HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli?

14.10.2017 07:44 di Mauro Suma   articolo letto 15286 volte

Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite giocate dal primo minuto in questa stagione fra Milan e Portogallo e dopo 22 gol nelle 33 gare internazionali giocate fra Milan, Porto e Portogallo, dovrà farlo prendendosene la responsabilità. Il popolo rossonero, quello vero senza infiltrati mezzi e mezzi, di San Siro già stravede per lui. Chi critica i tifosi rossoneri dice: esagerati, per qualche stop...Eppure in Portogallo-Svizzera, la gara che ha qualificato la Nazionale campione d'Europa di CR7 ai Mondiali, Andrè non ha solo fatto gol o qualche tocco in bella calligrafia, ma ha corso e svariato tanto e preso già che c'era anche un po' di botte. Eh ma se Montella non lo fa giocare...dicono gli spondisti...lo fa giocare, lo fa giocare...contro Rijeka e Roma era già successo prima del derby. Una stracittadina alla quale si arriva anche dopo le dichiarazioni di Clarence Seedorf: "Quando sono arrivato al Milan c'era già qualche turbolenza". Ne ha parlato con il sorriso e con serenità Clarence al quale però non può sfuggire, da persona molto intelligente quale ha sempre dimostrato di essere, che se non ci fossero state turbolenze difficilmente lui sarebbe approdato sulla panchina del Milan un minuto dopo aver dismesso la camiseta da calciatore nel Botafogo. E che le turbolenze un po' le conosceva per averle in qualche modo provato a cavalcarle nella sua ultima stagione da meraviglioso giocatore rossonero, nel 2011-12. Ma al netto di tutto, provi a rispondere Clarence con tutto lo spirito autocritico che gli deriva dalla sua sensibilità e dalla sua intelligenza: dopo essere stato un giocatore fantastico, lui la vocazione dell'allenatore l'ha veramente avuta? Perchè dopo il Milan non ha più allenato ad alto livello? Se il Milan avesse osservato altrove i suoi primi passi da allenatore, poi lo avrebbe chiamato a Milanello a guidare la squadra? Domande, solo domande, senza alcun tipo di accanimento. A proposito di derby, la redazione di Milan TV ci è arrivata in maniera splendida dal punto di vista professionale. Dopo 2 vittorie della redazione di Sky e 2 della redazione della Gazzetta dello Sport, la squadra rossonera composta da Giuseppe Pastore, Alessandro Bianchi, Federica Zille e Tommaso Turci ha conquistato il titolo dell'Opta Quiz, raggiunto dopo 90 minuti intensissimi di domande durissime a 360 gradi sulla storia del calcio, i suoi dati più reconditi, i suoi incroci più improbabili. Bravi. Senza smancerie. Ma bravi sul serio.

La Juventus è uscita dall'angolo. Le dichiarazioni di inizio stagione di Buffon, quelle post-Bergamo di Allegri e l'inibizione, corta ma significativa, di Paratici per gli insulti al VAR sempre a Bergamo, avevano un po' isolato la Juventus. Se anche il presidente granata Cairo, che pure qualche danno l'ha subito, si dichiara ideologicamente favorevole alla VAR e ai due VAR, significava che su 20 squadre di Serie A l'unica a passare come anti-VAR era proprio la Juventus. Lo stesso Luciano Spalletti che si trova in questo momento a pari merito con la Juventus in classifica, lo ha fatto notare parlando di "vantaggi", pur senza citare nello specifico il Club bianconero. L'ad juventino Marotta si è accorto di questa anomalia e ha voluto ricollocare la società bianconera nell'alveo delle squadre che accettano e rispettano l'innovazione. Inversione di tendenza, confermata dai toni rispettosi usato nei confronti della tecnologia dallo stesso Massimiliano allegri alla vigilia di Juventus-Lazio.

Senza volerlo e senza cattiveria, a Massimiliano Allegri, nel suo legittimo tentativo di mettere nel giusto risalto il proprio lavoro, viene un po' meno in qualche circostanza il rispetto del lavoro altrui. Nel dibattito fra "allegriani" e sarriani", fra "risultatisti" e "prestazionisti", il tecnico bianconero ha dichiarato: "Essere belli è facile, il difficile è vincere. L'albo d'oro è ciò che conta". Ma il Napoli non è "bello". Il Napoli è assolutamente incomprensibile. Criptato nei suoi torelli a gara in corso in tutte le zone del campo. Organizzato nei suoi movimenti curati fin nel più piccolo dettaglio. Il Napoli è molto più organizzato che bello. La bellezza cui fa riferimento nella dichiarazione Allegri è qualcosa di volatile, di plastificato. E non c'è nulla di facile nel Napoli che invece ci ha messo sudore e sangue per arrivare a giocare, dopo anni di lavoro, un calcio che rasenta la perfezione tattica. Una squadra di undici uomini che gioca, pensa e tocca la palla con la stessa testa. Una sola testa. Con una particolarità: le squadre che spendono così tanto mentalmente e si spendono così tanto emotivamente per arrivare a giocare come sta facendo il Napoli, hanno una soglia della nausea piuttosto bassa. Come può capitare anche ai nuotatori d'alto bordo con l'acqua della piscina. Invece nei giocatori del Napoli non c'è traccia di tutto questo, nessun tipo di stanchezza psicologica. Anzi, il contrario. Hanno voluto rimanere tutti, hanno voluto fare il patto della continuità, a dimostrazione che non c'è nulla di "facile" nel loro calcio. Se fosse "facile" sarebbero andati altrove, ma una parte di loro sa bene che il calcio che stanno facendo lo possono giocare solo con Sarri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy