VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Ancelotti, ritorno ma non adesso. Buffon, 19 partite e 120 minuti non sono una botta di culo. Mazzarri, non parla ma resta all'Inter. Conte, solo questione di carattere. Gattuso, quella strada che porta a Varese

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
17.05.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38304 volte

Carlo Ancelotti è persona seria, uomo semplice e buono, ama le battute schiette e non i voli pindarici. Chi lo ha contattato in questi giorni di rimbalzo mediatico sul suo nome per la panchina del Milan si è sentito rispondere: Certo che torno, ma non adesso...Grande Carlo. Quello di sempre. Lo ricordiamo come se fosse oggi, invece erano cinque anni fa. Allenamento a Milanello, campo rialzato. Il Milan stava per andare a giocare a Firenze la gara decisiva per la Champions League. Era il Maggio 2009 e c'era verso l'esterno un mistero fitto attorno alla sua permanenza o meno al Milan, in realtà lui era arrivato al campo dopo aver registrato il filmato di benvenuto per il Sito ufficiale del Chelsea. Ci guarda fisso negli occhi, serio, ma con un sorriso appena accennato: "E comunque non finisce qui, io qui al Milan ci torno, non potrà che andare così". Cinque anni dopo Ancelotti è sempre Ancelotti. L'idea fissa rossonera sempre in testa e nel petto. Ritorno, ma non adesso. La vita continua, ma con una certezza. Carlo Ancelotti uomo vero e gli uomini veri non cambiano mai.

Domanda a Gigi Buffon, cambieresti tre Scudetti con una Champions League. Sospiro, attimo di attesa e risposta di Gigi: "Mi mettete in difficoltà, però tre Campionati sono tre anni di lavoro duro quotidiano, una Champions può anche essere una botta di culo". Eh no, caro Gigi! I milanisti che ascoltavano quell'intervista non l'hanno presa bene. Anche perché il pensiero è andato all'ultima finale di Champions giocata da Buffon, 28 Maggio 2003, Manchester, Milan-Juventus ai rigori. E' vero, il rigore ha una componente di attimo, di fortuna. Ma in quella Champions per il Milan la Finale era stata la gara numero 19: 2 preliminari, 6 partite prima fase a gironi, 6 partite seconda fase a gironi, 4 gare di Quarti e Semifinali, 1 Finale con 120 minuti di gioco. Una squadra che vince dopo 19 partite e che nelle 4 Champions League consecutive, anche lì quattro anni di lavoro, arriva 2 volte in Finale e fa 1 Semifinale e 1 Quarto di finale, sempre la migliore italiana, non vive di botte di culo. Non sappiamo se fosse proprio questo il riferimento di Gigi, forse abbiamo pensato male...

Qualcuno si è impressionato perché domani Walter Mazzarri non fa la conferenza stampa pre Chievo. E ancor di più perché Mihajlovic parla solo dopo la partita della Sampdoria. Hai visto mai? Intrecci, scambi, panchine girevoli. Ci sta tutto nel calcio, ma la nostra impressione è che Mazzarri non rinuncerà all'Inter. Vero che avrebbe gradito il prolungamento spalmato: un anno in più con meno soldi l'anno prossimo ma con più soldi nei due anni. Ma dal momento che Thohir non sembra sentirci da questo orecchio, pur facendo buon viso a cattiva sorte Mazzarri ha deciso di cambiar progetto: arrivare al prolungamento durante la prossima stagione, facendo bene nella prossima stagione. Resta comunque un allenatore destinato ad essere sempre al centro di chiarimenti e fasi concitate, ad ogni fine stagione. Era un po' così anche a Napoli.

Il presidente Agnelli pare aver colto la palla al balzo. Sapendo che Antonio Conte non ha squadre alternative e che non è fatto per un anno sabbatico, ha deciso di pungolare il suo carattere. Nessuno è indispensabile alla Juventus. Frase detta per dare un obiettivo ad Antonio Conte: dimostrare di essere indispensabile. Qualcosa che sul piano caratteriale vale forse più del quarto Scudetto di fila e un po' meno, ma poco meno sul piano dell'orgoglio, di una Champions che appare comunque irraggiungibile. Conte è simile a Mazzarri come pressione sanguigna. A fine stagione, deve scaricare la tensione, deve puntualizzare. Il presidente Agnelli lo ha capito, al volo, da presidente dinamico e giovane qual è, e senza troppi giri di parole ha risolto. E Conte, che pure si è guardato molto attorno, alla fine rimarrà.

Rino, Rino. L'esperienza di Palermo ha dimostrato che quello dell'allenatore è un mestiere in cui è fondamentale farne tanta di esperienza. Ragionevole, ponderata e misurata. Non al Videoton, con tutto il rispetto. Magari però in un'altra città che inizia per V, ma molto più vicina alla sua casa, alla sua famiglia, a quella stessa Milanello in cui lui, gloria rossonera allo stato puro, sarà sempre accolto come uno di casa. Una città di che si chiama Varese. La squadra si deve ancora salvare, le cose da vedere sono ancora tante. Ma Varese potrebbe essere, lo è già stato per altri allenatori importanti e di categoria in Serie A, il trampolino di lancio giusto per il grande Rino Gattuso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.