HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito

20.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22325 volte
© foto di Federico De Luca

Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo, ricordate che fu uno degli ultimi tentativi di Galliani andati a vuoto. Ancelotti però non avrebbe il rossonero in cima alla sua lista personale, lui resta un fedelissimo di Berlusconi, con i tempi incerti che corrono oggi, c’è solo da rischiare.

La Juve lo intriga, nessun dubbio. Due secondi posti in campionato, ma senza titoli. Per uno che ha vinto dappertutto potrebbe essere una bella sfida: ritornare per rifarsi. Fra l’altro l’aria a Torino è cambiata e molte facce a lui non simpatiche sono sparite. Ma tutto è legato, naturalmente, alla stagione, ai risultati di Allegri, a molte cose.

Ancelotti, visto che può permettersi di scegliere, quasi sicuramente ha la Premier in cima ai pensieri. Arsenal? Possibile.

Nel frattempo, però, la nazionale croata ha fatto la pensata che, non per vantazione, come diceva Totò, mi ero permesso di suggerire a Tavecchio e company di prendere Ancelotti per il mese dei mondiali.

E’ vero che prima ai mondiali bisogna andarci, ma toccando ferro, forse è meglio guardare anche avanti. Ci andreste davvero ai mondiali con Ventura? Chi è per il sì alzi la mano. Vedo il deserto attorno. I rischi sarebbero altissimi. E allora visto che siamo l’Italia che dobbiamo comunque avere ambizioni, un mesetto con un grande come Ancelotti in panchina forse potrebbe dare un senso maggiore al tutto. Rifletta Tavecchio, rifletta. Ammesso e non concesso, come già scritto, che Ancelotti accetti. Avevo comunque suggerito anche l’ipotesi B, chiamata Capello.

Intanto però ai mondiali andiamoci, poi ne riparleremo.

Intanto riparliamo volentieri di Ramires, centrocampista ex Chelsea, ora al Jiangsu, squadra cinese di Suning. Il brasiliano, attualmente infortunato, potrebbe essere l’acquisto facile di gennaio per Spalletti. Un giro in famiglia. Fra l’altro il campionato cinese finisce fra poche settimane e Ramires potrebbe arrivare entro novembre in Italia per rifinire la preparazione fisica e imparare a giocare come vuole il tecnico nerazzurro. Più di un’idea. E’ tornata di moda, però, anche la candidatura Vidal. Con il giocatore c’era stato un contatto e un pre-accordo in estate, niente con il Bayern anche per il blocco del mercato deciso da Suning. Ora il governo cinese ha riaperto agli investimenti esteri e, tra l’altro, Vidal con Heynckes non è più fra i titolarissimi. Era in panchina anche l’altra sera in Champions. Dunque, sembra il momento buono per riprovare a portare a Milano il giocatore che era il primo della lista di Spalletti alla pari con Nainggolan. Sabatini tiene sempre d’occhio anche Pastore, pure lui non più al centro del progetto tecnico del Psg e in scadenza nel 2019.

Passando al Milan, fa discutere l’idea-proposta di Kakà. Vorrebbe tornare in rossonero, ma a 35 anni, dopo un ‘esperienza americana in un campionato poco allenante, è ancora un giocatore da serie A. Le suggestioni per i Grandi Ritorni in genere non si trasformano mai in grandi affari. Certo, al Milan mancherebbe davvero un uomo di carisma, trainante, anche nello spogliatoio. Il dibattito è aperto. Aperta anche la caccia ai soci per mister Yonghong Li, sempre più alle prese con il maxi debito che si è accollato per comprare il Milan. Fra un anno dovrà restituire al fondo Elliott 303 milioni di euro che con gli interessi diventano molti di più. La banca d’affari Goldman Sachs ha detto no al finanziamento, mister Li non ha le garanzie sufficienti a coprire un importo simile. Ora i suoi advisor si rivolgeranno a Merrill Lynch, ma la situazione è sempre molto delicata e nuovi soci all’orizzonte non se ne vedono. Come è noto, se il debito non sarà risarcito, fra un anno il Milan diventerà proprietà del fondo Elliott.

In attesa di una schiarita economica, per la Juve serve invece una schiarita tecnica. Allegri è apparso molto nervoso dopo la difficile vittoria con lo Sporting e lo capiamo. La sua frase “qualcuno si è disconnesso”, deve far riflettere e far paura allo stesso tempo. C’è la sensazione che questo gruppo stravincente faccia fatica a ritrovare le motivazioni e troppi giocatori stiano andando in campo con leggerezza. Ma c’è anche un problema per la super coppia Higuain-Dybala. Higuain fa fatica, ma fino a qualche settimana fa funzionava Dybala. Oggi di due è difficile farne uno e quando una squadra in difficoltà non si può attaccare ai suoi giocatori migliori tutto si complica. Fino a quando? E’ finito davvero un ciclo? Credo di no. Le squadre di Allegri all’inizio della stagione non sono mai al top, ma l’allarme suona.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy