HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Ancelotti, il Milan ora ha una soluzione pronta per la panchina. Montella deve battere la Roma per evitare il caos. Brutta gara e fischi anche in Europa League con Bonucci in crisi. Ma Carletto è una alternativa anche per Ventura

29.09.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 32561 volte
© foto di Federico De Luca

Sembra incredibile, ma anche da una partita semplice come quella di ieri sera con il Rijeka arrivano segnali negativi per il Milan con tanto di fischi degli spazientiti tifosi rossoneri. Alla fine il Milan ha vinto solo con grande fatica, segnando due gol frutto di individualità (Andrè Silva) o di una palla inattiva (Musacchio) senza una manovra collettiva accettabile, un minimo di gioco e di ritmo. Partita triste che stava per finire in psicodramma nel finale con il pareggio dei croati. Per fortuna Cutrone al 93’ ha rimesso a posto la classifica. Almeno quella. Per il resto note negative quasi ovunque, a cominciare da Bonucci che doveva essere il leader e invece sta rivelandosi un problema. Imbarazzante per tutta la gara, impreciso nelle chiusure e nella guida della difesa, incapace di far ripartire l’azione come era solito fare nella Juve, nel finale ha commesso pure una clamorosa ingenuità sul primo gol del Rijeka che ha ridato forza alla squadra ospite. Cosa gli stia succedendo è difficile da capire. Manca l’assistenza di Chiellini e Barzagli? Possibile, ma in queste condizioni non l’avevamo mai visto.

Da salvare ci sono solo Andrè Silva, Bonaventura, Cutrone per il gol finale e poco altro. Il Milan non ha gioco e una personalità fragile, è logico che in questa situazione venga chiamato in causa l’allenatore.

Se domenica i rossoneri non dovessero vincere o addirittura perdere con la Roma il caso-Montella è destinato a deflagrare secondo una legge consolidata del calcio e lo dico nonostante Mirabelli che prima della gara con il Rijeka ha speso parole di stima e cercato di rafforzare e rasserenare Montella. Parole obbligate, una proprietà che ha speso 220 milioni per rafforzarsi, se le cose non vanno il conto te lo presenta di sicuro.

Fra l’altro, per Montella non è un momento felice, ma neppure fortunato.

In mezzo a questa bufera cosa succede? Che il Bayern esoneri Ancelotti.

E’ andata peggio a Carletto, questo è sicuro. I tedeschi evidentemente sono in piena Oktoberfest se pensano di poter far meglio senza uno dei più forti allenatori al mondo, ma detto questo, ora il nome di Ancelotti volteggia sulla testa di Montella.

Come sappiamo, un allenatore che ha cominciato in un altro campionato, comunque potrebbe allenare in Italia.

Alla notizia, i social si sono scatenati. I tifosi del Milan in massa si sono schierati dalla parte di Carletto, tutti lo rivorrebbero immediatamente sulla panchina del Milan. A furor di popolo, direi.

Non credo che in questo momento Ancelotti abbia voglia di rimettersi subito in gioco, non credo neppure che per uno come lui possa essere allettante prendere una squadra in corsa, e non so neppure se il Milan sia fra i suoi pensieri (dubito), ma resta il fatto che la pressione su Montella già alta, è così aumentata a dismisura.

Ora una fantastica alternativa per la panchina del Milan c’è e anche se Fassone e Mirabelli non dovessero pensarci, i tifosi spingono per Ancelotti, amato da sempre, dimenticato mai. Tanto che due anni fa anche Galliani provò senza successo a riportarlo in rossonero.

E’ chiaro che tempi per Ancelotti non sono giusti, oltre a tutto il momento di passaggio societario con problemi economici ancora da risolvere fanno del Milan una squadra con meno appeal per un santone della panchina, ma il caso è aperto.

A Montella non resta che battere la Roma, serve una gara di assoluta intensità da parte di tutti i giocatori, che vada oltre moduli e schemi, se vogliono salvare la panchina del loro allenatore. Di sicuro il Milan non ha scelta, né alternativa. Battere la Roma è un obbligo anche per la classifica. La squadra vista ieri sera è preoccupante più o meno come quella di Genova. Oltre al gioco mancano il ritmo, il cambio di passo, l’aggressività, recuperarle per domenica pomeriggio sarà un’impresa o un miracolo. Fate voi.

Ancelotti, comunque, da ieri volteggia anche sulla testa di Ventura. Ripeto: non credo che l’ex Bayern oggi abbia voglia di Nazionale o di Milan (in futuro chissà) però se hai in panchina un signor Ventura qualsiasi e c’è un principe della panchina come Carletto, se io fossi il presidente federale un pensierino per il mondiale (toccando ferro) ce lo farei. Chissà che non ce lo faccia anche Tavecchio….

In attesa di vedere e di capire, andando oltre, il nostro calcio esce comunque in maniera straordinaria dalla tre giorni europea con cinque vittorie e un pareggio. Non succedeva dal 2010. L’Italia ha scavalcato la Germania nel ranking Uefa e ora veleggia al terzo posto.

L’unico pareggio è arrivato dall’Atalanta, ma trattasi di autentica impresa. Il Lione è una squadra forte, ha grande tradizione, sul suo campo ci hanno lasciato le bucce in tanti (chiedere alla Roma l’anno scorso) eppure questa Atalanta al debutto in trasferta, ha dimostrato grande carattere, capacità di soffrire e di difendere, ma anche la personalità per contrattaccare, imporre il gioco e pareggiare con il solito Papu Gomez. Ora a Lione sanno chi è, la giusta vendetta dopo le ironie della vigilia. Complimenti al lavoro di Gasperini che funziona in campionato e in Europa League, un’impresa non facile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy