VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Altro che vicina, la Cina è lontana. Ecco cosa è successo a Luiz Adriano, le conseguenze per Inter e Roma. Fiorentina scatenata, Samp pure...

21.01.2016 07:47 di Luca Marchetti   articolo letto 104699 volte
© foto di Federico De Luca

I soldi dei cinesi sconvolgono il mercato italiano. Vero verissimo. Ma vale anche il contrario. E quindi il diritto di recesso, se così vogliamo chiamarlo, di Luiz Adriano sconvolge il mercato del Milan. Le conseguenze per le operazioni che aveva in testa Galliani sono molto importanti, per non dire decisive.
Intanto non ci sono più i 15 milioni di euro del trasferimento. Poi non c'è più lo spazio per fare un'operazione in attacco (o comunque sull'esterno). E poi El Shaarawy non torna più a Milano: se vuole andare a giocare dovrà farlo direttamente dal principato. E non è detto che sia per forza Roma perché le conseguenze del no di Luiz Adriano sono a cascata anche sugli altri giocatori in trattativa con lo Jiangsu Suning ovvero Guarin e Gervinho. E proprio Gervinho era la chiave per il trasferimento del Faraone a Roma. Quindi potenzialmente il Milan perde anche i soldi del trasferimento (praticamente a titolo definitivo) di El Shaarawy. Altri 12 milioni più o meno. Possiamo anche dire che il Milan, almeno in questa finestra di mercato, fortunato non è stato. Di sicuro: prima la vicenda con il Monaco che in maniera anomala decide di non far fare più neanche un minuto all'attaccante italiano per non dover spendere i soldi del riscatto. Poi questa storia di Luiz Adriano. Da quasi 30 milioni in tasca a zero. Con anche Diego Lopez che rifiuta il Besiktas (chiedendo praticamente il doppio dell'ingaggio) il quadro è completo.
Il Milan al momento rinuncia anche ad El Ghazi. Ora vedremo che succede con El Shaarawy (lo sta corteggiando di nuovo il Genoa, e potrebbe anche essere una soluzione praticabile visto che altrimenti non giocherebbe neanche una gara, nell'anno dell'Europeo) ma la strada cinese per Luiz Adriano sembra definitivamente compromessa. Ma cosa è successo? Dalle ricostruzioni fatte abbiamo capito che non sono tornati alcuni importi divisi fra stipendi e diritti di immagine e quindi alcune garanzie sul compenso finale. Questione di soldi. Come per soldi è andato via, per soldi è tornato.
E quindi ora che succede con Guarin e Gervinho? Succede che le richieste che faranno Guarin e Gervinho dovranno essere "blindate". Insomma garanzie potremmo dire doppie. E infatti il colombiano ora vorrebbe che le sue richieste (accettate a voce) vengano mandate entro 48 ore le risposte ufficiali del Jiangsu Suning. Questo rallentamento ha bloccato, chiaramente, le chiacchierate fra Inter e Samp. Avrebbero dovuto parlare con più serenità del possibile trasferimento in nerazzurro di Soriano: ma ora meglio aspettare. Quindi sì a Dodo (che diventerà per sei mesi blucerchiato), attesa per Ranocchia che vuole giocare per conquistarsi l'Europeo a suon di minuti giocati (ma qui l'Inter dovrebbe prendere un difensore prima di lasciarlo andare e non è una cosa semplice o di poco conto). Tutto in stand by Soriano (ed eventualmente anche Eder). Ah, a proposito di attaccanti: i procuratori di Lavezzi (Moggi e Mazzoni) sono stati a parlare con il Chelsea: iscriviamo anche gli inglesi alla corsa per il Pocho, la concorrenza aumenta.
Alla Roma oltre a risolvere la triangolazione degli attaccanti (Gervinho, Perotti, El Shaarawy) c'è la grana difesa. La prima scelta dietro è Caceres, che non rinnova con la Juve. I contatti con il suo procuratore Fonseca sono continui, lui sabato arriverà in Italia, ora però bisognerà convincere la Juventus. E Doumbia sta per partire di nuovo, direzione Marsiglia.
Il Napoli pure continua a cercare un difensore. E visto che Maksimovic sembra irraggiungibile (almeno per gennaio) ecco che i nomi arrivano sempre da Empoli. Oltre a Barba si farà un tentativo con Tonelli. Gli agenti sono stati a Castelvolturno, naturalmente c'è la disponibilità, ma l'Empoli non è proprio d'accordo! Quindi sarà difficile che si sposti lui, più facile Barba (che peraltro è in scadenza 2017 e ha già deciso di non rinnovare). Per Grassi passi in avanti: con l'Atalanta nessun problema (anche se la Fiorentina e il Milan continuano a monitorare la situazione) si stanno risolvendo anche le pendenze con gli sponsor personali del ragazzo.
Scatenata Fiorentina: intanto Cigarini è l'ultima idea a centrocampo. Pronti 2 milioni e mezzo (magari anche con Matos nell'operazione che interessa ai bergamaschi). In attacca sempre più vicino Zarate: l'accordo con il West Ham c'è: operazione da 2 milioni di euro ora bisogna trovare l'accordo economico con il ragazzo (che deve rinunciare a qualcosa per tornare a giocare in Italia) e che nel frattempo deve risolvere dei piccoli problemi burocratici con il suo club. Appena arriva Zarate può partire Giuseppe Rossi che voleva soltanto andare a giocare: lo farà nel Levante (che chiude l'operazione in sinergia con il Villarreal). Piace anche Caprari come investimento per il futuro: magari lo compra la Fiorentina e lo lascia a Pescara fino al termine della stagione.
Il Genoa decide di puntare su Floro Flores (che il Sassuolo non vuole dare e che è corteggiato anche dal Frosinone, dove giocherebbe titolare) oppure Borriello (e anche qui sarebbe un ritorno).
All'Atalanta la rivoluzione al centrocampo continua: occhi su Nocerino se dovesse partire Cigarini. E soprattutto l'operazione della giornata l'ha fatta con il Milan. Preso Petagna per un milione di euro con bonus (fino ad arrivare a 5 milioni) legati al rendimento del giocatore con la maglia nerazzurra addosso. Petagna rimarrà a giocare ad Ascoli (dove sta facendo bene) e sarà un giocatore dell'Atalanta a partire dal prossimo luglio: insomma anche a Bergamo guardano al futuro. Ma guardano anche a un grande giocatore cercato da Napoli e Milan negli anni passati: Leandro Damiao che ora è svincolato (ma la concorrenza è molto forte). Il Toro aveva valutato la possibilità di prendere Sirigu (ma è praticamente impossibile), l'Empoli (dovesse partire Barba) potrebbe pensare a Magnusson per sostituirlo, il Chievo ha ufficializzato Spolli, il Sassuolo Trotta. Il Carpi e Il Verona si sono visti per parlare di Siligardi e Marrone: ancora non tornano le cifre ma si continuerà a parlare di questo scambio.
Si entra negli ultimi 10 giorni di mercato: cinesi o meno, sarà scoppiettante. Tenetevi forte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.