RISCHIA - Carrellata da chiudere con chi già dipende dai prossimi risultati. In cima alla lista c'è Fabio Pecchia, tecnico che non ha convinto nemmeno nella stagione che è valsa la promozione in Serie A e sembra incapace di dare un gioco al suo Hellas Verona.
Poi c'è il Benevento, l'unica compagine ancora a zero punti. La squadra di Marco Baroni è tutta in costruzione, si sono visti dei piccoli passi in avanti, ma servono anche i primi risultati per evitare il ribaltone.
Curiosa infine la situazione in cui si trova Ivan Juric: esonerato un anno fa, poi richiamato e adesso di nuovo in discussione. Situazione non sorprendente se il tuo presidente Preziosi, uno degli ultimi patron (in uscita) convinto che cambiare tecnico sia sempre e comunque la soluzione giusta nei momenti di difficoltà. Per fortuna, il vento sta cambiando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy