HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli?

14.10.2017 07:44 di Mauro Suma   articolo letto 15323 volte

Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite giocate dal primo minuto in questa stagione fra Milan e Portogallo e dopo 22 gol nelle 33 gare internazionali giocate fra Milan, Porto e Portogallo, dovrà farlo prendendosene la responsabilità. Il popolo rossonero, quello vero senza infiltrati mezzi e mezzi, di San Siro già stravede per lui. Chi critica i tifosi rossoneri dice: esagerati, per qualche stop...Eppure in Portogallo-Svizzera, la gara che ha qualificato la Nazionale campione d'Europa di CR7 ai Mondiali, Andrè non ha solo fatto gol o qualche tocco in bella calligrafia, ma ha corso e svariato tanto e preso già che c'era anche un po' di botte. Eh ma se Montella non lo fa giocare...dicono gli spondisti...lo fa giocare, lo fa giocare...contro Rijeka e Roma era già successo prima del derby. Una stracittadina alla quale si arriva anche dopo le dichiarazioni di Clarence Seedorf: "Quando sono arrivato al Milan c'era già qualche turbolenza". Ne ha parlato con il sorriso e con serenità Clarence al quale però non può sfuggire, da persona molto intelligente quale ha sempre dimostrato di essere, che se non ci fossero state turbolenze difficilmente lui sarebbe approdato sulla panchina del Milan un minuto dopo aver dismesso la camiseta da calciatore nel Botafogo. E che le turbolenze un po' le conosceva per averle in qualche modo provato a cavalcarle nella sua ultima stagione da meraviglioso giocatore rossonero, nel 2011-12. Ma al netto di tutto, provi a rispondere Clarence con tutto lo spirito autocritico che gli deriva dalla sua sensibilità e dalla sua intelligenza: dopo essere stato un giocatore fantastico, lui la vocazione dell'allenatore l'ha veramente avuta? Perchè dopo il Milan non ha più allenato ad alto livello? Se il Milan avesse osservato altrove i suoi primi passi da allenatore, poi lo avrebbe chiamato a Milanello a guidare la squadra? Domande, solo domande, senza alcun tipo di accanimento. A proposito di derby, la redazione di Milan TV ci è arrivata in maniera splendida dal punto di vista professionale. Dopo 2 vittorie della redazione di Sky e 2 della redazione della Gazzetta dello Sport, la squadra rossonera composta da Giuseppe Pastore, Alessandro Bianchi, Federica Zille e Tommaso Turci ha conquistato il titolo dell'Opta Quiz, raggiunto dopo 90 minuti intensissimi di domande durissime a 360 gradi sulla storia del calcio, i suoi dati più reconditi, i suoi incroci più improbabili. Bravi. Senza smancerie. Ma bravi sul serio.

La Juventus è uscita dall'angolo. Le dichiarazioni di inizio stagione di Buffon, quelle post-Bergamo di Allegri e l'inibizione, corta ma significativa, di Paratici per gli insulti al VAR sempre a Bergamo, avevano un po' isolato la Juventus. Se anche il presidente granata Cairo, che pure qualche danno l'ha subito, si dichiara ideologicamente favorevole alla VAR e ai due VAR, significava che su 20 squadre di Serie A l'unica a passare come anti-VAR era proprio la Juventus. Lo stesso Luciano Spalletti che si trova in questo momento a pari merito con la Juventus in classifica, lo ha fatto notare parlando di "vantaggi", pur senza citare nello specifico il Club bianconero. L'ad juventino Marotta si è accorto di questa anomalia e ha voluto ricollocare la società bianconera nell'alveo delle squadre che accettano e rispettano l'innovazione. Inversione di tendenza, confermata dai toni rispettosi usato nei confronti della tecnologia dallo stesso Massimiliano allegri alla vigilia di Juventus-Lazio.

Senza volerlo e senza cattiveria, a Massimiliano Allegri, nel suo legittimo tentativo di mettere nel giusto risalto il proprio lavoro, viene un po' meno in qualche circostanza il rispetto del lavoro altrui. Nel dibattito fra "allegriani" e sarriani", fra "risultatisti" e "prestazionisti", il tecnico bianconero ha dichiarato: "Essere belli è facile, il difficile è vincere. L'albo d'oro è ciò che conta". Ma il Napoli non è "bello". Il Napoli è assolutamente incomprensibile. Criptato nei suoi torelli a gara in corso in tutte le zone del campo. Organizzato nei suoi movimenti curati fin nel più piccolo dettaglio. Il Napoli è molto più organizzato che bello. La bellezza cui fa riferimento nella dichiarazione Allegri è qualcosa di volatile, di plastificato. E non c'è nulla di facile nel Napoli che invece ci ha messo sudore e sangue per arrivare a giocare, dopo anni di lavoro, un calcio che rasenta la perfezione tattica. Una squadra di undici uomini che gioca, pensa e tocca la palla con la stessa testa. Una sola testa. Con una particolarità: le squadre che spendono così tanto mentalmente e si spendono così tanto emotivamente per arrivare a giocare come sta facendo il Napoli, hanno una soglia della nausea piuttosto bassa. Come può capitare anche ai nuotatori d'alto bordo con l'acqua della piscina. Invece nei giocatori del Napoli non c'è traccia di tutto questo, nessun tipo di stanchezza psicologica. Anzi, il contrario. Hanno voluto rimanere tutti, hanno voluto fare il patto della continuità, a dimostrazione che non c'è nulla di "facile" nel loro calcio. Se fosse "facile" sarebbero andati altrove, ma una parte di loro sa bene che il calcio che stanno facendo lo possono giocare solo con Sarri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->