HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
Editoriale

Allenatori sull’orlo di una crisi di nervi: Spalletti e quell’unica cosa che lo può salvare; Allegri e il caso Dybala; Di Francesco e una sentenza quasi scritta. Gattuso e Ancelotti ridono, protetti dalla società

06.02.2019 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 17947 volte

Come diceva Trapattoni, gli allenatori si dividono in due categorie: quelli che sono stati esonerati, e quelli che lo saranno.
E febbraio è un buon momento per mettere a friggere un allenatore e il suo destino, visto che certe situazioni cominciano a non avere ritorno.
Il problema quest’anno è che con la lotta scudetto già bella che andata già a gennaio (sì vabbè, credeteci pure ai 3 gol del Parma), ogni altra grande ha a che fare con una delusione da portarsi in corpo, e ogni errore in più è un paragrafo che si aggiunge alla nota di licenziamento.
Paradossalmente, un campionato così scontato è controproducente anche per Allegri stesso, perché ogni piccola normale esitazione è una pistola puntata. Ma ci arriveremo dopo.

Perché ovviamente l’allenatore del giorno è Luciano Spalletti, che ha un lavoro più precario di noi giornalisti millenial (per quanto meglio retribuito).
Tre frecciate lanciate sottotraccia a Marotta, significano che c’è ovvio malcontento verso la dirigenza da parte di Spalletti. E quando la situazione è così tra allenatore e dirigenza, può finire solo in una maniera.
Però il povero Spalletti è pur sempre ancora terzo, e lo è sempre stato stabilmente. Ma considerato che quest’anno la qualificazione in Champions è dovuta, rispetto all’anno scorso in cui era da conquistare, allora è difficile pensare a una prossima stagione con lui ancora in panchina.
Forse lo terrebbe lì solo la vittoria dell’Europa League, perché a quel punto sarebbe andato oltre le aspettative. Il nome di Antonio Conte è un non segreto, ma il fatto che l’Inter grazie a Marotta sia in vantaggio rispetto a tutte le altre, non è comunque una condizione sufficiente.
C’è da aggiungere anche che l’Inter già due anni fa aveva trattato intensamente con Conte, e che è probabilmente l’unica società che potrebbe pagare i 10 milioni d’ingaggio, ma Conte questa estate sarà su piazza il miglior fico del bigoncio (dopo Zidane) e allora tutto è ancora da decidere.

Incredibilmente la situazione si complica anche per Allegri. Incredibile quando hai 9 punti di vantaggio e 19 vittorie e 3 pareggi in 22 giornate. Sarà perché si avvicina la Champions, e alla Juventus si comincia a perdere la tranquillità, e ci si rende conto che in difesa si è lasciato che il buco si allargasse. Ma nel frattempo si apre anche il caso Dybala: niente di irreparabile per carità, ma quando alla Juve ci si permette di lasciare la panchina a partita in corso come ha fatto Dybala, vuol dire che ci sono sempre delle conseguenze, e probabilmente della cenere nascosta sotto il tappeto.
Già in passato la Juventus ha rimediato a situazioni ben più intricate, ma è anche vero che da sempre il modus operandi della dirigenza è stato intervenire poi a tempo debito con una cessione del soggetto interessato (da intavolare con il Real Madrid uno scambio con Isco alla pari o quasi, magari fregando il Manchester City?). Quindi chissà che il tempo di Dybala alla Juve sia scaduto (aiutato anche dai soli 2 gol segnati in campionato, e dal rendimento crollato), ma certo Allegri avrebbe largamente evitato di tirare fuori per lui sgabelli a questo punto della stagione.

Forse se la Roma avesse perso contro il Milan, Di Francesco sarebbe stato già licenziato. O forse no.
Perché Paulo Sousa continua a essere l’unica alternativa possibile, ma se non è stata ancora mai attivata nonostante le varie occasioni, vuol dire che non ci si crede del tutto. E perché per i conti la Champions è tutto, e allora c’è una prima cambiale a scadenza per Di Francesco, ed è il Porto: fino all’esito degli Ottavi di finale, il suo futuro non si tocca. Dopo, potrebbe essere toccato anche il suo presente.

Chi paradossalmente sorride sono Gattuso e Ancelotti. Uno è sopravvissuto a un dicembre rosso sangue, e adesso vede la squadra crescere domenica dopo domenica. Ma l’ha fatto soprattutto grazie all’appoggio della società, e di Maldini in particolare, che ha creduto e appoggiato la mozione della continuità, sottraendo anche alibi ai giocatori.
Così come Ancelotti, che in verità avrebbe motivi per essere criticabile, fuori dalla Champions e mai sembrato davvero in corsa per lo scudetto, ma anche lui totalmente appoggiato dalla proprietà, a cui con uguale comprensione non ha piantato grane per la perdita di Hamsik a metà stagione.
Situazioni simili - ma solo per ora: perché Ancelotti sa già che la prossima stagione continuerà a essere all’ombra del Vesuvio, protetto anche dal suo stipendio; per Gattuso invece, è meglio concentrarsi sul qui e ora.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la pressione della Champions e una montagna da scalare Icardi: tra visite e fascia è iniziata la partita a scacchi 21.02 - La montagna da scalare più alta di quanto si possa immaginare. Nulla è impossibile nel calcio e i record sono fatti per essere battuti... però i numeri ti aiutano a capire quanto sia pesante il risultato arrivato ieri. Simeone non è mai uscito dalla Champions League dopo aver vinto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Icardi-Inter: forse non è solo ciò che ci hanno detto, e forse non è colpa di Marotta. Ecco la lotta di potere in cui si sono trovati in mezzo dirigente e giocatore. E ci sono già Chelsea e Juventus. Dybala a Madrid, e non giocherà nell’Inter 20.02 - Dire qualcosa che non sia stato ancora detto, scritto e pensato sul caso Icardi è quasi impossibile. E quasi tutti rimarranno della loro opinione, colpevolisti o innocentisti. Personalmente, penso che la società abbia sbagliato a togliere la fascia da capitano, a creare una frattura...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510