HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Allenatori sull’orlo di una crisi di nervi: Spalletti e quell’unica cosa che lo può salvare; Allegri e il caso Dybala; Di Francesco e una sentenza quasi scritta. Gattuso e Ancelotti ridono, protetti dalla società

06.02.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 17992 volte

Come diceva Trapattoni, gli allenatori si dividono in due categorie: quelli che sono stati esonerati, e quelli che lo saranno.
E febbraio è un buon momento per mettere a friggere un allenatore e il suo destino, visto che certe situazioni cominciano a non avere ritorno.
Il problema quest’anno è che con la lotta scudetto già bella che andata già a gennaio (sì vabbè, credeteci pure ai 3 gol del Parma), ogni altra grande ha a che fare con una delusione da portarsi in corpo, e ogni errore in più è un paragrafo che si aggiunge alla nota di licenziamento.
Paradossalmente, un campionato così scontato è controproducente anche per Allegri stesso, perché ogni piccola normale esitazione è una pistola puntata. Ma ci arriveremo dopo.

Perché ovviamente l’allenatore del giorno è Luciano Spalletti, che ha un lavoro più precario di noi giornalisti millenial (per quanto meglio retribuito).
Tre frecciate lanciate sottotraccia a Marotta, significano che c’è ovvio malcontento verso la dirigenza da parte di Spalletti. E quando la situazione è così tra allenatore e dirigenza, può finire solo in una maniera.
Però il povero Spalletti è pur sempre ancora terzo, e lo è sempre stato stabilmente. Ma considerato che quest’anno la qualificazione in Champions è dovuta, rispetto all’anno scorso in cui era da conquistare, allora è difficile pensare a una prossima stagione con lui ancora in panchina.
Forse lo terrebbe lì solo la vittoria dell’Europa League, perché a quel punto sarebbe andato oltre le aspettative. Il nome di Antonio Conte è un non segreto, ma il fatto che l’Inter grazie a Marotta sia in vantaggio rispetto a tutte le altre, non è comunque una condizione sufficiente.
C’è da aggiungere anche che l’Inter già due anni fa aveva trattato intensamente con Conte, e che è probabilmente l’unica società che potrebbe pagare i 10 milioni d’ingaggio, ma Conte questa estate sarà su piazza il miglior fico del bigoncio (dopo Zidane) e allora tutto è ancora da decidere.

Incredibilmente la situazione si complica anche per Allegri. Incredibile quando hai 9 punti di vantaggio e 19 vittorie e 3 pareggi in 22 giornate. Sarà perché si avvicina la Champions, e alla Juventus si comincia a perdere la tranquillità, e ci si rende conto che in difesa si è lasciato che il buco si allargasse. Ma nel frattempo si apre anche il caso Dybala: niente di irreparabile per carità, ma quando alla Juve ci si permette di lasciare la panchina a partita in corso come ha fatto Dybala, vuol dire che ci sono sempre delle conseguenze, e probabilmente della cenere nascosta sotto il tappeto.
Già in passato la Juventus ha rimediato a situazioni ben più intricate, ma è anche vero che da sempre il modus operandi della dirigenza è stato intervenire poi a tempo debito con una cessione del soggetto interessato (da intavolare con il Real Madrid uno scambio con Isco alla pari o quasi, magari fregando il Manchester City?). Quindi chissà che il tempo di Dybala alla Juve sia scaduto (aiutato anche dai soli 2 gol segnati in campionato, e dal rendimento crollato), ma certo Allegri avrebbe largamente evitato di tirare fuori per lui sgabelli a questo punto della stagione.

Forse se la Roma avesse perso contro il Milan, Di Francesco sarebbe stato già licenziato. O forse no.
Perché Paulo Sousa continua a essere l’unica alternativa possibile, ma se non è stata ancora mai attivata nonostante le varie occasioni, vuol dire che non ci si crede del tutto. E perché per i conti la Champions è tutto, e allora c’è una prima cambiale a scadenza per Di Francesco, ed è il Porto: fino all’esito degli Ottavi di finale, il suo futuro non si tocca. Dopo, potrebbe essere toccato anche il suo presente.

Chi paradossalmente sorride sono Gattuso e Ancelotti. Uno è sopravvissuto a un dicembre rosso sangue, e adesso vede la squadra crescere domenica dopo domenica. Ma l’ha fatto soprattutto grazie all’appoggio della società, e di Maldini in particolare, che ha creduto e appoggiato la mozione della continuità, sottraendo anche alibi ai giocatori.
Così come Ancelotti, che in verità avrebbe motivi per essere criticabile, fuori dalla Champions e mai sembrato davvero in corsa per lo scudetto, ma anche lui totalmente appoggiato dalla proprietà, a cui con uguale comprensione non ha piantato grane per la perdita di Hamsik a metà stagione.
Situazioni simili - ma solo per ora: perché Ancelotti sa già che la prossima stagione continuerà a essere all’ombra del Vesuvio, protetto anche dal suo stipendio; per Gattuso invece, è meglio concentrarsi sul qui e ora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510