HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito

20.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22313 volte
© foto di Federico De Luca

Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo, ricordate che fu uno degli ultimi tentativi di Galliani andati a vuoto. Ancelotti però non avrebbe il rossonero in cima alla sua lista personale, lui resta un fedelissimo di Berlusconi, con i tempi incerti che corrono oggi, c’è solo da rischiare.

La Juve lo intriga, nessun dubbio. Due secondi posti in campionato, ma senza titoli. Per uno che ha vinto dappertutto potrebbe essere una bella sfida: ritornare per rifarsi. Fra l’altro l’aria a Torino è cambiata e molte facce a lui non simpatiche sono sparite. Ma tutto è legato, naturalmente, alla stagione, ai risultati di Allegri, a molte cose.

Ancelotti, visto che può permettersi di scegliere, quasi sicuramente ha la Premier in cima ai pensieri. Arsenal? Possibile.

Nel frattempo, però, la nazionale croata ha fatto la pensata che, non per vantazione, come diceva Totò, mi ero permesso di suggerire a Tavecchio e company di prendere Ancelotti per il mese dei mondiali.

E’ vero che prima ai mondiali bisogna andarci, ma toccando ferro, forse è meglio guardare anche avanti. Ci andreste davvero ai mondiali con Ventura? Chi è per il sì alzi la mano. Vedo il deserto attorno. I rischi sarebbero altissimi. E allora visto che siamo l’Italia che dobbiamo comunque avere ambizioni, un mesetto con un grande come Ancelotti in panchina forse potrebbe dare un senso maggiore al tutto. Rifletta Tavecchio, rifletta. Ammesso e non concesso, come già scritto, che Ancelotti accetti. Avevo comunque suggerito anche l’ipotesi B, chiamata Capello.

Intanto però ai mondiali andiamoci, poi ne riparleremo.

Intanto riparliamo volentieri di Ramires, centrocampista ex Chelsea, ora al Jiangsu, squadra cinese di Suning. Il brasiliano, attualmente infortunato, potrebbe essere l’acquisto facile di gennaio per Spalletti. Un giro in famiglia. Fra l’altro il campionato cinese finisce fra poche settimane e Ramires potrebbe arrivare entro novembre in Italia per rifinire la preparazione fisica e imparare a giocare come vuole il tecnico nerazzurro. Più di un’idea. E’ tornata di moda, però, anche la candidatura Vidal. Con il giocatore c’era stato un contatto e un pre-accordo in estate, niente con il Bayern anche per il blocco del mercato deciso da Suning. Ora il governo cinese ha riaperto agli investimenti esteri e, tra l’altro, Vidal con Heynckes non è più fra i titolarissimi. Era in panchina anche l’altra sera in Champions. Dunque, sembra il momento buono per riprovare a portare a Milano il giocatore che era il primo della lista di Spalletti alla pari con Nainggolan. Sabatini tiene sempre d’occhio anche Pastore, pure lui non più al centro del progetto tecnico del Psg e in scadenza nel 2019.

Passando al Milan, fa discutere l’idea-proposta di Kakà. Vorrebbe tornare in rossonero, ma a 35 anni, dopo un ‘esperienza americana in un campionato poco allenante, è ancora un giocatore da serie A. Le suggestioni per i Grandi Ritorni in genere non si trasformano mai in grandi affari. Certo, al Milan mancherebbe davvero un uomo di carisma, trainante, anche nello spogliatoio. Il dibattito è aperto. Aperta anche la caccia ai soci per mister Yonghong Li, sempre più alle prese con il maxi debito che si è accollato per comprare il Milan. Fra un anno dovrà restituire al fondo Elliott 303 milioni di euro che con gli interessi diventano molti di più. La banca d’affari Goldman Sachs ha detto no al finanziamento, mister Li non ha le garanzie sufficienti a coprire un importo simile. Ora i suoi advisor si rivolgeranno a Merrill Lynch, ma la situazione è sempre molto delicata e nuovi soci all’orizzonte non se ne vedono. Come è noto, se il debito non sarà risarcito, fra un anno il Milan diventerà proprietà del fondo Elliott.

In attesa di una schiarita economica, per la Juve serve invece una schiarita tecnica. Allegri è apparso molto nervoso dopo la difficile vittoria con lo Sporting e lo capiamo. La sua frase “qualcuno si è disconnesso”, deve far riflettere e far paura allo stesso tempo. C’è la sensazione che questo gruppo stravincente faccia fatica a ritrovare le motivazioni e troppi giocatori stiano andando in campo con leggerezza. Ma c’è anche un problema per la super coppia Higuain-Dybala. Higuain fa fatica, ma fino a qualche settimana fa funzionava Dybala. Oggi di due è difficile farne uno e quando una squadra in difficoltà non si può attaccare ai suoi giocatori migliori tutto si complica. Fino a quando? E’ finito davvero un ciclo? Credo di no. Le squadre di Allegri all’inizio della stagione non sono mai al top, ma l’allarme suona.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy