HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Inter)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Editoriale

Antonio Conte show: ecco l’incredibile sfogo a Dortmund. Avrà conseguenze? Quanto c’è di vero, e quanto è solo reazione? Occhio alle parole di Lautaro, forse ancora più importanti. E il precedente di Mourinho…

06.11.2019 07:33 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 68682 volte

Era partito piano, quasi arrendevole Conte. No, non parliamo del campo, lì anzi era stato il contrario, aveva domato il Westfalen nel Primo Tempo come raramente si è visto negli ultimi dieci anni.
Parliamo del post-partita. Quasi rassegnato in principio nelle dichiarazioni: “Troppi alibi da tirare fuori, se dovessi parlare del Secondo Tempo”. Aggiungendo poi “Che ripeto a fare le stesse cose?”.
Ma Antonio Conte non si arrende mai, nemmeno quando sembra arrendevole. Era solo un’onda che si ritirava, per poi arrivare con l’impeto dello tsunami.
Era nelle frasi dopo che travolgeva tutto con la stessa furia che ha a bordo campo, solo traslata sul piano dialettico: “Io spero che queste partite facciano capire a chi deve capire alcune cose. E magari che venisse qualche dirigente qualche volta a dire qualche cosa”.
E poi l’attacco finale, quello che forse va anche oltre i limiti ben larghi che il suo sodale Marotta gli concede: “Qui si è programmato all’inizio, ma sicuramente si poteva programmare molto, ma molto meglio. Sono stati fatti degli errori importanti. Noi non possiamo fare campionato e Champions League in queste condizioni”.
Boom.

Sarà per tanto tempo che si parlerà di queste parole. E’ un attacco alzo zero alla società? E’ cominciato un processo di autodistruzione? Niente di tutto questo.
Conte è un vincente, di quelli che che prova fastidio fisico per la sconfitta, proprio come i vincenti di razza, i Cristiano Ronaldo, gli Hamilton, i Federer etc. E la sua missione era ed è riuscire a guardare negli occhi i pesi massimi, a partire sul piano del gioco: la Juventus in Italia, i Barcellona o i Borussia Dortmund in casa loro in Europa. E c’è riuscito, cosa a cui l’Inter non era proprio più abituata.
Fatto quel passo, e fatto in brevissimo tempo, adesso non si accontenta più. Vuole competere per vincere e non solo per avere pacche sulle spalle.
Fin qui il lato costruttivo delle sue parole. Il passaggio sul dirigente che venga a parlare può anche essere una esagerazione scappata là, appunto proprio di chi non riesce ad accettare addirittura fisicamente il dover affrontare una sconfitta. Ma le altre parole, pur se a caldo, sono di un calore che è lava che rischia di liquefare, se non trattata a dovere.
Quali sono gli errori importanti di cui parla Conte? Che cosa si poteva programmare meglio?
In fondo l’Inter ha speso tantissimo, sì un paio di cose in più forse si potevano fare, ma in questo frangente è più sfortunata per via delle assenze, che deficitaria per via del mercato.
E se forse l’errore importante nella programmazione dovesse risiedere nel fatto che si è chiesto di non fare distinzioni di primo obiettivo tra campionato e Champions pur non avendone i mezzi, e avendo l’ulteriore sfortuna del girone indubbiamente più difficile della competizione?
Se Conte è lava che liquefa, Marotta è ghiaccio che congela. Lo conosce perfettamente, e forse sa quando è il caso di lasciarlo sfogare. O forse, davvero, è stato chiesto troppo, e si rischia di non stringere nulla?

Due settimane fa all’andata proprio su queste colonne avevo provocato: “Inter, meglio perdere con il Borussia Dortmund”. Ecco perché, conoscevo il potere tellurico di Conte quando si avvicina a un traguardo e non lo raggiunge…

Però poi la partita ha avuto anche il suo corso. Un grandissimo avvio, sagacia e intelligenza, e un Secondo Tempo dove l’Inter ha mostrato tutti i suoi limiti. A noi giornalisti, osservatori, verrebbe da dire un limite di personalità, per aver creduto che la partita si potesse continuare anche solo a gestire, e aver sottovalutato il rientro del Dortmund. Ma forse non è così. E non lo si evince dalle altre parole di Conte, che del calo dei suoi poi ha detto: “Se ci sarà un motivo, dovremo trovarlo con i calciatori, perché già a Sassuolo da 1-4 siamo finiti 3-4”.

No, si trova nelle parole di Lautaro Martinez, che proprio quando gli è stato chiesto della personalità come possibile problema, ha risposto con una lucidità d’analisi che fa spavento, e che può suonare come una dannazione. Ovvero che i problemi al rientro in campo siano stati: “concentrazione, ordine e intelligenza”.
Mamma mia, una condanna.
Hai perso la concentrazione, ti sei disunito, non sei stato sufficientemente intelligente. Tutti i motivi che in fondo fanno davvero i campioni, oltre alla fame di Antonio Conte. E su questi, in parte, Antonio Conte ha margine per incidere ulteriormente, anche al netto delle forze a disposizione.

