VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Ancelotti, il Milan ora ha una soluzione pronta per la panchina. Montella deve battere la Roma per evitare il caos. Brutta gara e fischi anche in Europa League con Bonucci in crisi. Ma Carletto è una alternativa anche per Ventura

29.09.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 32325 volte
© foto di Federico De Luca

Sembra incredibile, ma anche da una partita semplice come quella di ieri sera con il Rijeka arrivano segnali negativi per il Milan con tanto di fischi degli spazientiti tifosi rossoneri. Alla fine il Milan ha vinto solo con grande fatica, segnando due gol frutto di individualità (Andrè Silva) o di una palla inattiva (Musacchio) senza una manovra collettiva accettabile, un minimo di gioco e di ritmo. Partita triste che stava per finire in psicodramma nel finale con il pareggio dei croati. Per fortuna Cutrone al 93’ ha rimesso a posto la classifica. Almeno quella. Per il resto note negative quasi ovunque, a cominciare da Bonucci che doveva essere il leader e invece sta rivelandosi un problema. Imbarazzante per tutta la gara, impreciso nelle chiusure e nella guida della difesa, incapace di far ripartire l’azione come era solito fare nella Juve, nel finale ha commesso pure una clamorosa ingenuità sul primo gol del Rijeka che ha ridato forza alla squadra ospite. Cosa gli stia succedendo è difficile da capire. Manca l’assistenza di Chiellini e Barzagli? Possibile, ma in queste condizioni non l’avevamo mai visto.

Da salvare ci sono solo Andrè Silva, Bonaventura, Cutrone per il gol finale e poco altro. Il Milan non ha gioco e una personalità fragile, è logico che in questa situazione venga chiamato in causa l’allenatore.

Se domenica i rossoneri non dovessero vincere o addirittura perdere con la Roma il caso-Montella è destinato a deflagrare secondo una legge consolidata del calcio e lo dico nonostante Mirabelli che prima della gara con il Rijeka ha speso parole di stima e cercato di rafforzare e rasserenare Montella. Parole obbligate, una proprietà che ha speso 220 milioni per rafforzarsi, se le cose non vanno il conto te lo presenta di sicuro.

Fra l’altro, per Montella non è un momento felice, ma neppure fortunato.

In mezzo a questa bufera cosa succede? Che il Bayern esoneri Ancelotti.

E’ andata peggio a Carletto, questo è sicuro. I tedeschi evidentemente sono in piena Oktoberfest se pensano di poter far meglio senza uno dei più forti allenatori al mondo, ma detto questo, ora il nome di Ancelotti volteggia sulla testa di Montella.

Come sappiamo, un allenatore che ha cominciato in un altro campionato, comunque potrebbe allenare in Italia.

Alla notizia, i social si sono scatenati. I tifosi del Milan in massa si sono schierati dalla parte di Carletto, tutti lo rivorrebbero immediatamente sulla panchina del Milan. A furor di popolo, direi.

Non credo che in questo momento Ancelotti abbia voglia di rimettersi subito in gioco, non credo neppure che per uno come lui possa essere allettante prendere una squadra in corsa, e non so neppure se il Milan sia fra i suoi pensieri (dubito), ma resta il fatto che la pressione su Montella già alta, è così aumentata a dismisura.

Ora una fantastica alternativa per la panchina del Milan c’è e anche se Fassone e Mirabelli non dovessero pensarci, i tifosi spingono per Ancelotti, amato da sempre, dimenticato mai. Tanto che due anni fa anche Galliani provò senza successo a riportarlo in rossonero.

E’ chiaro che tempi per Ancelotti non sono giusti, oltre a tutto il momento di passaggio societario con problemi economici ancora da risolvere fanno del Milan una squadra con meno appeal per un santone della panchina, ma il caso è aperto.

A Montella non resta che battere la Roma, serve una gara di assoluta intensità da parte di tutti i giocatori, che vada oltre moduli e schemi, se vogliono salvare la panchina del loro allenatore. Di sicuro il Milan non ha scelta, né alternativa. Battere la Roma è un obbligo anche per la classifica. La squadra vista ieri sera è preoccupante più o meno come quella di Genova. Oltre al gioco mancano il ritmo, il cambio di passo, l’aggressività, recuperarle per domenica pomeriggio sarà un’impresa o un miracolo. Fate voi.

Ancelotti, comunque, da ieri volteggia anche sulla testa di Ventura. Ripeto: non credo che l’ex Bayern oggi abbia voglia di Nazionale o di Milan (in futuro chissà) però se hai in panchina un signor Ventura qualsiasi e c’è un principe della panchina come Carletto, se io fossi il presidente federale un pensierino per il mondiale (toccando ferro) ce lo farei. Chissà che non ce lo faccia anche Tavecchio….

In attesa di vedere e di capire, andando oltre, il nostro calcio esce comunque in maniera straordinaria dalla tre giorni europea con cinque vittorie e un pareggio. Non succedeva dal 2010. L’Italia ha scavalcato la Germania nel ranking Uefa e ora veleggia al terzo posto.

L’unico pareggio è arrivato dall’Atalanta, ma trattasi di autentica impresa. Il Lione è una squadra forte, ha grande tradizione, sul suo campo ci hanno lasciato le bucce in tanti (chiedere alla Roma l’anno scorso) eppure questa Atalanta al debutto in trasferta, ha dimostrato grande carattere, capacità di soffrire e di difendere, ma anche la personalità per contrattaccare, imporre il gioco e pareggiare con il solito Papu Gomez. Ora a Lione sanno chi è, la giusta vendetta dopo le ironie della vigilia. Complimenti al lavoro di Gasperini che funziona in campionato e in Europa League, un’impresa non facile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.