VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ancelotti, ritorno ma non adesso. Buffon, 19 partite e 120 minuti non sono una botta di culo. Mazzarri, non parla ma resta all'Inter. Conte, solo questione di carattere. Gattuso, quella strada che porta a Varese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.05.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 38320 volte

Carlo Ancelotti è persona seria, uomo semplice e buono, ama le battute schiette e non i voli pindarici. Chi lo ha contattato in questi giorni di rimbalzo mediatico sul suo nome per la panchina del Milan si è sentito rispondere: Certo che torno, ma non adesso...Grande Carlo. Quello di sempre. Lo ricordiamo come se fosse oggi, invece erano cinque anni fa. Allenamento a Milanello, campo rialzato. Il Milan stava per andare a giocare a Firenze la gara decisiva per la Champions League. Era il Maggio 2009 e c'era verso l'esterno un mistero fitto attorno alla sua permanenza o meno al Milan, in realtà lui era arrivato al campo dopo aver registrato il filmato di benvenuto per il Sito ufficiale del Chelsea. Ci guarda fisso negli occhi, serio, ma con un sorriso appena accennato: "E comunque non finisce qui, io qui al Milan ci torno, non potrà che andare così". Cinque anni dopo Ancelotti è sempre Ancelotti. L'idea fissa rossonera sempre in testa e nel petto. Ritorno, ma non adesso. La vita continua, ma con una certezza. Carlo Ancelotti uomo vero e gli uomini veri non cambiano mai.

Domanda a Gigi Buffon, cambieresti tre Scudetti con una Champions League. Sospiro, attimo di attesa e risposta di Gigi: "Mi mettete in difficoltà, però tre Campionati sono tre anni di lavoro duro quotidiano, una Champions può anche essere una botta di culo". Eh no, caro Gigi! I milanisti che ascoltavano quell'intervista non l'hanno presa bene. Anche perché il pensiero è andato all'ultima finale di Champions giocata da Buffon, 28 Maggio 2003, Manchester, Milan-Juventus ai rigori. E' vero, il rigore ha una componente di attimo, di fortuna. Ma in quella Champions per il Milan la Finale era stata la gara numero 19: 2 preliminari, 6 partite prima fase a gironi, 6 partite seconda fase a gironi, 4 gare di Quarti e Semifinali, 1 Finale con 120 minuti di gioco. Una squadra che vince dopo 19 partite e che nelle 4 Champions League consecutive, anche lì quattro anni di lavoro, arriva 2 volte in Finale e fa 1 Semifinale e 1 Quarto di finale, sempre la migliore italiana, non vive di botte di culo. Non sappiamo se fosse proprio questo il riferimento di Gigi, forse abbiamo pensato male...

Qualcuno si è impressionato perché domani Walter Mazzarri non fa la conferenza stampa pre Chievo. E ancor di più perché Mihajlovic parla solo dopo la partita della Sampdoria. Hai visto mai? Intrecci, scambi, panchine girevoli. Ci sta tutto nel calcio, ma la nostra impressione è che Mazzarri non rinuncerà all'Inter. Vero che avrebbe gradito il prolungamento spalmato: un anno in più con meno soldi l'anno prossimo ma con più soldi nei due anni. Ma dal momento che Thohir non sembra sentirci da questo orecchio, pur facendo buon viso a cattiva sorte Mazzarri ha deciso di cambiar progetto: arrivare al prolungamento durante la prossima stagione, facendo bene nella prossima stagione. Resta comunque un allenatore destinato ad essere sempre al centro di chiarimenti e fasi concitate, ad ogni fine stagione. Era un po' così anche a Napoli.

Il presidente Agnelli pare aver colto la palla al balzo. Sapendo che Antonio Conte non ha squadre alternative e che non è fatto per un anno sabbatico, ha deciso di pungolare il suo carattere. Nessuno è indispensabile alla Juventus. Frase detta per dare un obiettivo ad Antonio Conte: dimostrare di essere indispensabile. Qualcosa che sul piano caratteriale vale forse più del quarto Scudetto di fila e un po' meno, ma poco meno sul piano dell'orgoglio, di una Champions che appare comunque irraggiungibile. Conte è simile a Mazzarri come pressione sanguigna. A fine stagione, deve scaricare la tensione, deve puntualizzare. Il presidente Agnelli lo ha capito, al volo, da presidente dinamico e giovane qual è, e senza troppi giri di parole ha risolto. E Conte, che pure si è guardato molto attorno, alla fine rimarrà.

Rino, Rino. L'esperienza di Palermo ha dimostrato che quello dell'allenatore è un mestiere in cui è fondamentale farne tanta di esperienza. Ragionevole, ponderata e misurata. Non al Videoton, con tutto il rispetto. Magari però in un'altra città che inizia per V, ma molto più vicina alla sua casa, alla sua famiglia, a quella stessa Milanello in cui lui, gloria rossonera allo stato puro, sarà sempre accolto come uno di casa. Una città di che si chiama Varese. La squadra si deve ancora salvare, le cose da vedere sono ancora tante. Ma Varese potrebbe essere, lo è già stato per altri allenatori importanti e di categoria in Serie A, il trampolino di lancio giusto per il grande Rino Gattuso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.