Da sempre, una vera grande squadra si vede dalla capacità di saper vincere in trasferta in Europa in casa di grandi squadre.
L’Inter è una grande squadra in costruzione, ma non ha vinto per suoi demeriti, e dunque ancora una grande squadra non è.

Ma anche l’Inter di Mourinho nella perfezione del Triplete, ci mise un anno e mezzo per trovare la sua dimensione da grande.
C’è davvero qualcosa che è mancato nella programmazione, o qua tutti vogliono troppo subito: gli altri da Antonio Conte, e Antonio Conte stesso dal normale corso degli eventi?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

L'Inter aveva ragione: la cessione di Icardi era necessaria per fare il salto di qualità. Per gennaio già presa un'altra decisione non banale: Marotta non torna sui suoi passi 01.12 - Ma l'Inter ci ha davvero guadagnato? Ma era davvero necessario vivere e alimentare per mesi il caso Icardi, scaricarlo ben prima di darlo via, e puntare su Romelu Lukaku? Sicuri che la priorità fosse il centravanti? La scorsa estate i dubbi su quanto fatto da Giuseppe Marotta, sul...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, tra De Paul e un nuovo tentativo per Vidal. C’è anche Pinamonti per l’attacco. La Fiorentina di nuovo su Politano. Napoli in pole per Amrabat, a gennaio i rinnovi di Zielinski, Milik e Maksimovic 30.11 - L’Inter sogna gli ottavi di Champions League e nel frattempo continua a muoversi sul mercato. A gennaio non è facile migliorare la squadra, ma Marotta e Ausilio faranno il possibile per cercare di soddisfare Antonio Conte. È chiaro che il primo della lista per il centrocampo resta...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, ok di Zhang: arrivano Giroud e Matic. Marotta non molla Kulusevski e sfida la Juve. Milan aspetta il sì di Ibra. Napoli, prove di pace per Adl. Fiorentina, ecco il centro sportivo da sogno da 70 milioni 29.11 - Il signor Zhang, come l’uomo del monte, ha detto sì. Marotta avrà le risorse per fare mercato nel mese di gennaio, porterà a casa quel centrocampista e quell’attaccante che Conte ha chiesto chiaramente e pubblicamente per provare ad avvicinare ancora di più la Juventus. Del resto...

Editoriale DI: Luca Marchetti

L’Inter e Lautaro più forti del VAR, il Napoli sulla strada giusta e Chiesa a colloquio con la Fiorentina 28.11 - L’Inter la vince di forza, non solo tecnica e fisica ma anche mentale. Ha fatto una grande prestazione e ora la qualificazione rimane difficile ma certamente più vicina. L’Inter la vince con la forza di Conte, con una grinta incredibile, con dei messaggi lanciati dalla panchina con...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Napoli: è finita. Ecco chi deve proprio andare via. Ma intanto serve… L’Inter per vincere a Praga, ma ne vale davvero la pena? Juventus a Londra per Willian e Eriksen. Milan a ribasso per Ibrahimovic, è un rischio 27.11 - Non chiedeteci la parola, diceva Montale. Allo stesso modo, non chiedete quale sia la soluzione per uscirne per il Napoli. Perché non esiste. Non se ne esce. Questo ciclo del Napoli è finito, e non perché lo siano i giocatori, o perché l’allenatore non sia quello giusto, o perché...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: le vittorie in rimonta e i presunti "aiutini". Inter: il metodo Conte in attesa dei (due) rinforzi. Milan: il salva-tutto Ibra e la verità dietro al "caso-telefonini". Napoli: ok la disciplina ma è più importante la "strategia” 26.11 - Buondì. Il cane mi ha mangiato i compiti: oggi mi tocca proporvi "l'editoriale lampo". Ecco a voi dieci cose veloci veloci veloci. 1) Il Milan di Pioli ha una media punti inferiore a quella di Giampaolo (certo, il calendario ha fatto la differenza, ma i numeri sono chiari). E i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Il risiko di gennaio: ecco cosa serve e a chi. Juve, due cessioni. Inter, due acquisti. Milan, no a Ibra. Napoli, Firenze e Torino: panchine di cristallo. Lega, ecco il Presidente 25.11 - Un mese esatto al Natale. Auguri. Poco più di un mese alla riapertura del calciomercato. Condoglianze. Sembra ieri che finiva il mercato estivo e già riapre quello invernale. Evviva. Ci divertiamo. Anche perché il campionato a volte ci annoia, la sosta lo ammazza. Chi ha sbagliato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510