VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte!

23.09.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 14984 volte

C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti rossonera a seconda della propria cartina di tornasole e di interessi. Da top a flop nel giro di tre giorni o di tre ore non importa, ciò che conta è utilizzare il tempo parlando male. Qualcosa succederà. A differenza di Kalinic e Cutrone, Andrè Silva non è una punta ma un attaccante. Significa che il suo feeling è diviso esattamente a metà, fra il gol e la giocata. Andrè Silva non vive di fame, ma di ispirazione. In una competizione e in un sistema calcio che conosce, l'Europa League, è già a quota cinque gol all'attivo con tanto di prestazioni all'altezza. In un mare che invece non conosce, quello della ruvida Serie A italiana, ha bisogno di tempo per trovare modi, tempi e misure. I talenti come lui sono il bersaglio naturale delle boccucce storte. Era capitato anche a Suso, vittima di un pregiudizio sia mediatico che popolare. Il parametro zero, i risultati negativi dell'epoca: tutto aveva rischiato di affossarlo, tanto che al Milan sembrava una boccia persa (un talento del genere!) e che è dovuto andare a Genova per ripartire e rigenerarsi. Nei confronti di Andrè Silva, se non altro, il pregiudizio non è della gente rossonera, del popolo milanista, ma solo di alcuni settori mediatici. Non ne verrà affossato come Suso, e non ci sarà bisogno di "Inzaghizzarsi". Anche perchè, come tipo umano e tecnico, Andrè è esattamente agli antipodi rispetto a Superpippo. L'Inzaghite, per il centravanti della Nazionale portoghese, Montella non la invoca per snaturarlo, ma per fargli arrivare il messaggio che per arrivare a segnare anche in Serie A con la stessa regolarità e disinvoltura con cui fa gol in Europa, deve capire bene il contesto, cambiare qualcosa e adattarsi agli spazi e alle usanze della casa italiana. Tutto scorrerà e tutto tornerà, per Andrè Silva come per Suso, in un Milan che dopo aver ricevuto 3 rigori nelle prime 5 giornate (con 1 contro, mentre la rivale cittadina ha beneficiato degli stessi 3 rigori ma con 0 contro) ha ben altri pensieri, visto che la Samp, Valeri e Doveri lo attendono in uno stadio di Marassi giustamente entusiasta per una squadra molto solida e molto ben organizzata.

Il presidente Moratti ribadisce ad ogni piè sospinto, anche quando gli chiedono gentilmente se vuole un caffè, che non ricomprerà il 30 per cento di quote dell'Inter. La cadenza mediatica del suo concetto è stata tale che tutti l'hanno capito, perfino noi. Certo non è solo una questione di insistenza, ma soprattutto di abilità. Massimo Moratti, oltre ad essere uno sportivo appassionato e innamorato dei suoi colori, è un comunicatore raffinato con una testa mirata all'obiettivo. Non ricompro il 30 per cento, perfetto, chiaro, capito. Ma la voce, l'indiscrezione, l'ipotesi, chiamatela come volete, che gira per Milano è che il presidente possa tornare nel Club con un ruolo operativo, non che sia sul punto di ricomprare il 30 per cento. Che lui non lo faccia potrebbe essere un messaggio a chi forse non ha capito bene, ma in linea di principio non esclude scenari di rientro. Del resto l'Inter ha un presidente, Thohir, che ha chiesto di lasciare la carica ma a sua volta gli è stato chiesto di soprassedere. Una proprietà strutturata e facoltosa ma che in questo momento non può operare come vorrebbe per motivi superiori. Chi può colmare il vuoto e movimentare la situazione? Lui e proprio lui, Massimo Moratti. Con un ruolo operativo, importante sul piano decisionale, strategico con vista sul futuro. Che non arrivino conferme dai bene informati sul fatto che non ricomprerà il 30 per cento ci sta ed è normale e corretto. Ma è come chi a briscola risponde picche ad un gioco di cuori. Gli elementi per verificare fino in fondo l'indiscrezione forte, molto forte, sul nuovo ruolo operativo di Moratti nell'Inter, non li abbiamo. Ma l'ipotesi corre per la città, senza soste e senza soluzione di continuità.

Il Napoli che va in campo e gioca è una meraviglia, per il cuore di chi ama questo sport e per gli occhi di chi il calcio non si stanca mai di guardarlo. Ma il Napoli che, finita la partita, comunica e commenta è inquieto e appuntito. Perchè questa discrasia? Pensiamo a questa settimana: a Roma contro la Lazio, gli uomini di Sarri ammollano al Campionato e all'opinione pubblica, anche agli avversari bianconeri perche no, un nuovo capolavoro di gioco, di rimonta e di risultato. Un calcio superiore, oggi difficilmente decrittabile dagli avversari. Con la ciliegina di Mertens che ti riguarderesti trenta volte al giorno. Dopo una partita così, ti aspetti un ambiente sereno e appagato. E invece: Sarri nelle interviste post-gara all'Olimpico ha l'aria vagamente torva di quello che non vede l'ora di andar via perchè lo aspetta "la Spal", l'ottimo e simpaticissimo Carlo Alvino attacca duramente Simone Inzaghi perchè come tutti gli allenatori in casi del genere tira l'acqua al proprio mulino parlando degli infortiunati e poi De Laurentiis. Proprio così, ADL ha usato il venerdì per tornare ad indicare bruscamente la rotta sui diritti tv e sul format del Campionato accusando il presidente Tavecchio di immobilismo. Se una presidenza ha innovato e riformato è stata proprio quella di Tavecchio, ma il numero uno del Napoli lo ha tirato bruscamente per la giacca. Non potendolo fare con Sarri che vince sempre e avendo bisogno di sfogare l'adrenalina della polemica con qualcuno, lo capiamo perfettamente, il pres partenopeo ha cercato e centrato un bersaglio grosso. Capito anche questo. Ma godersela un po'? Iniziare a lottare davvero per lo Scudetto, significa soprattutto iniziare a sussurrare piuttosto che parlare e a prendere la mira piuttosto che colpire. Andare all'attacco sempre significa disperdere energia e non godersi mai i successi significa imploderla, mentre per un obiettivo grande grande l'energia bisogna solo gestirla e immagazzinarla. Altrimenti la si spreca inutilmente e il Napoli ja bisogno di tutta la sua energia per provarci davvero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.