VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito

20.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 21814 volte
© foto di Federico De Luca

Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo, ricordate che fu uno degli ultimi tentativi di Galliani andati a vuoto. Ancelotti però non avrebbe il rossonero in cima alla sua lista personale, lui resta un fedelissimo di Berlusconi, con i tempi incerti che corrono oggi, c’è solo da rischiare.

La Juve lo intriga, nessun dubbio. Due secondi posti in campionato, ma senza titoli. Per uno che ha vinto dappertutto potrebbe essere una bella sfida: ritornare per rifarsi. Fra l’altro l’aria a Torino è cambiata e molte facce a lui non simpatiche sono sparite. Ma tutto è legato, naturalmente, alla stagione, ai risultati di Allegri, a molte cose.

Ancelotti, visto che può permettersi di scegliere, quasi sicuramente ha la Premier in cima ai pensieri. Arsenal? Possibile.

Nel frattempo, però, la nazionale croata ha fatto la pensata che, non per vantazione, come diceva Totò, mi ero permesso di suggerire a Tavecchio e company di prendere Ancelotti per il mese dei mondiali.

E’ vero che prima ai mondiali bisogna andarci, ma toccando ferro, forse è meglio guardare anche avanti. Ci andreste davvero ai mondiali con Ventura? Chi è per il sì alzi la mano. Vedo il deserto attorno. I rischi sarebbero altissimi. E allora visto che siamo l’Italia che dobbiamo comunque avere ambizioni, un mesetto con un grande come Ancelotti in panchina forse potrebbe dare un senso maggiore al tutto. Rifletta Tavecchio, rifletta. Ammesso e non concesso, come già scritto, che Ancelotti accetti. Avevo comunque suggerito anche l’ipotesi B, chiamata Capello.

Intanto però ai mondiali andiamoci, poi ne riparleremo.

Intanto riparliamo volentieri di Ramires, centrocampista ex Chelsea, ora al Jiangsu, squadra cinese di Suning. Il brasiliano, attualmente infortunato, potrebbe essere l’acquisto facile di gennaio per Spalletti. Un giro in famiglia. Fra l’altro il campionato cinese finisce fra poche settimane e Ramires potrebbe arrivare entro novembre in Italia per rifinire la preparazione fisica e imparare a giocare come vuole il tecnico nerazzurro. Più di un’idea. E’ tornata di moda, però, anche la candidatura Vidal. Con il giocatore c’era stato un contatto e un pre-accordo in estate, niente con il Bayern anche per il blocco del mercato deciso da Suning. Ora il governo cinese ha riaperto agli investimenti esteri e, tra l’altro, Vidal con Heynckes non è più fra i titolarissimi. Era in panchina anche l’altra sera in Champions. Dunque, sembra il momento buono per riprovare a portare a Milano il giocatore che era il primo della lista di Spalletti alla pari con Nainggolan. Sabatini tiene sempre d’occhio anche Pastore, pure lui non più al centro del progetto tecnico del Psg e in scadenza nel 2019.

Passando al Milan, fa discutere l’idea-proposta di Kakà. Vorrebbe tornare in rossonero, ma a 35 anni, dopo un ‘esperienza americana in un campionato poco allenante, è ancora un giocatore da serie A. Le suggestioni per i Grandi Ritorni in genere non si trasformano mai in grandi affari. Certo, al Milan mancherebbe davvero un uomo di carisma, trainante, anche nello spogliatoio. Il dibattito è aperto. Aperta anche la caccia ai soci per mister Yonghong Li, sempre più alle prese con il maxi debito che si è accollato per comprare il Milan. Fra un anno dovrà restituire al fondo Elliott 303 milioni di euro che con gli interessi diventano molti di più. La banca d’affari Goldman Sachs ha detto no al finanziamento, mister Li non ha le garanzie sufficienti a coprire un importo simile. Ora i suoi advisor si rivolgeranno a Merrill Lynch, ma la situazione è sempre molto delicata e nuovi soci all’orizzonte non se ne vedono. Come è noto, se il debito non sarà risarcito, fra un anno il Milan diventerà proprietà del fondo Elliott.

In attesa di una schiarita economica, per la Juve serve invece una schiarita tecnica. Allegri è apparso molto nervoso dopo la difficile vittoria con lo Sporting e lo capiamo. La sua frase “qualcuno si è disconnesso”, deve far riflettere e far paura allo stesso tempo. C’è la sensazione che questo gruppo stravincente faccia fatica a ritrovare le motivazioni e troppi giocatori stiano andando in campo con leggerezza. Ma c’è anche un problema per la super coppia Higuain-Dybala. Higuain fa fatica, ma fino a qualche settimana fa funzionava Dybala. Oggi di due è difficile farne uno e quando una squadra in difficoltà non si può attaccare ai suoi giocatori migliori tutto si complica. Fino a quando? E’ finito davvero un ciclo? Credo di no. Le squadre di Allegri all’inizio della stagione non sono mai al top, ma l’allarme suona.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.